giu 18 2018

australia e canada 18 06 2018

Published by at 5:20 pm under costume,cronaca internazionale,cronaca nazionale

AUSTRALIA E CANADA
Forse perché troppo lontani son mai citati come l’Ungheria di Orban, ma il dialogo immaginato qui sotto sarà ripetuto spesso:
-sono Mario Rossi, medico; posso prolungare il mio soggiorno turistico mentre cerco lavoro?
-signor Rossi, medico, vediamo…… no, signor Rossi, ci spiace, in questo momento servono ingegneri, riprovi tra qualche anno.
Nessuno in Italia, nemmeno Repubblica dell’articolo qui sotto, si permette di scrivere che Australia e Canada siano scortesi, e men che meno razzisti!
—”Al ministero mi sto facendo preparare un dossier sulla questione rom in Italia, perché dopo Maroni non si è fatto più nulla, ed è il caos”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, leader della Lega, parlando a TeleLombardia. Salvini ha parlato di “una ricognizione sui rom in Italia per vedere chi, come, quanti sono”, ossia “rifacendo quello che fu definito il censimento, facciamo un’anagrafe”. Per Salvini, gli stranieri irregolari andranno “espulsi” con accordi fra Stati, ma “i rom italiani purtroppo te li devi tenere a casa”.
E mentre il Pd per bocca del senatore Franco Mirabelli sostiene che il ministro dell’Interno “evoca la pulizia etnica” e ritiene il dossier del ministro “agghiacciante”, l’associazione 21 luglio che si occupa della tutela dei diritti della comunità rom e sinti risponde a Salvini. “Il ministro dell’Interno dice il presidente dell’associazione Carlo Stasolla – sembra non sapere che in Italia un censimento su base etnica non è consentito dalla legge. Inoltre esistono già dati e numeri su chi vive negli insediamenti formali e informali e i pochi rom irregolari sono apolidi di fatto, quindi inespellibili. Ricordiamo anche che i rom italiani sono presenti nel nostro Paese dal almeno mezzo secolo e a volte sono ‘più italiani’ di tanti nostri concittadini”.

Cremona 18 06 2018 www.flaminiocozzzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.