gen 11 2018

la legge del più forte-settecentocinquantacinque 11 01 2018

Published by at 8:42 pm under costume,cronaca cremonese,cronaca nazionale,Giudici

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – SETTECENTOCINQUANTACINQUE
Dalla Stampa; assolutamente non faccio il Mentana che insulta Bellomo in Tv, e nemmeno il supergarantista che attende il giudizio di Dio, ma non capisco la fretta di decidere in pochi giorni un caso tanto complicato, quasi fosse uno spettacolo alla moda invece che un processo disciplinare; con tutti i processi che finiscono a sentenze strane e un solo rimedio possibile, quando c’è: il ricorso. Penso a Tortora, i giudici nemmeno sfiorati da controlli, addirittura promossi. Non capisco, quindi come dispone il 533cpp, quello della condanna solo per colpa certa al di là di ogni ragionevole dubbio, io non sono un giudice e non devo condannare nessuno, mi astengo da ogni giudizio…..
—Parere favorevole alla destituzione del consigliere Francesco Bellomo è arrivato stamani dall’adunanza generale del Consiglio di Stato. La decisione presa dall’organo di autogoverno della magistratura amministrativa ha pochi precedenti nella storia giudiziaria italiana.
Bellomo è indagato per aver ricattato allieve della scuola Diritto e Scienza, da lui diretta, che venivano preparate al concorso di accesso alla magistratura. Secondo la denuncia del padre di una di loro, che ha fatto scoppiare il caso, alle borsiste venivano imposte minigonne, tacchi a spillo e trucco marcato, oltre alla risoluzione del contratto se si fossero sposate.
Sulle vicende che hanno portato il Consiglio di Stato alla decisione di oggi, diverse procure hanno aperto indagini nelle quali si ipotizzano reati che vanno dall’estorsione, alle minacce. A seguito delle denunce, il pm di Rovigo Davide Nalin, assistente di Bellomo e anche lui finito sotto indagine, è stato sospeso dal Csm. La decisione presa oggi dall’Assemblea plenaria del Consiglio di Stato non sarà immediatamente operativa. Bisognerà attendere il passaggio al Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa che avrà il compito di redigere il decreto di destituzione. Dopo la firma del documento da parte del presidente della Repubblica, Bellomo dovrà lasciare la magistratura.
Cremona 11 01 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.