lug 04 2018

la quintessenza della cremonesità-seicentoventisette 04 07 2018

Published by at 1:55 pm under costume,cronaca cremonese,Striscia La Provincia

LA QUINTESSENZA DELLA CREMONESITA’ – SEICENTOVENTISETTE
Quando si può, e si può spesso, il primo posto della Quintessenza bisogna assegnarlo alla Provincia fin che c’è, diretta da Zanolli Pennadoro Vittoriano, al cui confronto Amleto era uno che decideva alla svelta, e sempre nello stesso senso; freschi di oggi due pezzi: gioco o non gioco, questo è il problema!
—pagina 18: “Un gratta e vinci da diecimila euro. Vince diecimila euro grattando un tagliando ‘Il Miliardario’ da 5 euro, eccetera eccetera”—
—pagina 20, il Comune virtuoso: “Bozzolo, decisione del Comune per disincentivare il gioco d’azzardo. Dimezzata la tassa dei rifiuti a chi rinuncia alle ‘slot’, eccetera—
Non voglio essere frainteso, il primo responsabile è lo Stato, destra e sinistra nel corso degli anni si son dimostrate gemelle, siamesi; capisco il terrore quotidiano, ogni giorno al Pennadoro l’ingrato compito di annerire la pagina, non spacciabile se bianca; però la scelta tra il biscazziere e le vittime va fatta.
“Piano strade e lotta a zanzare nell’incontro tra il Comune e i Comitati di quartiere”, è un titolo di www.cremonaoggi,it, ma non temano al Kavarna, le zanzare non sono loro; e non temano nemmeno l’altro titolo “Un tavolo per studiare il livello di decibel nel centro storico, i residenti: chiediamo rispetto”; gli eventuali schiamazzi delle zone periferiche non si odono mai nei centri storici, di qualsiasi città; come i gas di via Giordano, che non si respirano in corso Campi. Sempre in tema di gas, nei sei mesi invernali le auto vecchie non devono circolare del tutto, per la nostra salute; arriva la bella stagione e della salute degli abitanti la zona Giordano non gliene frega più nulla, né al Cilecca né ai suoi cilecchini.
Domani, tardo pomeriggio, il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani è da noi, per contare i resti di quel che fu Forza Italia, di cui una bella fetta aderisce al Sistema Cremona; a partire dalle tensioni ideali, la prima: finir di distruggersi, perché non basta anno per anno esser calati dal 30 al 10%, se va bene. Passi un suggerimento del genere alla Provincia fin che c’è, figuriamoci se non lo raccoglie:
—Ormai da mesi dilaniata dai veleni interni, ora Forza Italia si spacca anche sulla Strada Sud: favorevoli e contrari all’opera — e anche al referendum — compongono già due fronti ben definiti, con i primi che si sono spesi nella raccolta firme e i secondi che li accusano di averlo fatto solo per cercare visibilità. E nel profondo del solco, esplode il ‘caso Carlalberto Ghidotti’: il coordinatore cittadino, in una chat privata limitata ad una decina di membri azzurri, ha criticato chi ha sostenuto la petizione per l’indizione della consultazione popolare e, soprattutto, ha definito l’ex consigliere regionale Carlo Malvezzi ‘ciccione’. Pensava di trovarsi in un contesto ‘fidato’, non è mancato invece il ‘corvo’. Che ha riferito, ha mostrato i messaggi e innescato la ‘bufera’—
Versione on line; in carta, titolone dalla prima pagina, gioia dirompente all’interno……
Ciccione; invece di chiedere a un amico avvocato, dopo, di eventuali violazioni della privacy, uno dovrebbe esaminarsi bene, prima, in ogni senso, e capire il danno di certe parole, a sé e alla sua parte.

Cremona 04 07 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.