giu 30 2017

la quintessenza della cremonesità-duecentoquarantuno 30 06 2017

Published by at 12:13 pm under costume,cronaca cremonese,Striscia La Provincia

LA QUINTESSENZA DELLA CREMONESITA’ – DUECENTOQUARANTUNO Ripeterò ogni giorno il comunicato del 23 giugno, apparso solamente su www.cremonaoggi.it e la Provincia fin che c’è, vediamo se qualche ramoscello sperso del Sistema Cremona ritiene sia faccenda che interessi la città e i suoi rapporti sociali:
–Acciaierie Arvedi spa rende noto, continuando a subire ripetute, illegittime ed inaccettabili pressioni, la cui ragion d’essere rischia di apparire francamente estorsiva, realizzate anche attraverso la diffusione di notizie false e tendenziose, che provvederà a perseguire tutti i responsabili nelle opportune sedi–
Stranezze del Sistema Cremona: nemmeno oggi Mondo Padano, settimanale di Arvedi, l’ha pubblicato! In compenso il direttore Rossi Alessandro, ligio al dovere, è tornato sul caso Apa, partendo da un titolone:
-Allevatori sotto shock il commissariamento durerà fino a fine anno-
Ligio al dovere e sapiente, il Rossi: è appena uscita la notizia e lui è certo, gli allevatori sono sotto shock, tutti, compresi quelli che se ne fregano, cui interessa Apa sia ben gestita e basta, i Coldiretti; sotto shock anche il sindaco, per aver il diritto di piangere sulla spalla di Bonacini Ildebrando? E poi il tifo da curva che meglio è difficile:
–Di fatto, si tratta di un’ulteriore pesantissima tegola sulla testa della più importante Apa italiana e degli allevatori del nostro territorio ai quali, in tutti questi anni, l’Apa ha erogato servizi di prim’ordine a costi sostenibili–
Sulla Provincia fin che c’è, carta e on line, nulla: l’avran ritenuta notizia di scarsa importanza. Rassegna stampa del sito Libera; già che c’è, tra una lacrima e un preghiera per l’affaire Apa, il 26 maggio Nolli Renzo s’improvvisa legislatore; accodandosi a Confagricoltura, il Governo non dia soldi ai Consorzi Agrari:
–I 40 milioni che il governo sta mettendo in questo sistema non serviranno a nulla. La rete dei Consorzi Agrari, salvo poche eccezioni, è una struttura decotta, non fa altro che incrementare un pozzo senza fine, assorbe risorse pubbliche che non portano alcun beneficio strutturale ai produttori che invece devono essere accompagnati a fare un salto di qualità–
In genere Nolli Renzo non c’è, ma quando ci fosse è fuori tempo; a me in linea di massima non piace parlare in generale, troppo spesso finisce che tutti, rimanendo sui principi, hanno ragione; mettiamo sotto esame il Consorzio Agrario di Cremona, prima e dopo la cura; fino al 2015, gestione Libera, non si potevano passare per “beneficio strutturale ai produttori” i trattori in prova gratuita per mesi o anni, solo ai pochi che sapessero provarli, ben s’intende; dopo, gestione capitan Voltini, i conti del Consorzio han ripreso a luccicare, dunque non si può fare di ogni erba un fascio, egregio dottor Nolli Renzo, ci sia o non!

Cremona 30 06 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.