set 12 2017

anche i papi si pentono 12 09 2017

Published by at 7:34 am under costume,cronaca nazionale

ANCHE I PAPI SI PENTONO
Da Repubblica come fosse in San Pietro, finalmente ser Francesco raccoglie (!!) il mio pensiero, che ripeto da tempo: va bene la carità eccetera, ma qualsiasi Stato con un minimo di organizzazione deve porsi la domanda: quanti ne posso prendere? E poi, fatto il primo passo, ser Francesco, accetti ancora un mio consiglio: si tenga sempre a fianco, ben stretto, un correttore di parole; l’integrazione può riuscire bellissima con persone che studiano all’Università, che non sono la media dei migranti…… giusto infine accorgersi dei lager, ma non basta, occorre mettere in riga chi ci specula, e questo doveva dirlo.
—”Chi governa deve gestire il problema con la verità del governante che è la prudenza”. Francesco, di ritorno dal viaggio in Colombia, risponde a una domanda sulle politiche restrittive dell’Italia sui migranti, conferma di aver incontrato il premier Gentiloni ma smentisce di aver parlato dell’argomento e spiega come sia lecito, per un Paese che ha fatto molto come l’Italia, regolare i flussi migratori e fermarli se i numeri divengono insostenibili.
Sento il dovere di gratitudine per l’Italia e la Grecia perché hanno aperto il cuore ai migranti. Il problema è sempre avere un cuore aperto. È un comandamento di Dio. Anche se non basta soltanto aprire il cuore, chi governa deve gestire questo problema con la verità del governante che è la prudenza. Che significa domandarsi, primo: quanti posti ho? Secondo, occorre ricordare che non bisogna solo riceverli ma anche integrarli. Ho visto esempi di integrazione bellissima. A Roma Tre ho ascoltato quattro studenti. L’ultima ragazza che è intervenuta meno di un anno prima era venuta da Lesbo a Roma con me in aereo. Studiava biologia, ha fatto l’equiparazione degli studi e ha continuato. Questo è integrare. Terzo: il problema umanitario, che significa prendere coscienza di questi lager in cui vivono spesso queste persone. Ho visto delle foto. Ma ho l’impressione che il governo stia facendo di tutto in campo umanitario per risolvere anche problemi che non si possono assumere. Riassumendo: cuore aperto, prudenza, integrazione e vicinanza umanitaria.

Cremona 12 09 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.