ago 08 2018

qui cremona-tre 08 08 2018

Published by at 7:23 pm under costume,cronaca cremonese,cronaca nazionale

QUI CREMONA – tre
Dio c’è: don Alberto Franzini lamenta i danni dei concerti in piazza del Duomo e, per fortuna non il Torrazzo! Dio gli manda in soccorso i calcinacci della Bertazzola. E convince Massimiliano Salini a non apparire sulla Provincia fin che c’è, almeno per oggi. Ma non riesce a far cessare l’annoso battibecco Comune/Commercianti, ad impossibilia nemo tenetur vale anche per Lui! dove vien sempre dimenticato, siamo scomodi, il cliente, che ha diritto e cerca il prezzo e il servizio a lui più convenienti. Ma non voglio tergiversare, il clou è la capotreno che ha fatto parlare di Cremona i media d’Italia, e ai primissimi posti. Non rivelo un segreto di Stato, il tifo è in gran parte per lei, e mette in difficoltà i perbenisti della Sinistra: perdere ancora dei voti perché si deve dire rom e non zingari, e che comunque li si chiami non rompono mai i coglioni, come scrivono dal Vangelo di Repubblica in giù?
Il compagno Pizzetti Luciano ha una lunga esperienza del cammino in diverse paia di scarpe; l’inizio, su www.cremonaoggi.it, è, naturalmente, obbligatorio:
—Parole di fuoco invece da parte dell’onorevole Luciano Pizzetti, capogruppo del Pd nella Commissione infrastrutture e trasporti della Camera. Quanto accaduto sul treno Milano-Cremona-Mantova è inqualificabile e inaccettabile, commenta. Provvedimenti vanno assunti contro chi disonora la divisa di pubblico dipendente che indossa contravvenendo allo spirito di servizio—
La capotreno, Pizzetti non lo dice per motivi evidenti, ha perso la testa come i colleghi che in Parlamento arrivano a saltare i banchi, per picchiarsi meglio, quindi, lei, va punita. Però poi sembra dimenticarla; leggiamolo assieme:
—Ma confondere esasperazione con razzismo è altrettanto incomprensibile. Tutto quello che i pendolari chiedono insistentemente da molto tempo e che Trenord puntualmente ha disatteso. Salvini promuove odio che spesso attecchisce proprio sull’esasperazione. Non è con l’accusa di razzismo che si combatte l’odio ma ripristinando controlli e legalità per una civile convivenza. Oltre che un sacrosanto diritto alla mobilità sostenibile anche per il cittadino pendolare—
Non l’ha dimenticata, semplicemente ha messo Salvini al suo posto: immenso Pizzetti, giusto applaudirlo, come i tifosi della Juve la rovesciata di Ronaldo! La naturale conclusione, Trenord faccia finalmente il suo dovere, cosi la capotreno impara a chiamare gli zingari col loro vero nome: rom!

Ceriana 08 08 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.