feb 14 2018

la legge del più forte-settecentottantanove 14 02 2018

Published by at 11:56 pm under costume,cronaca cremonese,cronaca nazionale,Giudici

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – SETTECENTOTTANTANOVE Dal Dubbio on line; per una volta ho abbandonato il penale per una semplice conferma, il giudice italiano, anche se amministrativo, e qui sotto gli occhi delle massime cariche politiche, vive in un mondo a parte, creato da lui secondo i suoi principi; anche il presidente nazionale degli avvocati è d’accordo, bisogna volgersi alla Pubblica Amministrazione con fiducia, non col sospetto che, come nel penale, ci sia qualche giudice di controllo con la sfera di cristallo……………….. —«Conduciamo insieme la battaglia contro chi vede la pubblica amministrazione solo come fonte di sprechi e corruzione. Questi mali si combattono con la fiducia e non con il sospetto», ha detto il presidente del Consiglio Nazionale Forense, Andrea Mascherin, in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario della Corte dei Conti. Durante la cerimonia si è insediato anche il neopresidente Angelo Buscema, il quale ha sottolineato l’importanza della cooperazione tra corti superiori nell’ottica della funzione nomofilattica. «Contribuire alla crescita del Paese significa anche impegnarsi per un rafforzamento della certezza della giustizia», ha spiegato il neopresidente, ricordando come «la pubblica amministrazione debba essere alleata e non più antagonista dei cittadini». E sul tema della P. a. è intervenuto anche il presidente Mascherin: «Non cediamo al concetto che ogni spesa sia uno spreco e ogni risparmio sia di per sé virtuoso». Si è svolta ieri, presso la sede centrale della Corte dei Conti, la cerimonia di insediamento del neopresidente della Corte, Angelo Buscema ( succeduto ad Arturo Martucci di Scarfizzi) e l’inaugurazione dell’anno giudiziario 2018. Alla cerimonia, che si è svolta alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, hanno preso parte i vertici della magistratura contabile, il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni e il presidente del Consiglio Nazionale Forense, Andrea Mascherin. «La Corte dei Conti è custode della contabilità del Paese e garante imparziale dell’equilibrio economico e della corretta gestione delle risorse collettive», ha detto il premier Gentiloni, che ha ricordato come «il ruolo di garanzia della Corte contribuisca ad aumentare la fiducia dei cittadini verso le istituzioni». Nel suo indirizzo di saluto, ha ricordato anche come quella attuale sia «una congiuntura incoraggiante dal punto di vista economico, che registra una crescita superiore alle attese con un avanzo primario che può superare il 2% nel 2018. Questo, però, non ci deve indurre a fermare il ritmo delle riforme e abbandonare la strada della serietà sui conti pubblici e per la riduzione del debito pubblico».
Cremona 14 02 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.