Archive for the 'golosità' Category

mag 25 2017

tempo di fragole e ciliege 25 05 2017

Al Mercato di Campagna Amica a Crema è tempo di fragole e ciliegie
Uscita speciale domenica 28 maggio
Domenica 28 maggio a Crema, presso la quarta pensilina di via Verdi, dalle ore 8 alle 12, sarà “Tempo di fragole e ciliegie”. E’ questa la proposta che gli agricoltori di Coldiretti rivolgono ai buongustai: un’uscita speciale del Mercato di Campagna Amica, intitolata ai frutti di stagione, che saranno offerti in degustazione e venduti a un “prezzo amico”.
“Ormai è una consuetudine: in ogni stagione cerchiamo di porre in evidenza un prodotto del nostro territorio, sottolineandone la bontà e le proprietà, e magari dando qualche consiglio su come gustarlo. Questa volta è di scena la frutta, ed in particolare puntiamo su fragole e ciliegie” spiega Alberto Soragni, dell’azienda agricola Bredina di Costa S.Abramo, che offrirà una degustazione di crostate di fragola.
L’invito per quanti si recheranno a fare la spesa al Mercato di Campagna Amica a Crema, naturalmente, è quello di non trascurare anche tutti gli altri prodotti dell’agricoltura del territorio. Accanto alla frutta di stagione, il Mercato propone, infatti, tante altre eccellenze a km zero, dai prodotti da forno al salame nostrano, dalle confetture ai formaggi (con latte di vacca, capra, bufala), dal vino (in arrivo dall’Oltrepò Pavese) al miele, dalla verdura di stagione alle carni. E, per chiudere nel segno della bellezza, ci sono i fiori.——————
Come spiega da un mese, ogni giorno, la Provincia fin che c’è, Coldiretti e capitan Voltini proseguono l’opera di distruzione dell’Agricoltura, con l’obiettivo finale di abbattere il “sistema Cremona”, quello sorretto da Libera e Pivantonio e alleati al seguito, che sgomitano ogni giorno per essere ospitati dalla Provincia fin che c’è, e farsi conoscere dai lettori per quel che sono.

No responses yet

mag 24 2017

il pomodoro d’oro 24 05 2017

Coldiretti Cremona: “Consorzio Casalasco del Pomodoro
orgoglio dell’agricoltura cremonese”
Il gigante guidato dal Presidente Paolo Voltini riconosciuto “miglior impresa dell’agroalimentare in Lombardia”
“Una realtà di cui tutti noi non possiamo che andare fieri. Un vanto per Cremona e per l’Italia. Da parte di Coldiretti Cremona, di tutti i nostri soci, esprimo soddisfazione e orgoglio, insieme alle congratulazioni più sincere, al Presidente Paolo Voltini, che guida il Consorzio Casalasco del Pomodoro dal 2002, e al Direttore Costantino Vaia, per gli straordinari risultati che hanno raggiunto, in un percorso prezioso per l’economia e l’occupazione del nostro territorio”. Mauro Donda, Direttore di Coldiretti Cremona, sottolinea con queste parole la soddisfazione dell’agricoltura cremonese per il riconoscimento conseguito dal Consorzio Casalasco del Pomodoro, che ha ricevuto il titolo di “miglior impresa dell’agroalimentare in Lombardia”.
A decretarlo è stato un comitato scientifico composto da delegati dell’Università LUISS Guido Carli e di Confindustria Lombardia. Nei giorni scorsi la Lombardia che compete ha celebrato le 50 aziende che hanno fatto registrare le migliori performance gestionali dell’anno.
Il Consorzio Casalasco del Pomodoro di Rivarolo del Re (Cremona) ha così ottenuto il prestigioso Premio Industria Felix, come migliore impresa agroalimentare della Regione.
Organizzato dall’omonima associazione culturale, riservato alle eccellenze imprenditoriali e patrocinato dall’Università LUISS Guido Carli e Confindustria Lombardia, il Premio Industria Felix nasce da un’inchiesta del giornalista Michele Montemurro, sulla base dei dati Cerved, sui bilanci dell’anno 2015 (gli ultimi disponibili) di 31mila società di capitali con sede legale in Lombardia e fatturati compresi tra i 2 milioni e i 19,7 miliardi di euro.
Tra queste imprese solo in cinquanta hanno ricevuto il riconoscimento. Con il Consorzio Casalasco del Pomodoro sono stati premiati in differenti settori produttivi: Giorgio Armani Spa, Galbusera, L’Erbolario, Luxottica Group, Marcegaglia, per citarne solo alcuni.—————
Una sola nota: per la Libera e i numerosi alleati capitan Voltini vuol distruggere il “sistema Cremona” e, naturalmente, l’Agricoltura; basta allontanarsi due centimetri da Cremona per respirare un’altra aria, che fa vedere le cose per quel che realmente sono.

No responses yet

mag 24 2017

lui non sa chi è lui 24 05 2017

LUI NON SA CHI E’ LUI!
Da qualche domenica un imprenditore casalasco che ha fatto fortuna affida la recensione del suo ristorante e dei suoi vini al Pennadoro: occhio ai pesci vivi, serviti in tavola a temperatura ambiente…..

Cremona 24 05 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

mag 21 2017

festa grande a Pizzighettone 21 05 2017

Published by under cronaca cremonese,golosità

‘Tre giorni’ di Pizzighettone, il vero made in Italy
grande protagonista allo stand di Coldiretti Cremona

Punto d’incontro per agricoltori, cittadini e rappresentanti istituzionali

Le eccellenze dell’agricoltura cremonese e italiana sono in primo piano, alla “Tre giorni in piazza di Pizzighettone”, presso lo stand di Coldiretti Campagna Amica, come sempre affollato punto d’incontro per agricoltori, rappresentanti istituzionali e cittadini.
Inaugurata venerdì, la ventinovesima edizione della tradizionale kermesse presso le casematte della cerchia muraria prosegue nella giornata di oggi, per chiudersi in serata.
Per Coldiretti Cremona anche questo appuntamento sul territorio, che si affianca alla costante presenza di Campagna Amica nelle principali piazze (oggi gli agricoltori sono anche a Crema, nel consueto appuntamento con il mercato a km zero in via Verdi), è occasione per proseguire nel dialogo con i cittadini, primi alleati degli agricoltori nella tutela e promozione del vero made in Italy.
Le imprenditrici agricole e i giovani agricoltori, insieme all’associazione pensionati, sono in prima linea allo stand presso le antiche mura di Pizzighettone, per il consueto incontro con le famiglie del territorio: la proposta delle degustazioni e il dono di alcune eccellenze dell’agricoltura made in Cremona (dai prodotti lattiero-caseari alla passata di pomodoro) sono occasione per tornare a sottolineare l’importanza di acquistare e portare in tavola prodotti autenticamente italiani.
Attenzione puntata, in primis, sulle eccellenze della nostra zootecnia: “Oggi abbiamo la possibilità di scegliere di acquistare latte e prodotti lattiero-caseari realmente italiani – ha evidenziato Paolo Voltini, Presidente di Coldiretti Cremona – grazie alla battaglia che Coldiretti, insieme ai cittadini, ha condotto con determinazione, ottenendo la legge che ha sancito l’obbligo di indicare in etichetta l’origine del latte. E’ una conquista storica, per i consumatori e per la nostra zootecnia. Con l’obiettivo di vedere finalmente riconosciuto il giusto valore al latte delle nostre stalle”.

No responses yet

mag 18 2017

tre giorni in piazza 18 05 2017

In primo piano la tutela del vero Made in Italy
Coldiretti Cremona da domani
alla “Tre giorni in piazza” di Pizzighettone

Difesa e valorizzazione del vero Made in Cremona e del vero Made in Italy saranno al centro della presenza di Coldiretti Cremona alla ventinovesima edizione della “Tre giorni in piazza” di Pizzighettone, tradizionale kermesse che si aprirà domani sera (con inaugurazione alle ore 20.30) presso le casematte della cerchia muraria, per proseguire fino a domenica 21 maggio. Lo stand di Coldiretti Campagna Amica sarà punto d’incontro fra imprenditori agricoli, rappresentanti delle istituzioni, cittadini.
Per Coldiretti Cremona anche questo appuntamento sul territorio, che segue l’affollato convegno a FierAgrumello e la costante presenza di Campagna Amica in tutte le principali piazze, è occasione per proseguire nel dialogo con i cittadini, primi alleati degli agricoltori nella tutela e promozione del vero made in Italy.
“Le imprenditrici agricole, i giovani agricoltori e l’associazione pensionati saranno in prima linea allo stand presso le antiche mura. L’incontro con le famiglie del territorio, anche attraverso la proposta di degustazioni dei tesori del nostro agroalimentare, ci dà modo di tornare a sottolineare l’importanza di scegliere prodotti autenticamente italiani” evidenzia Paolo Voltini, Presidente di Coldiretti Cremona.
Attenzione puntata, in primis, sulle eccellenze della nostra zootecnia: “Oggi abbiamo la possibilità di scegliere di acquistare latte e prodotti lattiero-caseari realmente italiani – prosegue Voltini – grazie alla battaglia che Coldiretti, insieme ai cittadini, ha condotto con determinazione, ottenendo la legge che ha sancito l’obbligo di indicare in etichetta l’origine del latte. E’ stata una conquista storica, per la nostra zootecnia e per i consumatori. Per le stalle cremonesi, che da sole garantiscono il dieci per cento del latte italiano, si aprono scenari nuovi, con la possibilità di vedere finalmente riconosciuto il giusto valore al nostro latte”.

No responses yet

mag 18 2017

il gran lambrusco di sorbara 18 05 2017

Published by under golosità

IL GRAN LAMBRUSCO DI SORBARA Cari amici, giovedì 1 giugno 2017 dalle ore 19 siete tutti invitati alla XII edizione di ROSSO RUBINO manifestazione culturale ed enogastronomica dedicata al Lambrusco di Sorbara, al suo territorio e alle sue cantine che, con visite, degustazioni e convivialità, accoglieranno i loro ospiti.
Il titolo della serata sarà “SORBARISO” ed avrà il seguente programma:
ore 19.00 visita della cantina con degustazione in collaborazione con Onav, Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino sezione di Modena;
ore 20.30 abbinamenti gastronomici in collaborazione con Riseria Melotti di Isola della Scala, Salumificio Mec Palmieri e Pasticceria Remondini;
ore 21.30 esibizione di danza aerea a cura di Equilibra Modena.
Intrattenimento musicale del gruppo Stivie and The Jacks.
Costo della serata € 10,00 senza prenotazione.
Per il programma completo clicca qui Sabato 27 e domenica 28 maggio aderiremo alla 25° edizione di CANTINE APERTE evento enoturistico organizzato dal Movimento Turismo del Vino. In entrambe le giornate, ad ingresso gratuito, si potrà visitare la cantina e degustare i nostri vini dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30.
Per ulteriori informazioni clicca qui Vi aspettiamo! Alberto e Barbara Paltrinieri per maggiori informazioni: 059 902047 info@cantinapaltrinieri.it

No responses yet

mag 15 2017

spes ultima dea 15 05 2017

SPES ULTIMA DEA
Nemmeno in Toscana si salvano dal voluttuoso desiderio di eguagliarli del Pennadoro, i ristoranti; anche ieri: “Il locale è adatto a ospitare banchetti (la capienza arriva fino a 140 coperti), cene romantiche, pranzi di lavoro o riunioni di famiglia o tra amici”
Per la prova del nove, dobbiamo attendere una visita al McDonald’s.

Cremona 15 05 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

mag 14 2017

fiori in trionfo 14 05 2017

Un trionfo di fiori – naturalmente dedicati alle mamme e alla loro festa – accoglie oggi i cremonesi in piazza Stradivari, al mercato di Campagna Amica. Baciata dal sole (e ‘inaugurata’ dallo start di Bimbinbici, appuntamento dedicato ai piccoli ciclisti organizzato da Fiab Cremona, che ha preso il via da piazza Stradivari), accompagnata già dalle ore 8 (e si prosegue fino alle 19) da numerosissime presenze, la ‘giornata a tema’ degli agricoltori di Coldiretti Cremona nel salotto della città non poteva che essere un colorato omaggio a tutte le mamme di Cremona e del mondo.
Non si poteva che partire dai fiori, oggi grandi protagonisti del mercato. “Più di un italiano su tre (il 34 per cento) non rinuncia ad offrire un mazzo di fiori o una pianta alla mamma in occasione della tradizionale ricorrenza della seconda domenica di maggio” spiega Coldiretti Cremona, a partire dai dati del sondaggio on line effettuato sul sito web della Coldiretti, dal quale si evidenzia che i fiori restano l’omaggio più gettonato. E’ anche l’occasione per sottolineare tutto il valore del settore florovivaistico Made in Italy, uno dei settori di punta dell’economia agricola del nostro paese, con un valore della produzione attorno ai 2,5 miliardi di euro, che alimenta un fortissimo indotto – spiega Coldiretti – afferente allo sviluppo di fattori di produzione, macchine, strutture, distribuzione, logistica, pubblicità, progettazione, assistenza tecnica, manutenzione ed altro ancora, contribuendo con 753,6 milioni di euro di esportazioni e un saldo attivo negli scambi pari a circa 230 milioni di euro nel 2016, alla nostra bilancia commerciale. Le imprese florovivaistiche italiane, impegnate nella coltivazione di oltre 2.000 specie vegetali, sono – prosegue la Coldiretti – ben 30.000, con oltre 100.000 occupati.
Ma non di soli fiori vive la giornata al Mercato di Campagna Amica in piazza Stradivari a Cremona. Dedicati ai buongustai, ci sono come sempre tutti i sapori made in Cremona e Made in Lombardia (e con alcune aziende ospiti da altre regioni d’Italia), garantiti dagli agricoltori della Coldiretti, con una speciale attenzione per il frutto di stagione (le fragole, con una degustazione di crostata di fragole, alle ore 16). E per i più piccoli, accanto alla consueta “fattoria dei bambini”, c’è il laboratorio dove realizzare e colorare il proprio ‘lavoretto’. Da regalare alla mamma, naturalmente.

No responses yet

mag 13 2017

basta un disagio solo 13 05 2017

BASTA UN DISAGIO SOLO a qualificare un “evento” gastronomico, senza bisogno di sondaggi, se davvero si vuol spingere Cremona tra i luoghi di eccellenza alimentare: la puzza. Dal servizio di www.cremonaoggi.it: –Gli eventi di grande richiamo in centro storico, come il Mercato Europeo ma non solo, suscitano da sempre reazioni contrastanti, tra chi vede in essi una buona occasione per vivacizzare l’ambiente cittadino e chi lamenta disagi quali difficoltà ad accedere ai passi carrai o alle aree di proprietà, cattivi odori, oscuramento delle vetrine.
Cremona 13 05 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

mag 08 2017

tuttofood 08 05 2017

TUTTOFOOD: CON +10% RECORD STORICO ITALIAN FOOD ALL’ESTERO IN 2017
USA CON +11% SONO PRIMO MERCATO FUORI UE MA PREOCCUPA DOPO OBAMA

Record storico nelle esportazioni di prodotti agroalimentari Made in Italy che nel 2017 hanno fatto segnare un balzo del 10%. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti presentata all’apertura di Tuttofood, alla Fiera di Milano, sulla base dei dati Istat sul commercio estero a gennaio 2017 che migliora il dato mensile dello scorso anno dopo che nell’ intero 2016 era stato raggiunto il massimo di sempre di 38,4 miliardi di euro. Il prodotto alimentare italiano piu’ apprezzato all’estero – sottolinea la Coldiretti – è il vino con un valore di 5,6 miliardi nel 2016, seguito dalla frutta fresca e trasformata con 4,6 miliardi, dagli ortaggi freschi e trasformati per 3,7 miliardi, da animali, carni e salumi per 3 miliardi, latte e derivati per 2,7 miliardi, la pasta con 2,3 miliardi e olio di oliva per 1,2 miliardi
Quasi i due terzi delle esportazioni nel 2017 – sottolinea la Coldiretti – interessano i Paesi dell’Unione Europea con il mercato comunitario che aumenta del 6%, ma il Made in Italy a tavola continua a crescere su tutti i principali mercati, dal Nordamerica all’Asia fino all’Oceania. Un balzo del 59% si registra in Russia dove tuttavia i valore restano contenuti a causa dell’embargo che ha colpito gran parte dei prodotti alimentari ad eccezione del vino e della pasta ma gli Stati Uniti – sottolinea la Coldiretti – sono di gran lunga con una crescita dell’11% il principale mercato fuori dai confini dall’Unione, ed il terzo in termini generali dopo Germania e Francia e prima della Gran Bretagna.
Sul successo del Made in Italy agroalimentare all’estero – continua la Coldiretti – pesano dunque in misura rilevante i cambiamenti in atto nella politica internazionale che potrebbero tradursi in misure neoprotezionistiche. Se il risultato delle elezioni francesi con la vittoria dell’ europeista Emmanuel Macron dovrebbe scongiurare scossoni, nel rapporto con la Gran Bretagna si attendono gli effetti della Brexit mentre si attendono gli effetti degli annunci del successore di Barack Obama alla guida degli Stati Uniti, il neopresidente Donald Trump, che sta per scegliere i prodotti dell’Unione Europea da colpire come risposta alla controversia generata dalla questione della mancata importazione di carne dagli Usa in Europa per la disputa sugli ormoni iniziata con il ricorso al Wto nel 1996. Nella black list all’interno della quale scegliere pubblicata dall’United States Trade Representative sul Registro federale ci sono – precisa la Coldiretti – le acque minerali che complessivamente hanno fatto segnare un valore dell’export in Usa di 147 milioni di euro nel 2016 seguite dalle polpe e dai pomodori pelati per 78,9 milioni di euro, i tartufi freschi o refrigerati per 9,7 milioni di euro, le castagne per 5 milioni e le barrette di cioccolata per appena un milione di euro.
ll settore agroalimentare troppo spesso è considerato merce di scambio nelle trattative internazionali senza alcuna considerazione del pesante impatto che ciò comporta sul piano economico, occupazionale e ambientale.” ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “l’andamento sui mercati internazionali potrebbe ulteriormente migliorare da una piu’ efficace tutela nei confronti della “agropirateria” internazionale che fattura oltre 60 miliardi di euro utilizzando impropriamente parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che si richiamano all’Italia per prodotti taroccati che non hanno nulla a che fare con la realtà nazionale. All’estero – precisa la Coldiretti – sono falsi quasi due prodotti alimentari di tipo italiano su tre. In testa alla classifica dei prodotti più taroccati – conclude la Coldiretti – ci sono i formaggi a denominazione di origine Dop a partire dal Parmigiano Reggiano e dal Grana Padano, ma anche il Provolone, il Gorgonzola, il Pecorino Romano, l’Asiago o la Fontina. Poi ci sono i salumi più prestigiosi dal Parma al San Daniele che spesso “clonati”, ma anche gli extravergini di oliva, le conserve e gli ortofrutticoli come il pomodoro San Marzano. Se gli Stati Uniti sono i “leader” della falsificazione, le imitazioni sono molto diffuse dall’Australia al Sud America, ma anche sul mercato europeo.———————————-
Commento, mio: non mi stupirei qualcuno accusasse Coldiretti d’esser responsabile dell’inarrestabile arrivo di migranti, a furia di ripetere che in Italia si mangia tanto bene che il mondo ci copia…….

No responses yet

Next »