Archive for the 'cronaca nazionale' Category

ago 15 2017

sempre coldiretti 15 08 2017

SEMPRE COLDIRETTI Da www.cremonaoggi.it; quando si tratta di fare, ecco i berretti gialli; quando si tratta di chiacchiere o Sistemi, i nati ricchi di Confagricoltura occupano maestosamente le poltrone. —Boom di Ferragosto per gli agriturismi lombardi, dove il 50% degli ospiti, soprattutto su laghi e monti, arriverà dall’estero, in particolare dal nord Europa. E’ quanto emerge da una rilevazione della Coldiretti regionale sulle oltre 1.600 “oasi del relax” dalle Alpi al Po. Compresa la provincia di Cremona, con le sue 72 strutture distribuite su tutto il territorio, a conferma di quanto è apprezzata ancora oggi la vacanza agreste. “Le strutture aperte sono quasi raddoppiate in poco più di dieci anni e si tratta di una crescita che va di pari passo con la tendenza a cercare cibo genuino, natura, attività all’aria aperta ma senza lo stress del dover fare per forza qualcosa” spiega Valeria Sonvico, responsabile regionale di Terranostra, l’associazione degli agriturismi di Campagna Amica Coldiretti. “Quest’anno la settimana di Ferragosto si annuncia al completo o quasi, con in media un 50% di ospiti stranieri, in particolare dal nord Europa”.
Ceriana 15 08 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ago 15 2017

la legge del più forte-seicentoquattordici 15 08 2017

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – SEICENTOQUATTORDICI
Dopo alcune puntate prese qua e là dalla stampa maggiore, che pilucca i casi più famosi, ecco mezza paginetta dal finale del mio libretto, dove credo di aver spiegato anche al profano che i tre processi Iori non hanno, come il caso Bossetti, una pulce grandiosa, ma semplicemente sono una raccolta di pulci, una più pulce dell’altra! —E’ tutto così chiaro? Non credo; torniamo alle righe più spettacolari dell’intero procedimento, dalla motivazione di Cremona, dove il giudice, usando il suo libero convincimento, pensa di convincere noi, popolo italiano, come Iori abbia rifilato lo Xanax :
“Non avendo la sfera di cristallo non è possibile indicare con precisione quale fu l’espediente usato (uno di quelli descritti, un altro ancora) per riuscire nell’intento, né è necessario”
La sfera di cristallo è una sfortunatissima scelta di vocaboli; molto peggio, per me, è il finale “né è necessario”, che ricorda la famosa partita di poker di re Faruk; Faruk ritira il piatto dichiarando “quattro assi”, l’altro insiste con il rituale “vedo”, Faruk, mischiando le carte, sogghigna beffardo: parola di re!
Finite le risa, tutte dovute! la domanda: dalla Corte d’Appello e dalla Cassazione, che pure rileggono e ricopiano tutto, nessun accenno alla sfera; sono d’accordo sia uno strumento processuale, o non? comunque, perché tacciono? E se Appello e Cassazione fossero sotto gli occhi di milioni di cittadini, confermerebbero il silenzio?
Porto la provocazione agli estremi: se al concorso, prove scritte, un aspirante giudice scrive una frase simile, è ammesso alle prove successive?
Dai processi Iori, dovrebbe giungere un chiaro: sì! perché l’inventore della sfera di cristallo, rappresentante dell’Associazione nazionale magistrati presso il Palazzo di Giustizia di Cremona, dopo tre anni è stato promosso Presidente del Tribunale di Parma!
Ovviamente, temo, l’aspirante giudice finirebbe lì la sua prova……
E allora mi arrendo, forse non capisco, la prima Corte scrive felice di sfere di cristallo, la seconda arricchisce coi blister in fila come soldatini, la Cassazione applaude soddisfatta dello spettacolo, e tutti vissero felici e contenti, i giudici, sia chiaro; che abbiano inventato un nuovo gioco, tutto riservato a loro? Per quanto mi sia impegnato, da quattro anni ormai, io non sono riuscito a mettere insieme fatti, norme, sentenze secondo la logica delle Corti; la dottrina della Cassazione m’è riuscita completamente estranea; se leggo i casi più famosi, dove il morto ammazzato c’è sempre, dove una piccola diversità di giudizio su una prova causa dibattiti a non finire, come torno al nostro rimango senza parole.

Ceriana 15 08 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ago 15 2017

una legge al di sopra di ogni sospetto 15 08 2017

Published by under costume,cronaca nazionale

UNA LEGGE AL DI SOPRA DI OGNI SOSPETTO Dal Dubbio on line; non lo considerassi un giornale a posto, farei fatica a credere che il ministro, Minniti, una delle menti politiche dell’Italia d’oggi secondo il vangelo di Scalfari Eugenio Magno, faccia a gara con la Digos……. —Il funzionario della Digos si aggira tra i manifestanti radiolina alla mano. Individua Riccardo Noury, il portavoce di Amnesty international Italia che ha messo su l’iniziativa in occasione della Giornata mondiale del rifugiato. «Ma allora lei si dissocia o no da quello che ha appena detto l’oratore al microfono?». L’interlocutore strabuzza gli occhi, e dal capannello che si è formato attorno si leva un mormorio di voci sconcertate. In effetti il giovane praticante avvocato romano Gianluca Dicandia, attivista del movimento “Resistenze meticce”, aveva pronunciato un discorso dal contenuto non propriamente sovversivo. «È importante», aveva detto Dicandia, «denunciare secondo me oggi ( è il 20 giugno e siamo a piazza della Rotonda a Roma, nda) , a due mesi dall’entrata in vigore del decreto a firma Minniti, che i richiedenti asilo sono destinatari di norme allucinanti, norme che eliminano qualunque tutela, qualunque possibilità per i migranti di stare nel nostro Paese in modo degno». Ecco: il giovane avvocato, per aver messo nella stessa frase le espressioni «Minniti» e «norme allucinanti», viene immediatamente identificato e denunciato per vilipendio della Repubblica e delle forze armate e per minaccia a pubblico ufficiale. Poi: visto che, all’arrivo dei tre agenti, qualcuno del “capannello” formatosi attorno al pericoloso istigatore alza un po’ più il tono, gli stessi uomini della Digos identificano e “deferiscono all’autorità giudiziaria” altre quattro persone. Nel loro caso ci si è limitati al reato di violenza o minaccia a pubblico ufficiale. La storia è ai limiti dell’incredibile, e in effetti per capirci qualcosa il presidente della commissione Diritti umani del Senato Luigi Manconi ha presentato un’interrogazione allo stesso Minniti. Ricorda che «in un regime democratico sono ammesse critiche, anche severe, alle istituzioni e alle leggi». E per questo chiede il motivo della denuncia, se obbedisce a «direttive» impartite da prefetto o questore e, nel caso si tratti invece di autonoma iniziativa degli agenti, se il ministro stresso intenda adottare «misure» contro questi ultimi. Dal Viminale per tutta risposta il viceministro Filippo Bubbico difende la repressione del dissenso al decreto Migranti, trasformandolo in «parole ingiuriose nei confronti delle istituzioni, in particolare della polizia». Difficile dire se sia stata più sproporzionata la denuncia o la risposta del ministero all’interrogazione di Manconi.
Ceriana 15 08 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ago 15 2017

naturalmente, all’estero! 15 08 2017

NATURALMENTE, ALL’ESTERO! Da Repubblica; nelle classifiche internazionali le nostre Università sono regolarmente in coda, forse perché i migliori vanno regolarmente all’estero.
—Un esofago ‘bioartificiale’ è stato immesso per la prima volta al mondo su un malato di tumore negli Stati Uniti. L’intervento è avvenuto 3 mesi fa e il paziente, un cittadino statunitense di 75 anni, sta bene. Il merito dell’impresa è di due ricercatori italiani che da tempo lavorano negli Stati Uniti: Fabio Triolo, direttore del Nucleo terapie cellulari dell’Università del Texas, a Houston, e Saverio La Francesca, già professore di Cardiochirurgia all’università La Sapienza e presidente di Biostage, l’azienda biotech che ha inventato la tecnologia.

Ceriana 15 08 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ago 15 2017

oggi a iori, domani a te 15 08 2017

OGGI A IORI, DOMANI A TE
In Italia i carcerati sono 60mila, uno ogni mille abitanti: è per questo che gli altri 999 non ci badano, convinti che a loro non toccherà mai. Ho concluso il libretto sul caso Iori, all’ergastolo definitivo con dimostrazioni alla sfera di cristallo et similia, per un omicidio impossibile da commettere a chiunque, con le cause di morte accertate; per un fine: raccontare come sia facile a qualsiasi dei 999 diventare l’uno.
Chi volesse, gratis, il libretto via mail, una settantina di cartelle, mi dia il suo indirizzo; i miei sono flcozzaglio@gmail.com cozzaglio.flaminio@alice.it
339 3599879 0372 431727 ———————————————
Border Nights-You Tube, una piccola emittente toscana, facilmente rintracciabile su internet, riporta la mia intervista del 21 ottobre 2016 sul caso Iori; qualche difetto, all’inizio manca l’audio (!), a volte le voci non sono perfette, ma credo d’esser riuscito a condensare bene ciò che scrivo da anni. Se anche voi, cari lettori, siete convinti che quel modo di far processi non riguardi solo il povero Iori, ma possa da un momento all’altro toccare noi, guardatela, diffondetela; il titolo che le han dato è:
-Il caso Iori: ergastolo con la sfera di cristallo?

No responses yet

ago 14 2017

la legge del più forte-seicentotredici 14 08 2017

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – SEICENTOTREDICI Dal Fatto Quotidiano, il solito caso di carcere preventivo perché di sì, col forte sospetto fosse causato dal cinismo dell’imprenditore, che però non è ancora un reato; scrivere di “esigenze cautelari attenuate” perché il “padrone” ha dato le dimissioni formali sembra, a esser gentili, un’ingenuità. Cambiano i nomi e le parole, ma se il giudice italiano vuole, sforna a ripetizione sfere di cristallo, e i tre processi Iori sono un ottimo testo di studio! —Ha riottenuto la libertà Vito Giuseppe Giustino, l’imprenditore barese arrestato lo scorso 19 luglio per le presunte mazzette in appalti pubblici gestiti dai Beni culturali d’Abruzzo nel post sisma della scorsa estate nelle regioni del Centro Italia. Il gip del Tribunale dell’Aquila ha revocato gli arresti domiciliari, imponendo per Giustino solo il divieto di dimora nella città abruzzese. Secondo il giudice, le esigenze cautelari sono attenuate poiché l’imprenditore si è dimesso dal consiglio d’amministrazione della cooperativa coinvolta nel presunto appalto truccato. I pm infatti lo accusano di turbativa d’asta relativa all’appalto vinto dalla cooperativa L’Internazionale, del quale era presidente del cda, per i lavori del teatro comunale de L’Aquila. Nelle scorse settimane, aveva chiarito durante l’interrogatorio di non aver mai riso al telefono della tragedia del terremoto, come invece ritenuto dai magistrati sulla base del contenuto di alcune intercettazioni. L’inchiesta conta 35 indagati tra funzionari pubblici, professionisti e imprenditori ed è coordinata dal procuratore capo Michele Renzo e dal pm Antonietta Picardi. Tra le intercettazioni, sostengono i magistrati, ce n’è una tra Giustino e il geometra della sua stessa ditta, Leonardo Santoro. Durante il colloquio telefonico, l’imprenditore barese avrebbe riso del racconto incentrato sulle possibilità di partecipare alla ricostruzione. Nell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice Giuseppe Romano Gargarella, si legge che “gli imprenditori monitorati da questo ufficio, tra i quali hanno assunto un comportamento particolarmente cinico i rappresentanti della società L’Internazionale, hanno cercato nuovi incarichi, grazie ai rapporti diretti con i pubblici funzionari”. Santoro, riassume il gip, spiegava al suo datore di lavoro “che presso il Mibact era stata creata un’unità di crisi per valutare i danni ai beni architettonici. Giustino, sentite le parole del Santoro – prosegue Gargarella – ha riso in maniera beffarda della nuova situazione venutasi a creare, in quanto per l’impresa il nuovo sisma non avrebbe potuto che portare nuovi introiti, tanto più se l’appoggio di Piccinini e Marchetti (altri due arrestati, ndr), funzionari del Mibact e inseriti nell’unità di crisi, non sarebbe venuto meno”. Nell’ordinanza del gip Gargarella si sottolinea che le condotte poste in essere da alcuni funzionari pubblici, inseriti nell’ambito del Segretariato Regionale del Mibact dell’Abruzzo, i quali, ricoprendo varie funzioni e ruoli nel contesto dell’assegnazione e controllo sulle opere di restauro successive al sisma del 2009, “avrebbero gestito le gare in maniera clientelare, attribuendo incarichi professionali a parenti ed amici“.
Ceriana 14 08 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ago 14 2017

le intermittenze del cuore 14 08 2017

Published by under costume,cronaca nazionale

LE INTERMITTENZE DEL CUORE Dal blog di Grillo; Virginia Raggi sarà incazzata nera, del suo primo anno a Roma si son dimenticati….. –Vimercate a 5 Stelle compie un anno di amministrazione. Comunicare ai cittadini l’enorme mole di lavoro svolta è una sfida importante, e vogliamo condividere con tutti voi i risultati più importanti raggiunti in questi primi 12 mesi di Amministrazione. Ciascuno di noi ci ha messo la faccia e il proprio impegno. In questo breve video vi raccontiamo quello che sta succedendo alla nostra città, grazie al nostro e al vostro impegno.
Ceriana 14 08 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ago 14 2017

oggi a iori, domani a te 14 08 2017

OGGI A IORI, DOMANI A TE
In Italia i carcerati sono 60mila, uno ogni mille abitanti: è per questo che gli altri 999 non ci badano, convinti che a loro non toccherà mai. Ho concluso il libretto sul caso Iori, all’ergastolo definitivo con dimostrazioni alla sfera di cristallo et similia, per un omicidio impossibile da commettere a chiunque, con le cause di morte accertate; per un fine: raccontare come sia facile a qualsiasi dei 999 diventare l’uno.
Chi volesse, gratis, il libretto via mail, una settantina di cartelle, mi dia il suo indirizzo; i miei sono flcozzaglio@gmail.com cozzaglio.flaminio@alice.it
339 3599879 0372 431727 ———————————————
Border Nights-You Tube, una piccola emittente toscana, facilmente rintracciabile su internet, riporta la mia intervista del 21 ottobre 2016 sul caso Iori; qualche difetto, all’inizio manca l’audio (!), a volte le voci non sono perfette, ma credo d’esser riuscito a condensare bene ciò che scrivo da anni. Se anche voi, cari lettori, siete convinti che quel modo di far processi non riguardi solo il povero Iori, ma possa da un momento all’altro toccare noi, guardatela, diffondetela; il titolo che le han dato è:
-Il caso Iori: ergastolo con la sfera di cristallo?

No responses yet

ago 13 2017

la legge del più forte-seicentododici 13 08 2017

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – SEICENTODODICI Dal Dubbio on line, giornale di ferro contro le ingiustizie della nostra Giurisdizione; qui è Amanda Knox: se è vero quel che dice sarebbe interessante il parere del Davigo Piercamillo sui colleghi; sfere di cristallo diverse, ma io son cinque anni che scrivo ogni giorno di quelle che hanno afflitto il povero Maurizio Iori……. –Ma il giudizio di Amanda nei confronti dei magistrati italiani è durissimo: “Ho denunciato il fatto di avermi negato il diritto di avere un avvocato, di avermi colpita durante gli interrogatori”, racconta Amanda, che poi rincara la dose: “Mi interrogarono per oltre 53 ore in cinque giorni. Il risultato fu che l’interrogatorio finì nel modo sbagliato che tutti abbiamo visto. Non mi lasciavano uscire senza che affermassi qualcosa che includesse il nome di qualcuno. Questa cosa insana di estorcere false confessioni è molto comune. Non c’è alcun bisogno di colpire le persone o di molestarle verbalmente e psicologicamente. C’è un motivo se tutto ciò è definito illegale. Ero una ragazza di 20 anni senza precedenti con la giustizia e con un livello di italiano pari a quello di un bambino di 10 anni”.
Ceriana 13 08 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ago 13 2017

sia da destra sia da sinistra, 13 08 2017

Published by under costume,cronaca nazionale

SIA DA DESTRA SIA DA SINISTRA, quando vogliono parlare seriamente di Agricoltura si rivolgono ai Coldiretti, e al lettore che segue non ho bisogno di spiegare perché; qui è il Fatto Quotidiano. –In origine fu la mucca pazza, poi l’aviaria. Oggi è un pesticida a salire sullo scaffale degli imputati, reparto uova. Si tratta del fipronil, insetticida “sistemico” che si usa contro le zecche ma che un’azienda olandese – secondo quanto accertato dalle autorità sanitarie – ha pensato bene di miscelare a una sostanza non proibita per meglio schermare i polli da pulci e parassiti. Le uova sono finite in Francia e le lavorazioni in 15 Paesi della Ue che ora, a due mesi dalle prime segnalazioni, lanciano l’allarme e procedono ai sequestri quando fino a ieri rassicuravano tutti sull’assenza di pericoli. E’ un altro grande scandalo alimentare? E’ un pericolo sanitario? “Sono entrambe le cose”, dice il responsabile della sicurezza alimentare di Coldiretti Rolando Manfredini, ricordando anche come un dossier sul fipronil l’Europa se l’è barcamenato a lungo dai primi anni duemila, quando i produttori d’api ne chiedevano la messa al bando. “E’ soprattutto una storia che si ripete col consumatore, che è il terminale ultimo di tutta la filiera produttiva, lasciato solo e senza possibilità di difesa. Nel caso specifico ci può cautelarsi dall’assumere le uova contaminate guardando il Paese d’origine sull’etichetta. Per tutti i prodotti derivati e lavorati però non c’è niente di simile: o prende le uova e si fa in casa la pasta e le merendine oppure deve fidarsi. Noi consigliamo sempre di rivolgersi a un produttore della filiera corta. Ma altri consigli non so darne, perché autorità e istituzioni non fanno altre certezze”. Manfredini si occupa di queste cose dal 1997. Laureato in Scienze Agrarie, membro del Comitato Nazionale sulla sicurezza alimentare del Ministero della Salute, eccetera
Ceriana 13 08 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

« Prev - Next »