mag 26 2018

il piano b 26 05 2018

Published by at 5:14 pm under costume,Politica nazionale

IL PIANO B Dal Corriere; la Costituzione più “bella” del mondo, dicono gli adoranti: e se né presidente della Repubblica né premier hanno in riserva un piano B, che succede?
—Il post che segna l’inizio della crisi arriva alle 20.42: «Sono davvero arrabbiato». Matteo Salvini ha appena ascoltato il resoconto del faccia a faccia tra il presidente Sergio Mattarella e il premier incaricato Giuseppe Conte. Ogni parola che sente lo irrita di più, l’umore si fa più fosco ad ogni dettaglio che apprende. Poco dopo, al post del segretario leghista si aggiunge il «like» di Luigi Di Maio. Insieme a quelli di una decina di migliaia di follower. Lo stato maggiore del partito lo chiama al telefono, tutti vogliono sapere e lui risponde. E con loro si sfoga: «È una follia che Paolo Savona non sia accettato da Mattarella perché sarebbe nemico di Angela Merkel» esordisce con il suo interlocutore. Tutta la giornata è stata contraddistinta dagli attacchi pesantissimi che arrivano dalla stampa tedesca, dall’incendiario commento «Italia scroccona» di Der Spiegel, alla vignetta della Frankfurter Allgemeine Zeitung che raffigura Salvini come il dottor «Peste» e Luigi Di Maio come il dottor «Colera» che insieme spingono una barella con l’Italia malata.

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.