set 14 2018

la legge del più forte-novecentonovantanove 14 09 2018

Published by at 7:08 pm under costume,cronaca nazionale,Giudici

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – NOVECENTONOVANTANOVE Da www.errorigiudiziari.com; manca un’informazione importante, per quali prove Rocco sia finito in carcere, ma credo basti abbia ottenuto il risarcimento dopo il solo processo di primo grado. E la vicenda basta per capire quanto sia elastico il reato di concorso eccetera, per chi vive in certe zone…… —Rocco Commisso, 38 anni, gestore e istruttore di una scuola guida a Siderno, una passione per le arti marziali e una parentela molto stretta con un personaggio molto noto alle forze dell’ordine (è il figlio del boss Giuseppe Commisso, detto “Il Mastro”), viene arrestato il 12 maggio 2012 nell’ambito dell’operazione “Falsa politica”. Nonostante sia incensurato e non abbia alcuna frequentazione abituale con mafiosi, lo accusano di concorso esterno in associazione per delinquere di stampo mafioso. Ma Rocco è innocente e agli inquirenti continua a ripetere che essere figlio di un boss non implica necessariamente di essere affiliati alla ‘Ndrangheta. Davanti ai giudici ripeterà più volte di non essere in buoni rapporti con il padre, di non condividerne l’attività illecita né tantomeno di averne fatto parte in prima persona. Non c’è niente da fare: Rocco Commisso finisce lo stesso in carcere. Prima che venga riconosciuta la sua estraneità alle accusa che gli vengono mosse, dovranno passare quasi tre anni. Rocco Commisso viene infatti assolto solo il 16 marzo 2015, nonostante l’accusa abbia chiesto per lui una condanna a 9 anni di carcere. E torna in libertà, visto che i giudici ne dispongono l’immediata scarcerazione. Poco più di due anni più tardi, il 16 luglio 2017, la Corte d’Appello di Reggio Calabria accoglie la richiesta di riparazione per ingiusta detenzione presentata dai legali di Rocco Commisso, gli avvocati Francesco Commisso e Mario Santambrogio. E così, l’uomo ottiene finalmente un indennizzo (di cui non è stata reso noto l’ammontare) per i due anni e mezzo trascorsi in carcere da innocente. (fonti: Telemia, Lente Locale) Ultimo aggiornamento: 6 settembre 2018
Cremona 14 09 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.