gen 10 2018

le buone domeniche nel cremasco 10 01 2018

Published by at 8:11 pm under costume,cronaca cremonese,golosità

Le “Buone domeniche nel Cremasco”
con Campagna Amica: cibi genuini e “anti-influenza”
In gennaio a Rivolta d’Adda (domenica 14 e 28) e a Crema (domenica 21)
“Le buone domeniche nel Cremasco”. E’ questo il tema con cui Campagna Amica apre il proprio anno accanto ai cittadini cremaschi, proponendo un tris di domeniche nel segno dei sapori, buoni e genuini, garantiti dagli agricoltori della Coldiretti. Nel mese di gennaio il Mercato di Campagna Amica, con la vendita a km zero dei frutti delle nostre campagne, vivrà tre ‘uscite’ in terra cremasca: si parte a Rivolta d’Adda, domenica 14 gennaio, in piazza Vittorio Emanuele (ore 8-12), con una mattinata che darà spazio ai prodotti di stagione, offerti direttamente dagli agricoltori. Le “buone domeniche” con Campagna Amica proseguiranno il 21 gennaio a Crema (nella mattinata, presso la quarta pensilina di via Verdi), per ritornare a Rivolta d’Adda domenica 28 gennaio.
“Con entusiasmo diamo avvio a un nuovo anno accanto ai cittadini, nel segno della bontà, stagionalità e tipicità dei prodotti della nostra agricoltura” spiegano gli agricoltori della Coldiretti.
Domenica a Rivolta d’Adda a tutti gli interessati sarà donato il “vademecum della dieta anti-gelo”, con utili consigli per difendersi da freddo e influenza. “Il primo buon consiglio è quello di iniziare la giornata con una buona colazione, che non trascuri latte, miele, frutta o marmellata – rimarca Coldiretti Cremona –. Sulle nostre tavole invernali non dovranno mancare zuppe, verdure, legumi e frutta, che aiutano a rafforzare, con l’apporto di vitamine, le difese immunitarie dal rischio dell’insorgenza dell’influenza favorita dal freddo gelido”.
Oltre a frutta a verdura ricca di antiossidanti nella dieta per sconfiggere l’influenza non devono mancare – continua la Coldiretti – latte, uova e alimenti ricchi di elementi probiotici quali yogurt e formaggi come grana padano e parmigiano.
Con la discesa del termometro arriva anche il “permesso” ad aumentare le calorie consumate in relazione ad attività, età, necessità personali. Fondamentale – spiega la Coldiretti – è assumere verdure di stagione, soprattutto quelle ricche di vitamina A (spinaci, cicoria, zucca, ravanelli, carote, broccoletti, ottimi anche cipolle e aglio possibilmente crudi per la valenza antibatterica non indifferente) perché danno il giusto quantitativo di sali minerali e vitamine antiossidanti che sono di grande aiuto per combattere le conseguenze dello stress del cambio di stagione sull’organismo. Nella dieta non vanno trascurati piatti a base di legumi (fagioli, ceci, piselli, lenticchie, fave secche) perché contengono ferro e sono ricchi di fibre che aiutano l’organismo a smaltire i sovraccarichi migliorando le funzionalità intestinali. Grande contenuto di vitamina C ha la frutta di stagione come kiwi, clementine e arance (da scegliere rigorosamente italiane, per evitare che i trasporti ne riducano il contenuto vitaminico). Va anche ricordato che in un soggetto normale l’assunzione di proteine deve essere compresa tra 0,8- 1,3 grammi di proteine per chilo di peso corporeo, per cui – conclude Coldiretti – una buona dose di carne nella dieta non può fare che bene.

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.