Archive for febbraio, 2015

feb 28 2015

j’accuse-quattrocentoquattro 28 02 2015

Published by under cronaca cremonese,Giudici

J’ACCUSE – QUATTROCENTOQUATTRO
Dal Corriere di mercoledì, la nuova legge sulla responsabilità civile dei giudici:
“Ricapitolando; è considerata colpa grave:
-la violazione manifesta della legge nonché del diritto dell’Unione Europea
-il travisamento del fatto e delle prove
-l’affermazione di un fatto la cui esistenza è incontrastabilmente esclusa dagli atti del procedimento
-l’emissione di un provvedimento cautelare personale o reale fuori dai casi previsti dalla legge oppure senza motivazione—————————–
Qui c’è di tutto e si capisce perché la categoria abbia strillato tanto contro la nuova formulazione della colpa grave: se il caso Iori è la norma, e quindi i suoi giudici sono normali, la colpa grave come formulata oggi era un’abitudine!
Provvedimento cautelare, detto in gergo: la galera prima del processo, non c’è un giudice che la applichi senza motivazione o fuori dei casi previsti dalla legge, come ovvio. E’ la legge ad adattarsi al caso!
La legge prevede la “cautela”: se inquini le prove, se fuggi, se ripeti il reato. Dov’è il problema? Si interpreta, per cui Maurizio Iori entra in carcere il 14 ottobre 2011 perché potrebbe inquinare, fuggire, ripetere. A seguire, il giudice non scrive mai a vanvera, i ragionamentoni a convalida. Non è sempre così, a Iori più tardi verrà applicato l’usuale per gli omicidi: il reato è tanto grave che potrebbe ripeterlo, e infatti i processi per omicidio con imputati a piede libero sono mosche bianche. Nel pieno rispetto della legge, violazione non troppo, ehm, manifesta.
L’affermazione di un fatto la cui esistenza è incontrastabilmente esclusa dagli atti del procedimento. La più buffa, nel caso Iori, Fischetti&Vacchiano scrivono in una pagina che Maurizio Iori ha cancellato tutte le tracce della cena per il motivo, lo sanno loro, poi nella pagina accanto trascrivono in nota gli avanzi della cena che la Polizia Giudiziaria ha trovato nelle pattumiere. Con tanto di verbale. La più grossa, gli Ornesi sapevano del matrimonio del fellone con Laura, perché lo sostengono in Aula, nessuno chiede perché alla Giudiziaria avevano dichiarato esattamente il contrario.
Il travisamento del fatto e delle prove. Dio mio, Dio nostro, non si sa da che parte cominciare. Beh, dalla più scientifica, notata anche dalla Cassazione nel 2012: le impronte.
Dove mancano, Iori le ha cancellate. Se i periti dicono che resta la traccia della cancellazione, nessuna risposta.
Dove esistono, due versioni. La prima, Iori s’è dimenticato di cancellare. La seconda, le hanno trasportate i soccorritori. Anche se i periti sostengono normale non resti il mio Dna sul volante e sul cambio dell’auto che guido.
La più comica, rinforzata anche dall’Appello. Se io tiro fuori, per usarli, due sacchetti nuovi della pattumiera, la puzza dei sacchetti viene intesa dal vicino del piano di sopra.
Vi sembra strano? Su queste applicazioni ho scritto più di ottocento cartelle……

Cremona 28 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 28 2015

osservazioni di un associato-ottantuno 28 02 2015

OSSERVAZIONI DI UN ASSOCIATO – OTTANTUNO
Bene. L’articolo di ieri su Mondo Padano, il settimanale di Arvedi, nel linguaggio più diplomatico, a tratti fin dolce, che si possa usare, ha confermato ciò che si sapeva da settimane: Pivantonio vada a cercar le sue rivincite altrove, certamente non a CremonaFiere; le categorie economiche non lo vogliono, il Cavaliere prende atto immagino con quanto dispiacere, il Galimba e Auricchio si fregano le mani soddisfatti. Al senatore Pizzetti va riconosciuta una qualità, il naso che fiuta dove bisogna indirizzarsi, quindi non più pranzi o incontri lunghi col decaduto, al massimo un caffè. Non è successo nulla di straordinario al nostro, quando vinci hai la corte, come cedi ti tolgono il saluto.
Figuriamoci poi quando perderà, questione di poche settimane, l’ultima piazzaforte: il Consorzio. Figuriamoci quanto il vincitore sarà discreto sui conti, che le indiscrezioni dicono molto peggio che alla Libera. Figuriamoci la pazienza del presidente nazionale Mario Guidi, che già lo malsopportava quando aveva le cariche!
E in mezzo, anche le noie delle pratiche della successione!
E tutto in pochi mesi, dal 16 ottobre 2014 al 26 aprile 2015, voto al Consorzio, qualcosa più dei cento giorni di Napoleone!
E i pivantonini che pian piano si scollano, da 27 ventisette che erano, damigel Filippini accucciato compreso: sembra che pian piano, e dai e dai, abbiano capito che La Provincia, fin che c’è, non è un problema di mal scrittura o lieve calo di vendite, è un gorgo che sta tirando a fondo tutto. Magari fra tre mesi, quando tutto sarà finito, si accorgeranno che da settembre 2014 avevano sotto il naso la relazione Begatti/Antonelli, bastava leggerla e capirla. Invece di insultare in Consiglio i colleghi dell’altra parte.
Finisco di scherzare e mi ripeto ancora, pivantonini e non, trovate un accordo: non c’è tempo da perdere, bisogna arginare in fretta la fonte di tutti i guai, la direzione della Provincia, che in sei anni ha perso la bruttezza di 1,6 milioni di copie. Trovate in fretta un direttore capace di invertire la rotta, molto in fretta, perché se domani esce un nuovo quotidiano non c’è direttore bravo che tenga: è finita!
Non fatevi intimorire dal contratto salva Pennadoro, stipulato dal solo Pivantonio senza nemmeno passare dal Consiglio: ne risponde lui, non voi; ci sono tanti validissimi motivi per risolverlo all’istante.
Non avete tempo!

Cremona 28 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

feb 28 2015

index 28 02 2015

Published by under costume

INDEX LIBRORUM PROHIBITORUM
Chi non ha riso della Chiesa del passato, che fino al 1966 ha tenuto in vita l’elenco dei libri da non leggere, pena eccetera eccetera? Bene, qualcuno mi convinca che il pezzo sotto, dalla Stampa on line, non descriva l’edizione laica dei nostri tempi, a opera dei soliti intellettuali di sinistra:
—Tremila agenti e 80 equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine della polizia di Stato e dell’Arma dei carabinieri saranno impiegati nelle manifestazioni previste oggi a Roma. Scattati già da ieri sera i controlli ai caselli autostradali, stazioni ferroviarie, vie consolari, al centro storico, nelle metropolitane e nelle piazze di ritrovo. È previsto l’arrivo di oltre 150 pullman da tutta Italia nonché 4 treni speciali. L’attenzione è concentrata sullo svolgimento della manifestazione della Lega in piazza del Popolo con Casapound e del concomitante corteo del fronte “mai con Salvini” da Piazza Vittorio fino a Campo de’ Fiori, transitando per piazza Venezia . Cinque manifestanti sono stati fermati dalle forze dell’ordine a seguito degli scontri avvenuti nel pomeriggio a Piazzale Flaminio, per protestare contro la manifestazione indetta dalla Lega. I manifestanti hanno bloccato la circolazione stradale lanciando diverse bombe carta e bottiglie verso gli agenti che presidiavano l’ingresso a piazza del Popolo dove è allestito il palco per l’intervento di del leader leghista.—
Cremona 28 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 28 2015

la vera civiltà 28 02 2015

Published by under cronaca nazionale

LA VERA CIVILTA’
Se lo fanno, la legge lo permette. Ma non sono d’accordo: mettere le cimici in carcere, perfino mentre i prigionieri parlano coi familiari, sarà giudicato dai posteri come noi la ruota e le torture dei secoli passati. Fosse anche il peggior assassino condannato definitivamente, ha diritto alla sua intimità. Dal Corriere di ieri, la moglie va a trovare Massimo Bossetti, in attesa di una sentenza già scritta:
“E’ il 4 dicembre scorso. Come accade ogni settimana Marita Comi va in prigione per le visite. I due, ignari di una “cimice” che registra il colloquio, parlano dell’inchiesta, della linea di difesa eccetera.”

Cremona 28 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 28 2015

avanti gli altri 28 02 2015

Published by under costume

AVANTI GLI ALTRI
Se non fosse per la diversa grandezza, direi che m’han copiato; io lo scrivo da tempo, una di quelle verità tanto evidenti da sembrar banale; dal Corriere di ieri:
“RaiNews non trasmetterà più i filmati prodotti da Isis. Lo ha annunciato con un editoriale la direttrice Monica Maggioni. “E’ una decisione che abbiamo preso dopo mesi di discussione, anche in redazione”, ha spiegato. “Vedete, ormai l’Isis si è trasformato in una sorta di Hollywood del terrore. Noi non vogliamo diventare parte della loro propaganda.”

Cremona 28 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 28 2015

arriva lui 28 02 2015

Published by under cronaca cremonese

ARRIVA LUI
Da www.cremonaoggi.it, il miglior informatore cittadino:
—Dopo la pubblicazione della motivazione della sentenza Tamoil, oggi pomeriggio (sabato 28 febbraio) alle 16 presso la sala della televisione della canottieri Bissolati è in programma un incontro tra i soci che si sono costituiti parte civile nel procedimento e gli avvocati che li hanno rappresentati: Gian Pietro Gennari, Claudio Tampelli e Vito Castelli. Nel corso dell’assemblea verranno mostrati i documenti prodotti dai legali sulla ricostruzione storica dei luoghi. Un’occasione da non perdere, vista l’unicità dei documenti stessi, che sono proiettati in sede di giudizio abbreviato durante il processo.— Previsto anche, per una spiegazione generale dell’accaduto e gli opportuni rimedi, l’intervento del senatore comunista Pizzetti Luciano; non sono, ovviamente, ammesse critiche.
Cremona 28 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 28 2015

paese che vai 28 02 2015

PAESE CHE VAI, USANZE CHE TROVI
Primarie in Russia: agguato a Mosca, ucciso Nemtsov, il rivale di Putin.

Cremona 28 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 28 2015

per farsi intendere bene 28 02 2015

Published by under cronaca cremonese

PER FARSI INTENDERE BENE Federico Centenari, su www.artventuno.it, riprende il comunicato del Dordoni: —Allora l’obbiettivo che si è posto il corteo del 24 Gennaio non era poi così surreale, concludono i compagni: tentare, in primis, di raggiungere la sede per chiuderla. In secondo luogo mandare un segnale forte e chiaro ai fascisti, alla questura e alla prefettura: non saranno più tollerate vigliacche azioni squadriste in città, non sarà più tollerata la presenza dei fascisti a Cremona. Chi semina vento raccoglie tempesta, aggiunge emblematicamente in calce il Dordoni.— Per le Autorità il 414 del codice penale: istigazione a delinquere e apologia di reato, non esiste più; i teppisti del Dordoni son bravi ragazzi solo un po’ sguaiati. Ci scappasse il morto, e di questo passo prima o poi succede, almeno non recitino la scena dello stupore.
Cremona 28 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 28 2015

senso 28 02 2015

Published by under costume,cronaca nazionale

SENSO
Ogni tanto lo ricordo: anche una lingua con 150mila segni è incompleta, tutte le parole importanti, senza eccezione, han più di un significato, a volte anche agli estremi. Fin da giovane l’artista Paoli Gino è stato un trasgressivo, perché la vita è giusto viverla così, ha sempre detto; oggi che più d’uno è trasgressivo verso di lui per via delle tasse, lui manda la risposta via Corriere: sono ferito e umiliato, se qualcuno ci scherza lo mando all’ospedale.

Cremona 28 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 27 2015

j’accuse-quattrocentotre 27 02 2015

Published by under cronaca cremonese,Giudici

J’ACCUSE – QUATTROCENTOTRE
Nelle parole più semplici possibili: per esercitare la sua funzione il giudice non deve sottostare a vincoli, e mi pare pacifico; se però causa danni, perlopiù provocati dal non voler capire, nell’esercizio della funzione, che limiti di fatto e diritto ci sono e devono essere rispettati, dei danni, se risponde, risponde un altro!
Sul Corriere di venerdì, uno che se ne intende, Luciano Violante:
“Nella nuova legge sulla responsabilità civile dei giudici è assente una norma equilibratrice che punisca l’azione temeraria di chi ricorre contro un magistrato per intimidirlo.”
Bel tema. Incidentalmente: come intimidisci un giudice se il ricorso lo esamina un collega del giudice, non il tuo. Punire: non basta respingerla?
Ma il tema principale è, evidentemente un altro: la nuova legge, molto in teoria, e se sei tu a muoverti, costringe lo Stato a risarcirti il danno che un’azione temeraria di un giudice ha causato, e nessuno venga a raccontare le favole che poi lo Stato si rifà sul giudice; mentre se i suoi colleghi giudicano la tua azione verso di lui temeraria, paghi direttamente tu!
Articolo tre della Costituzione, “tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge” eccetera, quante falsità si dicono e fanno in tuo nome!
So bene che se ricordo il Berlusconi incensurato fino a 58 anni, ma con decine di procedimenti a carico, sembra una cinquantina, appena sceso in politica, per sospettare “azioni temerarie”, mi tiro addosso le ire dei benpensanti: quel pregiudicato! e allora ripiego sul Tribunale dell’Aquila, che condanna gli scienziati, motivi pure con mille pagine e, se piace, anche con 10mila, per non aver previsto il terremoto: nemmeno questa è un’azione temeraria? E la Corte d’Appello, buona, che toglie la condanna agli scienziati ma, scontato qualche morto, la conferma al capo della Protezione civile?
Vogliamo riepilogare il procedimento Iori, che conosco a memoria, dal movente in poi?
Iori uccide per il timore gli imponessero di frequentare la figlia naturale, Livia; la Difesa risponde: sapeva benissimo che non esiste legge che lo imponga; risposta dei giudici? Silenzio!
Ha ucciso propinando di nascosto in pochi minuti a digiuno alle vittime 95 novantacinque pastiglie di Xanax; la Difesa: spiegate per filo e per segno come sia possibile; le Corti di Cremona e Brescia, nessuna risposta. Ah, sì, a esser precisi Cremona l’ha data: non abbiamo la sfera di cristallo e poi non è necessario spiegarlo, tanto è chiaro!
Per uccidere in quel modo, Iori deve avere la chiave di casa delle “vittime”, ma dice di non averla; risposta delle Corti, figuriamoci se non l’aveva, poi lo testimoniano i parenti delle “vittime”. Si sarà fatto una copia, ma abitando a Crema, non a Pechino, i giudici non han ritenuto nemmeno consultare gli artigiani che le fanno.
La più scientifica, le tracce organiche: dove mancano, le ha cancellate, dove appaiono, ha dimenticato di cancellarle oppure le ha spostate un soccorritore.
Tutte azioni temerarie per fermare i giudici, cari lettori!

Cremona 27 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Next »