Archive for febbraio, 2014

feb 28 2014

non si sa mai 28 02 2014

Published by under barzellette

NON SI SA MAI
Io m’intendo di poche cose, tanto per sapere che è difficile dare giudizi lì, figuriamoci le altre; però al posto dei giudici mi sarei ben guardato dal far risalire il comandante Schettino sulla Concordia. Ci han messo due anni a raddrizzarla, vuoi vedere che…….

Cremona 28 02 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 28 2014

distinguere bene 28 02 2014

Published by under cronaca cremonese,Giudici

DISTINGUERE BENE
A chiunque lo desideri spedisco email le 97 paginette di motivazione, si leggono facilmente in un paio d’ore, con cui Massa Pio, presidente della Corte d’Assise di Cremona, spiega perché lui, Beluzzi Pier Paolo, e i sei giudici popolari, hanno condannato all’ergastolo Maurizio Iori.
Tanto per capire che una sentenza si esegue, ma il rispetto è altra cosa…..

No responses yet

feb 27 2014

j’accuse-trentanove 27 02 2014

Published by under cronaca cremonese,Giudici

J’ACCUSE – TRENTANOVE
E torniamo a pagina 61, la regina di tutte le prove, in assenza della quale non è possibile nemmeno ipotizzare un delitto, altro che responsabilità di Iori: come sia impossibile propinare a un adulto una quantità industriale di Xanax senza che se ne accorga. Per completezza della trattazione, Massa Pio risolve prima di tutto “l’incidente” Valium: “Claudia assunse due sole volte il Valium, sicuramente una dose la sera del 20 luglio e l’altra dose 3/4 giorni prima, probabilmente il 16 luglio.”
Cominciamo subito: pur non essendo certo fosse una consumatrice abituale, i consulenti non hanno assolutamente detto che abbia preso il Valium solo due volte.
“Sta di fatto che in casa di Claudia non è stata trovata alcuna scatola (o boccetta) di Valium e che il mistero su come Claudia abbia fatto ad ingerire la sera del 20 luglio il Valium può risolversi solo ipotizzando un intervento esterno, ad opera di Iori, come narrato a pagina 35 della presente sentenza.”
E rileggiamola questa narrazione: “se Claudia assumeva saltuariamente il Valium (ma come? a pagina 61 lo”assunse” solo due volte! n.d.r.) e l’ha assunto anche il 20 luglio perché non si trova in casa il medicinale, in gocce o compresse che fosse? e al mistero si aggiunge un altro mistero perché sorge spontaneo porsi anche un altro interrogativo: se Claudia ha deciso di uccidersi ed ingoia e fa ingoiare alla piccola complessive 95 pastiglie di Xanax, perché mai si preoccupa di prendere anche una o due compresse di Valium, o una piccola dose di Valium in gocce, quando lo Xanax non è ancora finito, residuando altre 5 pastiglie?”
Ben scritto, presidente Massa, ma bisogna completare: perché se ne sarebbe dovuto preoccupare l’assassino Iori?
Per il solito evidente filo conduttore dell’intero procedimento, perché qualsiasi cosa sia successa è una prova a carico di Maurizio Iori, a cominciare dalla boccetta di Valium, che se manca l’ha fatta sparire lui, con la furbizia aggiunta: perché le gocce Claudia le ha prese la sera, mentre i periti, anche quelli dell’Accusa, si son limitati a deporre che nel corpo c’erano tracce di Valium, ma poteva anche averlo preso il mattino; del resto abbiamo già visto che se Iori dimentica a casa il cellulare è per costituirsi la prova che non si era mosso…………..
In questi giorni, sempre a Cremona, si fa il processo a due medici che non si sono accorti di una meningite: a giudici che non si accorgono di ben peggio non se ne parla nemmeno, in rispetto al solito articolo tre della Costituzione, quello del siamo tutti eguali eccetera. Ancor più romanzesca la rilettura dello Xanax, da pagina 61 in avanti:
“Ancora più misteriosa è al questione delle 95 pastiglie di Xanax che nell’ipotesi suicidaria Claudia Ornesi deteneva da tempo e decise di usare la sera del 2o luglio. Le compresse erano in 10 blister ed ogni confezione di Xanax contiene due blister. Ci si aspettava quindi di vedere sul tavolo o da qualche altre parte le cinque scatole che contenevano lo Xanax, ma in casa non ce n’è neanche una.”
Notiamo subito la tecnica sopraffina del “ci si aspettava”, identica ai vari “tutti sanno, è noto che, eccetera”, che potete subito immaginare dove porta: è stato Iori perché è l’assassino. La conferma a domani.

Cremona 27 02 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 27 2014

bastano i titoli 27 02 2014

BASTANO I TITOLI
La Provincia on line: Gelmini a sostegno di Perri: ‘Un campione anche di onestà’
www.cremonaoggi.it: Gelmini a colloquio con Perri per costruire programmi e alleanze
Il solito titolo alla Pennadoro lascia ampi spazi alla fantasia: Perri è un campione di onestà, i suoi collaboratori, se lui è un campione, per forza di cose meno, quelli poi che hanno abbandonato i partiti che li han messi in Consiglio, figuriamoci!
La Gelmini, di cui ho ascoltato l’intero video di dieci minuti, è stata penosa, ma un giornalista abile a fare il suo mestiere, anche se non necessariamente amico di Perri, la traduce come ha fatto Cremona Oggi, che ha inserito la sua brillante trouvaille nel mezzo dell’articolo: “Una persona che ha amministrato il Comune come un buon padre di famiglia, con una grande attenzione alle spese e alle finanze”. Che poi è il pensiero della Gelmini, anche se espresso malissimo con le parole riportate alla lettera da Pennadoro. Che ancora una volta dimostra di non capirne l’uso: tutte le parole importanti hanno ben più che sfumature, messe assieme poi, a essere incauti, possono provocare l’Apocalisse!
In sintesi, amici della destra cremonese, evitate quei due, Pennadoro&Pivantonio, direttore&editore: più che danni non ci possono fare, in perfetta buonafede, beninteso. Non farò mai i nomi di chi si fida di me, amico o non che sia, ma sentite questa, bellissima, di uno dei nostri: Flaminio, lo so che hai ragione, ogni foto con loro son dieci voti in meno, ma a volte è difficile evitarle!
Che rispondere? fate il possibile, deviateli verso Galimberti, almeno in questi tre mesi…..
E tornando alla Gelmini toglietevi una buona volta il complesso che appena arriva un leader sia indispensabile portarlo alla Provincia per gli omaggi alla premiata coppia, sennò vi fanno la bua! Provate a immaginare che sarebbe successo se l’aveste portata a Cremona Oggi, poi a Tv Arvedi, intervistata da Mario Silla, non dimenticandovi di invitare il Vascello, Mondo Padano, L’Inviato, il Piccolo, Vita Cattolica, Cremona Produce, il Dordoni, il Kavarna e Casa Pound: tutti, tranne la Provincia!
A Pivantonio viene un cagotto elettrico che gli fa perdere venti kg in una settimana; Pennadoro beve acqua minerale da qui all’estate. Scrivono, alla loro maniera, qualche articolo contro? Molto bene, il divertimento aumenta.
Fuori dalle battute, amici della destra, alzate la testa: non siamo noi ad aver bisogno di loro, è esattamente il contrario!

Cremona 27 02 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 27 2014

giglio candido 27 02 2014

Published by under cronaca nazionale

GIGLIO CANDIDO
Titolo dalla Stampa on line:
Schettino al Giglio tra le polemiche Vergognarmi? Non sono Vallanzasca
E’ vero, i numeri parlano chiaro: con tutto l’impegno possibile, Vallanzasca non è riuscito a causare la morte di 32 persone.

Cremona 27 02 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 27 2014

non sono d’accordo 27 02 2014

NON SONO D’ACCORDO
Ieri al Filo l’ex ministro Claudio Martelli ha presentato un libro che racconta la politica dei suoi tempi. Ecco dal Vascello on line di Antonio Leoni, per tanti anni l’unica voce contro di Cremona:
“Erano sul palco davanti a un pubblico numeroso per dialogare con l’autore Domenico Cacopardo, già presidente di sezione del Consiglio di Stato, scrittore-editorialista della Gazzetta di Parma, al quale peraltro ha consentito solo due fuggevoli interventi Vittoriano Zanolli, direttore del giornale La Provincia di Cremona, che si è distinto per le continue interruzioni del dire di Claudio Martelli sul percorso personale nel socialismo liberal democratico e soprattutto durante l’analisi lucidissima sia della situazione politica attuale, sia della esperienza quando ricoprì il ministero della giustizia. Poco si è quindi parlato direttamente del libro, che è autobiografia politica e confessione esistenziale.”
Avevo un impegno, non c’ero, ma è chiaro che non sono per nulla d’accordo col giudizio impietoso dell’amico Antonio Leoni, e avessi saputo prima che andava così, avrei disdetto l’impegno: Cacopardo e Martelli senza dubbio han tante cose interessanti da raccontare, ma assistere in diretta alla creazione di un Punto di Zanolli Pennadoro Vittoriano è uno spettacolo impagabile!

Cremona 27 02 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 27 2014

la professione giusta 27 02 2014

Published by under cronaca cremonese,Giudici

LA PROFESSIONE GIUSTA
Palazzo di Giustizia di Cremona. Chiesti sei mesi per due medici che forse non han curato bene una meningite.
Risultasse sbagliata la sentenza, al massimo la riformano, sempre non sia l’ultima. Un po’ come la condanna a Maurizio Iori, dove il giudice non ha spiegato, per evidenti cause di forza maggiore, la mancanza della sfera di cristallo! come Iori sia riuscito a far mangiare di nascosto a digiuno in pochi minuti 90 pastiglie di Xanax alla sua “vittima”.

Cremona 27 02 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 27 2014

al colto e all’inclita 27 02 2014

Published by under costume,cronaca nazionale,Giudici

AL COLTO E ALL’INCLITA
Assolti ieri, dopo quarant’anni, gli imputati di Piazza della Loggia; oggi, dopo soli 24, il terzo imputato di via Poma.
Stabilito che in base alla legge si condanna solo quando v’è certezza del fatto, non per il calcolo delle probabilità, dopo quanti anni un cittadino raggiunge il diritto di vivere in pace senza più essere tormentato dai missionari della “Giustizia”?

Cremona 28 02 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 27 2014

bada come parli 27 02 2014

Published by under cronaca cremonese

BADA COME PARLI
Io per primo esperimento quanto a volte sia difficile anche solo ripetere l’altro, per cui mi limito a un: lo scrive L’Inviato on line di Roberto Bettinelli.
“In questi giorni – spiega Galimberti – siamo impegnati per programmare la campagna elettorale e lavorare al programma. La settimana prossima, in una data che verrà definita tra poco, ci riuniremo con i collaboratori di ‘Fare nuova la città’ per condividere scelte e percorso e  continuare a lavorare insieme con la stessa passione, con lo stesso entusiasmo, con la stessa concretezza. Noi abbiamo un impegno, con concretezza e idealità, per il futuro e per l’oggi: fare nuova questa città. Continuiamo a raccontare buone nuove per tutti”.
Non son sicuro che Galimberti l’abbia davvero detto; l’avesse, dovrebbe anche spiegare come possano convivere la concretezza e il racconto delle buone nuove.
Mi viene un dubbio: dalla prossima settimana parte con le parabole…..

Cremona 27 02 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 27 2014

così parlò zarathustra 27 02 2014

Published by under barzellette

COSI’ PARLO’ ZARATHUSTRA
Gli ombrelli non si comprano: si rubano!

Cremona 27 02 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

« Prev - Next »