Archive for giugno, 2013

giu 28 2013

l’insistente 28 06 2013

Published by under cronaca nazionale

L’INSISTENTE
Il già senatore De Gregorio, quello della compravendita dei senatori, chiede il patteggiamento: ma non ha già patteggiato abbastanza?

Cremona 28 06 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

giu 28 2013

il diluvio universale 28 06 2013

Published by under Striscia La Provincia

IL DILUVIO UNIVERSALE
Sono ingeneroso quando accuso Zanolli Vittoriano, direttore della Provincia quotidiano eccetera di Cremona, di rovinare quelli che sostiene, siano politici o ristoranti. Provvede anche a se stesso. Ecco i dati di Prima Comunicazione, riferiti alle vendite di aprile 2013: La Provincia è scesa sotto le 17mila copie giornaliere, le vendute, non le stampate, un 4% in meno del già zoppicante aprile 2012, nonostante i coupon, le Corde dell’Anima, MondoMusica New York, gli attacchi a Perri eccetera.
I tremila agricoltori della Libera, editore del giornale, ringraziano commossi l’impegno di Piva Antonio presidente e Zanolli Vittoriano direttore…..

Cremona 28 06 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

giu 28 2013

continua a non capire 28 06 2013

Published by under cronaca nazionale,Giudici

CONTINUA A NON CAPIRE
Alle solite. Il Pdl vuole riformare la Costituzione nella parte che riguarda la Magistratura: non mi interessa indagare quale e come, non lo deve fare e basta, se desidera che l’Italia resti tra i Paesi civili. E se la Magistratura è davvero un potere autonomo della società, prima ancora che dello Stato. E’ naturalmente un discorso complesso, impossibile da esaurire negli spazi stretti di un blog, ma se il Pdl vuol davvero una riforma, e costituzionale, la concerti ad esempio col Consiglio superiore della magistratura.
Capisco bene la rabbia di Berlusconi, ma si fermi a contestare, con civiltà e precisione, tutti gli atti verso di lui, ce ne sono in abbondanza, che reputi persecutori, come un qualsiasi cittadino.
L’ultimo, di queste ore, la Cassazione che di principio reputa esatto il risarcimento a De Benedetti, solo un filo esagerato nella cifra, come se Berlusconi gli avesse rubato la Mondadori invece di avergli pagato, a oro luccicante, la sua quota di minoranza.

Cremona 28 06 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

giu 28 2013

l’esilio morale 28 06 2013

Published by under cronaca nazionale

L’ESILIO MORALE
Sfogo del Professor Grattugia riportato dal Corriere on line: apprezzato solo all’estero, voglia di non tornare.
Alla ferale notizia, un numero imprecisato di suicidi in Italia, sembra maggiore di quelli che l’han fatto dopo aver perso il lavoro o l’azienda. Grazie ai suoi provvedimenti.

Cremona 28 06 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

giu 28 2013

liberi scambi 28 06 2013

LIBERI SCAMBI
Leggo sempre, volentieri e con piacere, gli editoriali di don Vincenzo Rini, direttore di Vita Cattolica, settimanale della Diocesi di Cremona che esce il giovedì. Ho però una critica da fare all’uomo, che non mi sembra un vero cristiano: perché non li scambia di soppiatto con quelli di Zanolli Vittoriano, direttore della Provincia quotidiano eccetera?
Zanolli finalmente farebbe una bella figura, don Vincenzo un anticipo di Purgatorio…

Cremona 28 06 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

giu 28 2013

il protocollo iori 28 06 2013

Published by under cronaca cremonese,Giudici

IL PROTOCOLLO IORI
Lo ricordo spesso, non scrivo a difesa di Iori e della sua famiglia solo per l’evidenza di ciò che devono subire da certi Signori Giudici, ma anche perché ciò che capita oggi a loro, domani può capitare ad altri, anche a quelli che oggi se ne fregano per l’usuale principio italiano: cazzi suoi!
L’altro giorno abbiamo letto di uno zio orco che s’è preso dieci anni perché un suo nipote sostiene che l’avrebbe violentato fino al 2005: non ci sono referti medici, testimoni, persone informate, tranne sua madre che dice non esser vero, sarebbe “suggerito” da persone che vogliono colpire la famiglia. Parola contro parola, quindi, e vedremo tra un po’, nelle motivazioni, come il Giudice sia arrivato alla verità.
Quella di ieri, pur nella piccolezza dei fatti, ha un significato enorme: il Procuratore capo Roberto di Martino in persona ha chiesto il divieto di dimora a Cremona per Roberto Vitali, indagato per falso ideologico e materiale, avrebbe autenticato firme false per la presentazione delle liste elettorali. Delinquente e pericoloso, insomma, meglio separarlo dalla famiglia perché potrebbe inquinare le prove, immagino, ma se anche immaginassi male la fantasia di certi giudici non ha limiti nel trovare il motivo adatto. Falso ideologico e materiale tutto da provare, immagino di nuovo, mentre sarà stato già archiviato, la mia immaginazione è più forte di me, continua a immaginare, il mio esposto ben documentato su un falso evidentissimo come quello del Comune di Cremona per pagare una parcella a Zanolli Vittoriano. Io sono un rompiballe, che fa perder tempo a gente impegnata, saran finite nel cestino, immagino, tutte le mie segnalazioni tipo le consulenze di Pasquali Andrea già presidente Lgh, l’assegnazione a Chiave di Bacco del bar del Palazzo dell’Arte senza gara pubblica, e via via altre che non sto a ricordare, per giungere fino all’esposto di cinque anni fa, qui l’immaginazione visto il tempo trascorso non ha diritto d’essere ospitata, dove segnalavo un professore che teneva i registri con la biro cancellabile, e singolarità del genere.
Ma forse i miei esposti riguardano fatti comuni, comunissimi: Roberto Vitali invece, oltre che pericoloso, ha commesso un reato tanto straordinario che, pena si propaghi, è meglio sia bloccato subito!

Cremona 28 06 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

giu 28 2013

no 28 06 2013

Published by under cronaca cremonese

NO
No del Tar alla Beltrami, spara in prima pagina la Provincia, quotidiano eccetera. So nulla della faccenda, vedo solo che a Cremona, per un No! a un potente, bisogna aspettare venga da fuori….

Cremona 28 06 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

giu 28 2013

maurizio iori 28 06 2013

Published by under cronaca cremonese

MAURIZIO IORI
Se credete a quanto scrivo sul suo processo e se giocate come me su facebook, dategli un grande aiuto: l’amicizia. E’ un modo per farlo sentire meno solo.

Cremona 28 06 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

giu 27 2013

giustizia di ferro-centocinquantasette 27 06 2013

Published by under cronaca cremonese,Giudici

GIUSTIZIA DI FERRO – CENTOCINQUANTASETTE
Solito golpe della Provincia, giornale a informazione Libera, con titolo a tutta pagina nella cronaca di Crema, rinforzato in loco a suon di locandina presso le edicole:
L’Ospedale parte civile contro Iori
Maurizio Iori, oltre aver ucciso l’ex amante e la figlia, secondo la Corte d’Assise che in sei mesi ci spiegherà i motivi, e seguente conferma della Morandi, la Benemerita, ha depredato perfino l’Ospedale che gli forniva il cibo, timbrava, e poi andava in studi e cliniche private ad ammucchiare soldi. Nessun cenno invece sulla Provincia, ma l’informazione è Libera, dell’incontro al Filo per far due chiacchiere sul processo principale, quello dell’ergastolo, di cui si aspetta, ormai mancano solo venti giorni, il deposito delle motivazioni. Incontro che c’è stato lo stesso, annunciato da www.cremonaoggi.it, il Vascello online, cioè la stampa libera, e da facebook. Poche persone, una quindicina, in linea con la linea Cremona: se uno Iori si fa l’ergastolo, cazzi suoi, se a me danno una multa, è ingiusto e protesto. Senza far caso alla banale riflessione, che ripeto dai primi degli oltre duecento pezzi che ho scritto sul blog: oggi la multa a te e l’ergastolo a lui, ma è un caso, poteva essere il contrario e comunque c’è tutto il tempo perché succeda ancora.
Pochi ma buoni, molta attenzione e domande; più volte rifacendo il percorso dell’intera storia, dai giornali alle prime indagini, dall’arresto alla sentenza, ho dovuto interrompermi: chiedo scusa se i fatti che presento fanno ridere, innestati come sono sulla morte di due persone, l’ergastolo per una, il dolore infinito e la distruzione di troppe famiglie, ma la colpa è loro, dei fatti, non mia. Partendo dalle lettere tra i due Presidenti, Massa e Campanato, dove ci si accorda che, causa i troppi impegni di Massa dovuti a gestire separazioni e divorzi e simili, nonché a trovare le sedie per i colleghi di Crema, la spiegazione dei motivi di condanna non riesca, ed è più che comprensibile, nei 90 giorni chiesti al momento della sentenza, per cui ne servono altri novanta, per un totale di 180, quando a Stendhal, per fare un nome, ne son bastati 40 per scrivere la Chartreuse, oltre 500 pagine di cui vi lascio immaginare la differenza rispetto a scrivere cosa secondo loro è successo in una sera di luglio; dalla scoperta del Procuratore Borgonovo, per cui non poteva essere suicidio, anche se la madre ha in corpo 90 pastiglie di Xanax, perché non è morta abbracciata alla figlia; dalla sicurezza della Corte che Iori avesse la chiave dell’appartamento: pagava il leasing, dunque l’aveva, e poi lo dicono gli Ornesi, testi degni d’ogni fiducia; per finire alla grottesca ricostruzione, e qui davvero il riso mi spiace perché si tratta di morte, ma ad impossibilia nemo tenetur, che l’Accusa di soppiatto, negli ultimi giorni, scrive e non legge in Aula, dio sa perché, sulle ore finali: Iori ficca nel bicchiere dell’aperitivo di Claudia, che non se ne accorge né prima né dopo, qualche decina di pastiglie di Xanax ben tritate, poi, come sviene, le fa bere il resto, e intanto cerca una lettera e non so cosa altro, ma prima ha staccato la luce, a un quarto alle dieci di sera, per vederci meglio. S’è dimenticata, l’Accusa, l’ordine dei tempi: Iori prima addormenta la figlia, e la madre nemmeno chiede: che gioco strano stai facendo? o prima la madre, e la figlia non emette nemmeno uno strillo che coi muri carta velina d’oggi il vicino udirebbe, proprio come ha sentito le urla di stizza della madre, esattamente come insiste Iori, alla notizia che lui ha sposato l’altra, non lei?
Pensaci bene, caro cittadino di Cremona, oggi alzi la voce per una multa, domani non ti basterebbero le cannonate per far sentire la tua rabbia, ti arrivasse sul groppone un trattamento Iori….

Cremona 27 06 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

giu 27 2013

le grida del lavoro 27 06 2013

Published by under costume,cronaca nazionale

LE GRIDA DEL LAVORO
Che somigliano tanto alle grida manzoniane, sotto le cui forche siamo passati in troppi: ogni giorno, se non un decreto, un’idea. Va bene tutto, decreti, idee, purché arrivino a un solo obiettivo, se davvero si vuole che giovani e meno giovani trovino un lavoro: lasciare qualche spicciolo in più alle imprese.

Cremona 27 06 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

« Prev - Next »