mar 31 2012

la fretta? 31 03 2012

Published by at 7:57 am under cronaca cremonese

LA FRETTA ?

Io spero sia stata solo la mancanza di tempo, anche un settimanale deve correre, a far uscire Vita Cattolica con questi titolacci sul caso Arvedi:

Lettera di 94 cittadini. Presunto inquinamento acustico a Cavatigozzi
TENSIONE FRA ARVEDI E ALCUNI RESIDENTI
L’azienda: i dati sono rilevati continuamente, sono pubblici e parlano di limiti rispettati. Parte la denuncia? (verso i 94, n.d.r.)

E il resto dell’articolo sviluppa ordinatamente il titolo……

Cremona 31 03 2012 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

One Response to “la fretta? 31 03 2012”

  1. danielaon 31 mar 2012 at 12:59 pm

    Il giudice archivia il caso dell’ex assessore (che si era auto-sospeso, ma ora per me potrebbe tornare a ricoprire quell’incarico) di Pizzighettone, indagato per abusi su un bambino egiziano: in realtà il bambino avrebbe subìto maltrattamenti da parte dei genitori stessi.
    Stando all’articolo su La Provincia di oggi, gli inquirenti avrebbero sentito i genitori dire al bambino “se ci dai retta avrai tutti i giocattoli che vuoi perché avremo tanti soldi”…si noti l’infamia di certi individui che non hanno esitato ad accusare una persona, pur sapendo che è innocente, per tentare di avere dei soldi (si suppone di un presunto risarcimento!
    Mi fa piacere che l’ex assessore e maestro di sostegno sia riuscito a dimostrare che non c’entra nulla: ora può ricominciare a vivere “tranquillamente”, anche se è ovvio che nessuno potrà risarcirlo abbastanza per quello che ha passato.
    Ora passo alla giornalista che ha scritto l’articolo, che è la stessa che tu ogni tanto definisci (suppongo in chiave ironica) “benemerita” (per me la suddetta giornalista è tutt’altro che benemerita): era stata pronta, a suo tempo, a pubblicare nome, cognome (e forse anche la foto) della persona indagata, mentre nell’articolo di oggi si guarda bene dal pubblicare nome, cognome e foto degli indagati per i maltrattamenti al figlio, nonché calunniatori…come mai questa differenza di comportamento?
    Idem per i casi di presunte violenze sessuali: la suddetta giornalista (per me) per niente benemerita, pubblica nome e cognome (e se può anche la foto) del presunto imputato, ma se salta fuori che lui è innocente e la subdola molto presunta vittima si è inventata tutto, mica pubblica nome, cognome e foto della calunniatrice!

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.