set 14 2013

anni 70 14 09 2013

Published by at 8:49 am under cronaca nazionale,sindacato

ANNI 70
Le palle di piombo alle povere strutture dello Stato italiano sono tante, e forse la più dannosa è il sindacato, in qualsiasi modo, in qualsiasi campo si esprima: più ottuso del più ottuso dei burocrati, volto solo a mantenere i propri privilegi, spesso a danno dei lavoratori più deboli. Siccome i proprietari del Corriere: Fiat, Mediobanca, Intesa San Paolo, non si chiamano Piva Antonio, che fa pagare il disastro Provincia ai 3mila soci della Libera, prima riducono drasticamente il personale, poi cominciano a vendere l’argenteria, la sede storica di via Solferino 28. Ecco il giudizio del comitato di redazione, sempre identico da quarant’anni:
L’intenzione è vendere in blocco un immobile collocato nella zona più costosa di Milano (Garibaldi-Moscova-Solferino) al fondo americano Blackstone a un prezzo largamente inferiore ai valori potenziali, per poi riaffittarne una parte a prezzi di mercato, quindi altissimi. In questo modo l’azienda otterrà il classico piatto di lenticchie per aver svenduto la sede storica di via Solferino, lo specchio di un’identità che ha oltre cento anni di storia. E che costituisce, inoltre, una garanzia economica per tutti i lavoratori dell’azienda……………………………………………………………………….
L’imprenditore, nella migliore tradizione sindacale, meglio se profumata di sinistra, è un idiota, i sé dicenti difensori dei lavoratori, in mezza cartella, spiegano come si gestisce con profitto un’azienda.

Cremona 14 09 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.