set 13 2018

il balletto delle ipocrisie 13 09 2018

IL BALLETTO DELLE IPOCRISIE
Gli ospiti fissi di Fazio non sono degli anti-Salvini, ma servono, senza pretendere un centesimo dei milioni che la Rai paga all’artista, “per mettere un punto fermo, per essere laici e oggettivi in un momento di scarsa razionalità.” E lo conferma lo stesso Cottarelli: “ascolterò ciò che dicono gli altri, cercherò di chiarire nel modo più equilibrato possibile alcuni temi che, spesso, non vengono spiegati bene“. I compari duettano tanto bene da farmi venire il sospetto siano gli autori dello slogan di Repubblica:
-Rep: Prenditi il tuo tempo per capire quello che accade e perché L’approfondimento quotidiano è su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportages Per capire ogni giorno di più- —–L’annuncio è stato dato da Fabio Fazio: il cremonese Carlo Cottarelli, che nello scorso maggio fu premier incaricato per quattro giorni, sarà nel cast della nuova edizione di ‘Che tempo che fa’, al via dal 23 settembre su Rai1. In un’intervista al ‘Corriere della Sera’ il conduttore ha dichiarato: “Stiamo assistendo a un sommovimento mondiale, sta vincendo un atteggiamento di pancia, un’ondata di superficialità emotiva e di aggressività. La presenza di Cottarelli è un modo per mettere un punto fermo, per essere laici e oggettivi in un momento di scarsa razionalità.” L’ex direttore esecutivo del Fmi, ormai prossimo al debutto con Fazio, ha confermato. Tiene però a precisare di non voler essere un anti-Salvini, come qualcuno potrebbe pensare. “L’unica cosa anti-Salvini è che io sono interista e lui milanista”, ha raccontato a ‘Libero’: a ‘Che tempo che fa’, spiega Cottarelli, “ragionerò nel modo più obiettivo possibile.” Il suo ruolo sarà dunque quello di una sorta di “osservatore“: “Ascolterò ciò che dicono gli altri, cercherò di chiarire nel modo più equilibrato possibile alcuni temi che, spesso, non vengono spiegati bene“. Da www.cremonaoggi.it
Cremona 13 09 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.