nov 30 2017

la quintessenza della cremonesità-trecentottantasette 30 11 2017

Published by at 10:34 pm under costume,cronaca cremonese,Striscia La Provincia

LA QUINTESSENZA DELLA CREMONESITA’ – TRECENTOTTANTASETTE
Non è vero, naturalmente, che il sito della Libera non abbia motivi di interesse, per esempio dopo sei mesi han deciso di togliere la rassegna stampa della Provincia fin che c’è sul caso Apa. Al suo posto, i verbali dei commissari ascoltati in Regione; ecco
Claudio Destro, commissario APA Cremona, l’8 novembre 2017:
—Io rispondo per la parte iniziale che riguarda Cremona soprattutto e poi il mio collega risponde alla domanda precisa del Consigliere Lena su quelli che sono i poteri ordinari e straordinari dei commissari. In maniera molto sintetica e dandovi dei numeri, quando siamo arrivati, AALO, che sarebbe Lombardia Ovest e APA Lombardia Ovest, ad aprile non era in grado di fare il bilancio. Questo era il processo di fusione che avevano cominciato loro fondendo Varese, Como e Lodi nel 2016; erano arrivati a fine anno e non riuscivano a comporre un bilancio di esercizio di chiusura del 2016. Abbiamo incaricato una società di revisione, KPMG, che con l’aiuto nostro e degli amministrativi ha chiuso il bilancio con una perdita di 2 milioni 160 mila euro nonostante ci fosse stato il processo di fusione. APA Brescia ha chiuso il bilancio con 2 milioni 120 mila euro di perdita, di disavanzo. APA Cremona ha chiuso il bilancio con 725 mila euro di disavanzo. APA Cremona, in particolare perché mi è stato richiesto, negli ultimi quattro esercizi ha perso 1 milione 260 mila euro, per cui il capitale un po’ alla volta veniva eroso. Questo è dovuto in parte, anzi, non in parte, ma soprattutto per la mancanza dei 7 milioni 600 mila euro che la Regione Lombardia ha erogato fino al 2015. Dal 2016 la Regione Lombardia non ha erogato più nulla ed è una delle Regioni in Italia che non dà nulla al sistema allevatori, mentre prima sosteneva sia il SATA che il sistema allevatori della Lombardia. Per cui, con questo disavanzo, bisognava che venisse, forse, riteniamo, qualcuno da fuori per mettere un po’ di ordine e per cercare di riportarle in equilibrio, andando, ripeto, verso quella che è una razionalizzazione dei costi che prevede l’unificazione nella regionalizzazione, un po’ come hanno fatto le banche che si sono strutturate e si sono fuse, hanno fatto cessioni di rami d’azienda, hanno fatto fusioni eccetera. Questo è il processo che noi abbiamo messo in piedi, abbiamo messo in piedi un processo che porterà alla fine a un’unica associazione che sarà l’ARAL che farà gli stessi servizi che faceva prima sul territorio in maniera razionalizzata. Sicuramente ne sarà penalizzata la parte amministrativa, come succede in tutte le aziende; quando si fa una ristrutturazione, una razionalizzazione, la parte che viene colpita è soprattutto quella amministrativa. Però ci tengo a ribadire che finora non abbiamo licenziato nessuno e di questo ci deve essere dato merito. Non abbiamo licenziato nessuno, abbiamo garantito i servizi sul territorio. Se qualcuno di voi ha parlato con gli allevatori del territorio, vi sarà stato detto che non è cambiato nulla rispetto a prima. Riteniamo che alla fine del percorso il sistema allevatori della Lombardia sarà composto da un’unica associazione regionale, come già è avvenuto per altre Regioni (il Veneto, l’Emilia-Romagna, la Puglia eccetera), e questo va nell’ambito… tra l’altro è scritto anche nel nostro sito Internet dell’AIA che si sta andando verso il processo di regionalizzazione. Pertanto non c’è altra soluzione per poter mettere in equilibrio, dal punto di vista della sostenibilità economica, le associazioni allevatori citate. Abbiamo scelto questa strada e sembra che finora le cose stiano andando per il verso giusto—-
Da aprile 2017 la Libera non fa che lamentarsi e strillare sulla Provincia fin che c’è: il commissariamento non aveva motivo, i commissari non dicono nulla eccetera. Adesso che han spiegato tutto, ufficialmente, modi gentili ma giudizi durissimi, perché non rispondono, dalla Libera?

Cremona 30 11 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.