dic 06 2018

quando un aquilone incontra una fenice 06 12 2018

Published by at 5:14 pm under costume,cronaca cremonese

Nuovo articolo su La Resilienza dell’ Aquilone Quando un Aquilone incontra una Fenice
di Mauro
Oggi avrei voluto chiamarlo. Prendere il coraggio e chiamare il destino.
Gli avrei chiesto: “quando cominceranno a realizzarsi miei sogni?”
Ma poi se dovesse rispondermi male cosa faccio?
Forse, allora, è meglio non farlo, restando in una snervante lunga attesa sempre con la speranza che niente è sicuro, niente è certo, niente è definitivo.
Pánta rheî, diceva Eraclito.
E allora ogni giorno provo a trovare un senso, continuo a crederci e, nei giorni grigi, penso che domani sarà meglio di oggi, in una cascata di promesse di giorni migliori.
Penso spesso a come sia strana la vita, imprevedibile, ricca di sorprese, bella anche per questo. Penso anche che sia sempre troppo veloce, che scappi, che non mi lasci il giusto tempo. Per questo non devo stare fermo con la testa tra le mani a pensare, a piangere.
Mi sveglio dal torpore. Devo fare qualcosa devo svegliare la voglia di vita, c’è un sole caldo che mi scalda anche dentro. E devo trovare il coraggio, il coraggio di rinnovare, ogni giorno la promessa di una vita che mi è stata donata. Di una vita sorprendente, faticosa, splendida, arrabbiata, felice, dolorosa.
E per tutte queste contraddizioni, magica.
Mauro

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.