Archive for the 'golosità' Category

nov 29 2018

il latte è buono e fa bene 29 11 2018

IL LATTE E’ BUONO E FA BENE Caterina e Giorgio Calabrese sull’Avvenire, il giornale dei Vescovi italiani, dove si può leggere il seguito del lungo articolo. —È in corso da tempo una preoccupante campagna disinformativa sul latte, che sta creando allarme nei consumatori italiani. I dubbi più frequenti riguardano la quantità e ci si chiede se se ne beve poco o troppo, ma il quesito più importante riguarda il suo consumo: fa bene o fa male? Per fugare ogni dubbio, diciamo subito che no, non fa male, tranne che agli allergici e agli intolleranti. A questo infondato allarmismo ha contribuito il veganesimo, che può arrivare a sconsigliare il consumo di latte fin dalla prima infanzia, quando i neonati vengono definiti proprio ‘lattanti’, con riferimento all’unico alimento idoneo per loro. Le accuse contro il latte (oltre che alle proteine di origine animale in generale) toccano un po’ tutti gli ambiti patologici, sconfessando ogni evidenza scientifica. Un certo tipo di visione del mondo ha l’orgoglio di reputarsi performante, quindi è la scienza che deve adattarsi alle loro teorie. Un’assurdità inapplicabile, che crea un largo campo di accuse senza solide basi, come tacciare il latte di causare di svariate patologie. Naturalmente tutti siamo in attesa delle evidenze scientifiche a supporto di certe tesi, che tuttavia tardano ad arrivare. Nel frattempo si creano allarmismo e confusione, con alcuni media e alcuni siti internet che fanno da cassa di risonanza.
Cremona 29 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 26 2018

newsletter agricultura.it 26 11 2018

NEWSLETTER DEL 26 NOVEMBRE 2018 DI AGRICULTURA.IT Nelle campagne italiane per ogni giovane ci sono 7 over 65enni. Banca delle Terre agricole occasione da sfruttare Alle 23.59 del 2 dicembre scadrà la possibilità di presentare la manifestazione di interesse per poter acquistare uno dei terreni in vendita nel bando nazionale di Ismea della Banca delle terre agricole. Ma come prosegue il passaggio fra anziani e giovani nelle nostre campagne? Campagna olivicola finita con 2 mesi di anticipo, 1 milione di giornate lavorative perse. In Puglia produzione in calo fino al 90 per cento Pomodoro da industria, calano i derivati. -8,5% rispetto al 2017 nel Nord Italia Cereali. Importazioni in Italia aumentate di 516mila tonnellate nelle quantità (+3,9%) e nei valori (+2,3%) Prodotti agroalimentari UE: 191 milioni di euro per la promozione sui mercati esteri Netsens presenta IoT (Internet of Things). La viticoltura di precisione è nel futuro
La piattaforma equipaggerà i sistemi VineSense ed AgriSense, ormai adottati da alcune tra le più importanti aziende del settore vitivinicolo ed agricolo, ed installati in migliaia di esemplari in Italia ed all’estero Semplificazione in agricoltura. Cancellato l’obbligo del Libro unico del lavoro (Lul) telematico Bardolino festeggia i 50 anni della Doc. Dall’8 al 10 dicembre tre giorni di eventi

No responses yet

nov 26 2018

la replica 26 11 2018

Published by under cronaca cremonese,golosità

LA REPLICA
Sempre applausi scroscianti per il Fior di Primavera di Rivoltini, assaggio in famiglia allargata, a Francoforte sul Meno; tornato a Cremona prima del Fior d’Estate, nel timore di perdere l’udito……

Cremona 26 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 25 2018

cremona sempre l’ultima? 25 11 2018

CREMONA SEMPRE L’ULTIMA? Apre a Ravenna, in piazza dei Carabinieri, il primo mercato coperto contadino di Romagna fatto dagli agricoltori, con produzioni a filiera corta, direttamente dal campo alla tavola. Un’iniziativa targata Campagna Amica che ogni settimana coinvolgerà decine di produttori provenienti da tutta la provincia. Per l’occasione presenti rappresentanti delle istituzioni, consumatori, bambini delle scuole della città e, ovviamente, gli agricoltori con i loro prodotti a km zero. Durante la mattinata ci sono state attività per i più piccoli organizzate dalle fattorie didattiche Coldiretti, show cooking con gli agrichef di Campagna Amica e iniziative per i cittadini. In occasione dell’inaugurazione è scattato proprio dal nuovo mercato coperto la raccolta firme per la petizione “Eat original! Unmask your food” (Mangia originale, smaschera il tuo cibo). I cittadini potranno firmare per la prima volta a Ravenna la petizione per chiedere alla Commissione di Bruxelles di agire sul fronte della trasparenza e dell’informazione al consumatore sulla provenienza di quello che si mangia. L’iniziativa, approvata dalla stessa Commissione UE e promossa da Coldiretti e Fondazione Campagna Amica, ha il sostegno di numerose organizzazioni e sindacati di rappresentanza. La raccolta firme proseguirà anche domenica 18 novembre, quando il mercato, in via eccezionale, rimarrà aperto per tutta la mattinata. Il mercato agricolo osserverà questi orari settimanali: martedì dalle ore 8.30 alle ore 13.00, venerdì dalle ore 15.00 alle ore 19.30 e sabato mattina, sempre dalle ore 8.30 alle ore 13.00. In vendita le eccellenze della campagna ravennate: dall’ortofrutta all’olio extravergine di Brisighella, dai formaggi ai salumi bio, dal vino al pane, ma anche miele, confetture, farine e prodotti da forno. Il mercato coperto contadino sarà animato nei fine settimana che ci accompagneranno al Natale da eventi dedicati alla cultura e alle tradizioni rurali, alla salute e ai consumi.

No responses yet

nov 23 2018

il grande olio italiano! 23 11 2018

Published by under cronaca nazionale,golosità

IL GRANDE OLIO ITALIANO! A conclusione delle stagione di raccolta delle olive lungo tutta la Penisola, arriva la Giornata della riscossa degli extravergine italiani che rischiano di essere ingiustamente diffamati da bollini allarmistici e tasse ingiustificate volute da alcuni Paesi con una risoluzione che esorta gli Stati Membri dell’Onu ad adottare sistemi di etichettatura ingannevoli e politiche fiscali punitive, da discutere all’Assemblea Generale a New York entro l’anno. Ma già oggi sulle confezioni di extravergine Made in Italy vendute dalla Gran Bretagna al Cile vengono apposti semafori rossi o bollini neri per disincentivare il consumo del prodotto base della dieta mediterranea, considerato da sempre un elisir di lunga vita. Un grave danno per i produttori nazionali che danno appuntamento sabato 24 novembre alle ore 9,30 in tutta Italia a partire dalla Capitale nel mercato di Campagna Amica al Circo Massimo, in via San Teodoro 74, per fare un bilancio della stagione, presentare ai cittadini le varietà storiche delle olive italiane, far conoscere le proprietà salutistiche e dare consigli per gli acquisti con degustazioni e laboratori anche in vista dei regali di Natale. A Milano, nel mercato coperto di Campagna Amica di Porta Romana spazio agli assaggi di olio nuovo dei laghi lombardi, mentre a Padova (via Vicenza) si illustrerà il viaggio dell’olio alla pianta alla bottiglia. A Sassari, al Mercato Emiciclo Garibaldi spremitura “live” delle oliva con torchio manuale. A Palermo nel mercato di Villa Sperlinga assaggi di olio mentre a Catanzaro in via Nazionale è prevista l’illustrazione del processo di molitura, ma iniziative sono previste in tutte le regioni. Scarica il programma completo degli eventi in tutta Italia su —>Olio e molitura delle olive Per l’occasione sarà diffuso lo studio Coldiretti “La riscossa degli oli italiani” con un’analisi sui consumi e sui nuovi studi sulle proprietà di un alimento cardine per la salute dei cittadini.

No responses yet

nov 22 2018

rivoltini a francoforte sul meno, 22 11 2018

RIVOLTINI A FRANCOFORTE SUL MENO,
che è la capitale finanziaria di Germania, quindi d’Europa; ieri assaggio in famiglia, con amici, dei suoi torroni: solo applausi, convinti e golosi.

Francoforte 22 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 21 2018

quelli del formaggio buono, 21 11 2018

Published by under cronaca cremonese,golosità

QUELLI DEL FORMAGGIO BUONO,
compreso il nuovo entrato: il pecorino sardo! da www.cremonaoggi.it:
—Questa sera, nell’ambito della XXII edizione del Premio EY che celebra l’imprenditoria italiana, Antonio, Giandomenico e Alberto Auricchio verranno premiati nella categoria Family Business, “per essere riusciti con grande passione, spirito di squadra ed attenzione alle persone, a raggiungere grandi traguardi, attraverso un modello di business vincente basato sulla qualità del prodotto e un’unione saldissima che sa rigenerarsi di padre in figlio garantendo continuità e sviluppo.” Questa la motivazione del premio che verrà consegnato loro stasera nel corso di una cerimonia a Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italia a Milano.

Cremona 21 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 20 2018

il sapore meraviglioso del grana padano 20 11 2018

Il sapore meraviglioso del Grana Padano. Al via nuova campagna comunicazione del Consorzio
«Per gli italiani vivere bene significa mangiare bene, perché il cibo è uno degli ingredienti che contribuiscono a rendere migliore il vivere quotidiano. Fra questi alimenti che fanno bene e aiutano a star bene rientra certamente il Grana Padano, prodotto ogni giorno con tanta passione e professionalità da caseifici che attraverso il loro operato contribuiscono ad incrementare la qualità della vita. Il nostro formaggio è un’eccellenza gastronomica del bel Paese ed è riconosciuto in tutto il mondo per quel gusto e quelle proprietà nutrizionali che caratterizzano il Grana Padano standard e si esaltano in quello Riserva, a dimostrazione di come ciò che è buono in partenza con il tempo diventa straordinario».
Con queste parole Nicola Cesare Baldrighi, presidente del Consorzio Tutela Grana Padano, presenta e spiega la nuova campagna di comunicazione del Consorzio tesa, tra le altre cose, a rafforzare il segmento del Grana Padano Riserva, un’eccellenza nell’eccellenza del formaggio DOP più consumato al mondo. La pianificazione pubblicitaria prevista per i mesi di novembre e dicembre sarà multicanale, per un investimento totale del valore di 4 milioni e 600 mila euro. Per la TV è previsto uno spot che andrà in onda per cinque settimane con un primo soggetto istituzionale, dal 18 novembre all’8 dicembre, e uno a tema natalizio, dal 16 al 29 dicembre 2018. Lo stesso messaggio sarà declinato anche per la Radio, con dei passaggi programmati nelle due settimane comprese fra il 9 e il 22 dicembre 2018. Sulla carta stampata la pianificazione prevede uscite sui maggiori quotidiani fra il 17 e il 23 dicembre 2018, mentre sui canali digital sono previste diverse attività web e social, come video e applicazioni interattive. «Il marchio Grana Padano – precisa Stefano Berni, Direttore Generale del Consorzio Tutela Grana Padano – rappresenta valori radicati nella cultura gastronomica degli italiani, per i quali la qualità delle materie prime, il made in Italy, il mangiar bene e sano vengono prima di tutto. Questo si rispecchia poi nelle scelte fatte al supermercato o in bottega, come sottolineano diverse ricerche sulle propensioni di spesa. Da queste, infatti, si evince che per la metà dei nostri connazionali mangiare è uno dei principali piaceri della vita e un italiano su tre è disposto a spendere qualcosa in più per essere certo di acquistare un prodotto di qualità». «Con questa campagna di comunicazione – conclude il presidente Nicola Cesare Baldrighi – vogliamo migliorare ulteriormente il nostro dialogo con i consumatori, perché Grana Padano è sempre più presente nella vita delle persone ed è nostro compito trasmettere loro la consapevolezza di nutrirsi con ciò che allo stesso tempo fa bene e fa star bene. Il marchio del Consorzio, in questo senso, è garanzia di benessere». Da agricultura.it

No responses yet

nov 20 2018

a ripalta cremasca 20 11 2018

A RIPALTA CREMASCA
Da Sussurrandom, Stefano Mauri, gran forchetta!
—Applausi (meritatissimi) per Stefano Fagioli quindi, Chef sempre sul pezzo, attore protagonista col suo “Via Vai” pure sulla prestigiosissima guida griffata Touring Club. Chapeau al buon Stefano, Eccellenza Cremasca da esportazione conosciuta e apprezzata un po’ in tutto il mondo: Cinecittà e Hollywood comprese—
Se Stefano&Stefano permettono: apprezzata anche da Flaminio!

Cremona 20 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 19 2018

il maltempo che troppa bontà cancella………….. 19 11 2018

Published by under cronaca nazionale,golosità

IL MALTEMPO, CHE TROPPA BONTA’ CANCELLA……………….. Il maltempo dimezza la produzione di olio evo. Crollano i raccolti a meno di 265 milioni di chili, un valore vicino ai minimi storici per la pianta simbolo della dieta mediterranea, pesantemente colpita dalla tropicalizzazione del clima
Con una produzione praticamente dimezzata per il crollo vicino al 40% dei raccolti, è l’olio extravergine di oliva Made in Italy a subire quest’anno gli effetti più pesanti del cambiamento climatico con l’ultima ondata di maltempo che, con il vento, non solo ha spazzato via le olive dagli alberi ma ha sradicato e spaccato migliaia di ulivi anche secolari. È quanto emerge dal primo bilancio della Coldiretti che ha convocato una vera e propria task force sull’emergenza maltempo. Particolarmente grave la situazione in Puglia con una violenta tromba d’aria che ha colpito la provincia di Brindisi, ma segnalazioni dagli olivicoltori arrivano da tutte le regioni, dalla Calabria al Lazio fino alla Liguria, dove ad essere colpita è stata la pregiata varietà Taggiasca. Una strage che colpisce il settore dopo le gelate invernali di Burian dello scorso febbraio che hanno compromesso 25 milioni di ulivi in zone particolarmente vocate lungo tutta la Penisola. Il risultato è il crollo dei raccolti a meno di 265 milioni di chili, un valore vicino ai minimi storici per la pianta simbolo della dieta mediterranea pesantemente colpita dalla tropicalizzazione del clima.
La Puglia si conferma essere la principale regione di produzione, con 87 milioni di chili, nonostante il calo del 58%, mentre al secondo posto si trova la Calabria, con 47 milioni di chili e una riduzione del 34%, e sul gradino più basso del podio c’è la Sicilia dove il taglio è del 25%, per una produzione di 39 milioni di chili, mentre in Campania il raccolto è di 11,5 milioni di chili, in riduzione del 30%. Al centro diminuisce a 11,6 milioni di chili la produzione in Abruzzo (-20%) e a 14,9 milioni di chili nel Lazio (-20%) mentre aumenta a 15 milioni di chili in Toscana (+20%) come nel nord dove complessivamente si registra un aumento del 30%. I danni agli ulivi comporteranno conseguenze pesanti anche nel lungo periodo, fermo restando il disastroso impatto a livello ambientale.
Il rischio per i consumatori è che nelle bottiglie di olio, magari vendute sotto marchi italiani ceduti all’estero o con l’etichetta delle grande distribuzione si trovi prodotto straniero (tunisino, spagnolo o greco), peraltro favorito da etichette dove l’indicazione della provenienza è spesso illeggibile. Nel 2018 gli arrivi di olio dalla Tunisia sono quasi triplicati (+170%) e potrebbero crescere ulteriormente se l’Unione Europea rinnoverà l’accordo per l’ingresso di contingenti d’esportazione di olio d’oliva a dazio zero verso l’Ue per 35mila tonnellate all’anno scaduto il 31 dicembre 2017, oltre alle 56.700 tonnellate previste dall’accordo di associazione Ue-Tunisia (in vigore dal 1998).
Sulle confezioni è praticamente impossibile, nella stragrande maggioranza dei casi, leggere le scritte “miscele di oli di oliva comunitari”, “miscele di oli di oliva non comunitari” o “miscele di oli di oliva comunitari e non comunitari” obbligatorie per legge nelle etichette dell’olio di oliva dal primo luglio 2009, in base al Regolamento comunitario n.182 del 6 marzo 2009. In attesa che vengano strette le maglie ancora larghe della legislazione, il consiglio è quello di diffidare dei prezzi troppo bassi, guardare con attenzione le etichette e acquistare extravergini a denominazione di origine Dop, quelli in cui è esplicitamente indicato che sono stati ottenuti al 100 per 100 da olive italiane o di acquistare direttamente dai produttori olivicoli, nei frantoi o nei mercati di Campagna Amica dove è possibile assaggiare l’olio Evo prima di comprarlo e riconoscerne le caratteristiche positive.

No responses yet

« Prev - Next »