feb 28 2015

osservazioni di un associato-ottantuno 28 02 2015

Published by at 10:24 am under cronaca cremonese,Striscia La Provincia

OSSERVAZIONI DI UN ASSOCIATO – OTTANTUNO
Bene. L’articolo di ieri su Mondo Padano, il settimanale di Arvedi, nel linguaggio più diplomatico, a tratti fin dolce, che si possa usare, ha confermato ciò che si sapeva da settimane: Pivantonio vada a cercar le sue rivincite altrove, certamente non a CremonaFiere; le categorie economiche non lo vogliono, il Cavaliere prende atto immagino con quanto dispiacere, il Galimba e Auricchio si fregano le mani soddisfatti. Al senatore Pizzetti va riconosciuta una qualità, il naso che fiuta dove bisogna indirizzarsi, quindi non più pranzi o incontri lunghi col decaduto, al massimo un caffè. Non è successo nulla di straordinario al nostro, quando vinci hai la corte, come cedi ti tolgono il saluto.
Figuriamoci poi quando perderà, questione di poche settimane, l’ultima piazzaforte: il Consorzio. Figuriamoci quanto il vincitore sarà discreto sui conti, che le indiscrezioni dicono molto peggio che alla Libera. Figuriamoci la pazienza del presidente nazionale Mario Guidi, che già lo malsopportava quando aveva le cariche!
E in mezzo, anche le noie delle pratiche della successione!
E tutto in pochi mesi, dal 16 ottobre 2014 al 26 aprile 2015, voto al Consorzio, qualcosa più dei cento giorni di Napoleone!
E i pivantonini che pian piano si scollano, da 27 ventisette che erano, damigel Filippini accucciato compreso: sembra che pian piano, e dai e dai, abbiano capito che La Provincia, fin che c’è, non è un problema di mal scrittura o lieve calo di vendite, è un gorgo che sta tirando a fondo tutto. Magari fra tre mesi, quando tutto sarà finito, si accorgeranno che da settembre 2014 avevano sotto il naso la relazione Begatti/Antonelli, bastava leggerla e capirla. Invece di insultare in Consiglio i colleghi dell’altra parte.
Finisco di scherzare e mi ripeto ancora, pivantonini e non, trovate un accordo: non c’è tempo da perdere, bisogna arginare in fretta la fonte di tutti i guai, la direzione della Provincia, che in sei anni ha perso la bruttezza di 1,6 milioni di copie. Trovate in fretta un direttore capace di invertire la rotta, molto in fretta, perché se domani esce un nuovo quotidiano non c’è direttore bravo che tenga: è finita!
Non fatevi intimorire dal contratto salva Pennadoro, stipulato dal solo Pivantonio senza nemmeno passare dal Consiglio: ne risponde lui, non voi; ci sono tanti validissimi motivi per risolverlo all’istante.
Non avete tempo!

Cremona 28 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

One Response to “osservazioni di un associato-ottantuno 28 02 2015”

  1. mb70on 28 feb 2015 at 6:45 pm

    Caro Cozzaglio,
    Cosa vuoi che sia cambiare associazione quando in televisione, a Porta a Porta, un medico pediatra vegano dice che è meglio non dare da mangiare ai bambini dopo lo svezzamento ne carne ne latte né formaggi? Cosa ce ne facciamo di una associazione di categoria che permette a Pippo Franco di dire nella stessa trasmissione che la carne italiana e’ piena di antibioticisenza far partire almeno una diffida per non dire una causa per diffamazione? Lasciamo che Piva completi la sua opera di distruzione poi si vedrà di ricostruire qualcosa di più utile per la mia categoria senza più zavorre come pennadoro!
    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-573c602c-0b48-4579-a5f4-74ff1b645e1e.html#p=

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.