Archive for novembre, 2018

nov 30 2018

la legge del più forte-millesettantasei 30 11 2018

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – MILLESETTANTASEI
Da www.cremaoggi.it; secondo me il giudice ha deciso bene, ma la domanda è un’altra: un fatto del genere, l’automobilista che investe il “nulla”, per quel che poteva vedere, deve andare a processo? Indagini e udienza preliminare a che servono? Nella lunghezza infinita dei processi italiani, specie in tempi in cui si parla di sterilizzare la prescrizione, ciascuno si prenda le proprie responsabilità. —La sera del 18 agosto dell’anno scorso poco dopo le 21,30, un automobilista 45enne di Trescore Cremasco, con a fianco la fidanzata, di ritorno da una cena, aveva investito un ciclista 35enne in via Visconti a Crema. Il ciclista aveva riportato gravi ferite e per alcuni giorni era stato ricoverato in prognosi riservata. Finito a processo con l’accusa di lesioni colpose stradali, ieri il conducente cremasco è stato assolto dal giudice Francesco Sora. Nessuna censura all’automobilista, se non il fatto di essere stato moderatamente in stato di ebbrezza, avendo bevuto qualche bicchiere di vino a cena (il tasso alcolemico era di 0,85 g/l). Per il giudice, però, era perfettamente lucido e nonostante il moderato tasso di alcol, immune da qualsiasi censura, compresa la velocità, che era assolutamente nei limiti. Anche il ciclista era risultato positivo al test dell’alcol: un tasso, il suo, molto più alto: 2,19 g/l. A processo, inoltre, è stato accertato che il ferito, nonostante la presenza della pista ciclabile, viaggiava in mezzo alla carreggiata in una strada poco illuminata, per giunta di sera, senza luci alla bici e privo di indumenti che lo rendessero visibile. Soddisfatto della sentenza si è detto l’avvocato difensore Michele Barrilà. “Il mio assistito, a parte la modica quantità di alcol, non aveva responsabilità, e il giudice lo ha riconosciuto”. Se fosse stato giudicato responsabile, l’imputato, oltre alla condanna penale, si sarebbe visto ritirare la patente per cinque anni.

Cremona 30 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 30 2018

qui cremona-centodiciassette 30 11 2018

QUI CREMONA – centodiciassette
Fabio Bertusi alla Provincia fin che c’è, oggi:
—l’altra certezza è quella di continuare questo importante lavoro con persone corrette, credibili e capaci quali gli amici della Lega e di Fratelli d’Italia—
Come dire che chi rimane in Forza Italia con Salini, Malvezzi e Gallina non è corretto eccetera; Galimberti si dev’esser scolato quattro Martini per la gioia, immagino.
Grande spazio a capitan Voltini su Mondo Padano, l’occasione son le novità del Consorzio Agrario: ma il Sistema Cremona, per caso, sta cambiando idea su di lui?
Parcheggio Santa Tecla, la Giunta Cilecca ribatte colpo su colpo a Marcello Ventura, su www.cremonaoggi.it:
—“Per gli enti locali oggi risulta difficile acquistare dei beni immobili, e se anche lo avesse acquistato Aem avrebbe poi dovuto metterlo a reddito” commenta l’assessore Andrea Virgilio. “Intanto ricordiamo che è in vigore un comodato d’uso con il Comune, che rimarrà in essere comunque fino a scadenza. E ricordiamo anche che quell’area deve restare a parcheggio, in quanto quella è la destinazione d’uso. Dovremo poi capire quali saranno le intenzioni del privato che ha comprato”. Non manca una stoccata nei confronti di Ventura, in quanto “prima di fare polemiche dovrebbe pensare a come ha gestito lui la partita delle piscine a suo tempo, con tutti i disastri che ha combinato la Fin con la sua complicità”—
La Manfredini sbagliata vola ancora più in alto, cominciando da Adamo ed Eva:
—“Invece che prendersela con il Comune, Ventura dovrebbe prendersela con l’Ats, che ha deciso di mettere a reddito un parcheggio pubblico e gratuito” rincara la dose la collega Alessia Manfredini. “Ed è inutile tirare in ballo il Pums, che è un piano complessivo e dal profilo più alto, che riguarda la mobilità dell’intera città. Noi certo non vogliamo fare cassa e anzi, per noi è un problema che quel parcheggio possa diventare a pagamento, in quanto rappresenta un servizio pubblico. E le nostre intenzioni sono chiare in questo senso, tanto che abbiamo intenzione di togliere i parcheggi a pagamento nel lato sud di viale Trento Trieste, perché non rendono (sebbene rappresentino un introito per Aem), ripristinando parcheggi a rotazione e per residenti. E faremo un parcheggio alla stazione nuovo, capiente e assolutamente gratuito”—
Come si permette, il Ventura, di criticare la Giunta del Rinascimento di Cremona? A ricordo del passato resta solo l’inceneritore!
Elezioni Libera di febbraio, la campagna continua, l’avanzata degli agricoltori veri anche.

Cremona 30 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 30 2018

ma chi tira la volata? 30 11 2018

Published by under Politica nazionale

MA CHI TIRA LA VOLATA? (AdnKronos) – All’incontro del centrodestra nell’abitazione milanese di Silvio Berlusconi “si sono fatti importanti passi in avanti, si va nella giusta direzione per le elezioni regionali”. Lo ha detto Antonio Tajani, numero due di Forza Italia, al termine dell’incontro a Milano con Berlusconi, Giorgia Meloni e Giancarlo Giorgetti.
Cremona 30 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 30 2018

cartelli sì, messaggi no 30 11 2018

CARTELLI SI’, MESSAGGI NO
E’ una relazione comune, stavolta recitata per Repubblica da Madama la Boldrina; la più efficace è la storica: i centri sociali han diritto a zittire con le cattivissime i Matteo Salvini, e dev’essere abolita CasaPound perché fascista.
—Dopo la valanga di insulti sessisti arrivati dai follower del vicepremier Matteo Salvini, che ha pubblicato il 19 novembre scorso sulle sue pagine nei social network (Twitter e Facebook) la foto di tre studentesse minorenni ritratte nella manifestazione del 16 novembre in centro a Milano col commento ‘Poverette’, l’ex presidente della Camera Laura Boldrini torna sul tema. E diffonde un video di un fuori onda a Sky Tg 24 (dove questa mattina lei e Salvini si sono incrociati, ospiti in due spazi informativi diversi). Nel video l’esponente di Leu chiede a Salvini di cancellare i messaggi sessisti riferiti alle ragazze dalla sua pagina Facebook. Il vicepremier risponde: “Ma tu hai visto che cartello avevano in mano queste? Parlano di piazzale Loreto”. “Mi dissocio da questo – risponde Boldrini – ma sono minorenni. Sei ministro, hai una responsabilità aggiuntiva”, conclude.

Cremona 30 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 30 2018

noi vecchietti 30 11 2018

Published by under costume,cronaca nazionale

NOI VECCHIETTI
La presunzione legale mi dà fastidio, per cui se a 102 anni Giuseppe guida bene, giusto gli rinnovino la patente; però non limitandosi a controllare ci senta e ci veda, e alle domande: si droga, prende medicine? Da Repubblica:
—Oltre 70 anni di patente senza neanche un piccolo incidente: e così la motorizzazione civile ha rinnovato la licenza fino al 2020 al pensionato Giuseppe Predieri di anni 102.

Cremona 30 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 30 2018

coldiretti lombardia 30 11 2018

Lombardia, Paolo Voltini e Paolo Carra
Vice Presidenti della Coldiretti regionale
Paolo Voltini e Paolo Carra sono i nuovi Vice Presidenti di Coldiretti Lombardia, la principale associazione di rappresentanza agricola a livello regionale. Lo ha deciso il Consiglio direttivo della Federazione che si è tenuto nel pomeriggio a Brescia alla presenza di Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia
Paolo Voltini, classe 1972, è imprenditore agricolo nel settore del pomodoro da industria. Presidente della Coldiretti Cremona, Voltini è anche Presidente del Consorzio Casalasco del Pomodoro, una delle più importanti realtà a livello italiano e internazionale per la lavorazione del prodotto, e Presidente del Consorzio Agrario di Cremona. Paolo Carra, 49 anni, allevatore con un’azienda agricola di 300 ettari e una stalla di 900 capi di razza Frisona a Suzzara, è Presidente di Coldiretti Mantova dal 2011, incarico nel quale è stato rinnovato nello scorso luglio. Guida anche il Consorzio Virgilio di Mantova, che raggruppa 50 caseifici e oltre 1.500 allevatori conferenti.

No responses yet

nov 30 2018

il dillinger della politica italiana 30 11 2018

IL DILLINGER DELLA POLITICA ITALIANA
Dal Giornale, uno stralcio del pensierMonti:
—Poi l’ex presidente del Consiglio di fatto mette ancora una volta nel mirino il titolare del Viminale e lo etichetta come “pericoloso”: l’abolizione di ogni forma di correttezza politica lo fa salire nei sondaggi più delle misure concrete: la gente si sente sdoganata nel dire quel che ha sempre pensato, ma prima non si poteva dire—
Il pensierMonti, forse senza accorgersene, esalta il ruolo di liberatore di Matteo Salvini, ministro, secondo il pensierMonti, che ci ha permesso di dire quel che pensiamo, a differenza di quelli di prima; le sue e le nostre parole sono politicamente scorrette? A me e spero a tanti, basta siano chiare, del resto Salvini non ha mai insegnato all’Università, cammino obbligatorio se si vuol giungere a incoronare una Fornero.

Cremona 30 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 30 2018

il diverso è peggio, tanto per cambiare 30 11 2018

Published by under costume,cronaca nazionale

IL DIVERSO E’ PEGGIO, TANTO PER CAMBIARE Dall’Opinione delle Libertà; la natura del lavoro è diversa, ovvio, ma se l’Amministrazione pubblica non funziona il difetto parte dalla testa; che poi i dipendenti si adeguino volentieri è altro discorso…… —Un caposaldo degli studi sui sistemi burocratici, dei quali la Pubblica amministrazione in senso stretto è solo una parte, è “Burocrazia” di Ludwig von Mises, il quale afferma: “Il tipo di competizione capitalistica esige che uno superi gli altri sul mercato tramite l’offerta di prodotti migliori e meno costosi. Il tipo di competizione burocratica consiste, invece, di intrighi alle ‘corti’ dei potenti”. E aggiunge: “L’amministrazione pubblica e la gestione dell’apparato statale devono necessariamente essere formalistici e burocratici. Nessuna riforma può eliminare la natura burocratica dell’Amministrazione statale. È inutile prendersela con le sue lungaggini e la sua inefficienza. È vano lamentarsi che l’assiduità, lo zelo e la diligenza nel lavoro della media degli impiegati statali siano in generale inferiori all’assiduità, allo zelo e alla diligenza del lavoratore medio delle imprese private”.
Cremona 30 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 30 2018

c’è un giudice a berlino 30 11 2018

Published by under costume,cronaca nazionale,Giudici

C’E’ UN GIUDICE A BERLINO Dal Corriere; a volte resto stupito di come certi giudici fatichino a capire il mondo fuori dal Tribunale; per antipatico che sia, un Corona cosa può fare per mantenersi? Il Corona, in pubblico. —Fabrizio Corona non deve tornare in carcere. Resta in affidamento terapeutico, per disintossicarsi dalla dipendenza psicologica dalla cocaina. Il Tribunale di sorveglianza di Milano ha confermato la misura, che è stata notificata venerdì mattina al difensore dell’ex re dei paparazzi Antonella Calcaterra. In una trentina di pagine i giudici (Giovanna Di Rosa presidente, Simone Luerti relatore) esprimono giudizi molto positivi sul percorso che Corona sta facendo sia per la dipendenza ma soprattutto a livello personale e familiare. I giudici non hanno accolto la richiesta della Procura Generale di revoca dell’affidamento con conseguente rientro di Corona in carcere, per scontare per intero la pena accumulata nei vari processi fino al giugno 2022. I giudici hanno quindi accolto le richieste dell’avvocato Calcaterra, che li aveva invitati a separare il giudizio sul Corona personaggio pubblico da quello sul Corona persona privata. Il legale aveva anche sottolineato come tutte le relazioni del servizi sociali sul comportamento dei Corona sono positive. Una delle contestazioni dell’accusa era riguardava le intemperanze di Corona durante la trasmissione «Grande fratello vip» del 25 ottobre scorso, nella quale ebbe una lite con la conduttrice Ilary Blasi. Il legale ha scritto in una memoria, depositata agli atti, che quella lite faceva parte di un copione prestabilito, dietro un compenso di 35 mila euro.
Cremona 30 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 30 2018

oggi a iori, domani a te 30 11 2018

OGGI A IORI, DOMANI A TE
In Italia i carcerati sono 60mila, uno ogni mille abitanti: è per questo che gli altri 999 non ci badano, convinti che a loro non toccherà mai. Ho concluso il libretto sul caso Iori, all’ergastolo definitivo con dimostrazioni alla sfera di cristallo et similia, per un omicidio impossibile da commettere a chiunque, con le cause di morte accertate; per un fine: raccontare come sia facile a qualsiasi dei 999 diventare l’uno.
Chi volesse, gratis, il libretto via mail, una settantina di cartelle, mi dia il suo indirizzo; i miei sono flcozzaglio@gmail.com cozzaglio.flaminio@alice.it
339 3599879 0372 431727 ———————————————
Border Nights-You Tube, una piccola emittente toscana, facilmente rintracciabile su internet, riporta la mia intervista del 21 ottobre 2016 sul caso Iori; qualche difetto, all’inizio manca l’audio (!), a volte le voci non sono perfette, ma credo d’esser riuscito a condensare bene ciò che scrivo da anni.

No responses yet

Next »