Archive for gennaio, 2012

gen 31 2012

gianmario beluffi 31 01 2012

Published by under cronaca nazionale

Il caso Ottaviano del Turco e i socialisti
Egregio Direttore,
Ottaviano Del Turco, sindacalista socialista ,ultimo segretario nazionale del PSI, come è noto è stato travolto da una montagna di fango che si è abbattuta su di lui, come presidente della Regione Abruzzo e come persona.
Arrestato nel 2008 dalla guardia di finanza a seguito di un’inchiesta della Procura della Repubblica di Pescara, con l’accusa di associazione per delinquere, truffa, corruzione e concussione, nell’ambito di un’inchiesta sulla gestione della sanità di iniziativa privata in Abruzzo ,dei “gravi indizi di colpevolezza a carico dell’indagato per le ipotesi di corruzione e concussione” rilevati allora da Giudice per le indagini preliminari, oggi si sono smarrite le tracce.
Un clamoroso errore giudiziario, rispetto al quale il Partito Democratico, formazione politica alla quale Del Turco era approdato nel 2007,confluendovi insieme ai socialisti di Alleanza Riformista, non si è finora pronunciato.
Mentre non aveva atteso un secondo a prendere le distanze da Del Turco all’avvio dell’inchiesta e ad isolarlo politicamente ed umanamente , con un atteggiamento politicamente e umanamente molto più duro rispetto a casi successivi, come quello di Penati, ad esempio.
In una recente intervista , alla domanda “ Ma lei si sente vittima di un errore giudiziario o piuttosto della guerra ingaggiata da parte della sanità privata? ”, Del Turco risponde “A volermi mandare a casa non era solo l’opposizione, ma anche la maggioranza e, in particolare, quella parte del PD riunita attorno a Enrico Paolini, vice presidente in Giunta”.
Oggi a distanza di quattro anni anche l’ Unità fa sapere al mondo che sull’ ex socialista Del Turco mancano le prove. Un primo accenno di tardivo ravvedimento rispetto alla “ condanna preventiva “ inflitta all’ex socialista ? Chissa’ …
Di sicuro il caso Del Turco è esemplare di cosa si devono attendere i socialisti che ancora sono convinti che esistano prospettive per loro nel centrosinistra. Serve aggiungere altro ?

Gianmario Beluffi
gianmariobeluffi@libero.it

No responses yet

gen 31 2012

allergia 31 01 2012

Published by under barzellette

ALLERGIA

Anche se fuori stagione, una strana allergia tossicola di natura non ancora individuata con certezza, ha impedito al consigliere Roberto Borsella, del Pdl, di portare il consueto contributo al Consiglio comunale di ieri. Che di conseguenza non è riuscito ad esprimersi agli usuali livelli.

Cremona 31 01 2012 www.flaminiocozzaglio.info

2 responses so far

gen 31 2012

intolleranti 31 01 2012

Published by under Politica cremonese

INTOLLERANTI CON GLI INTOLLERANTI

La lezione del titolo non è mia, è del centro sociale Kavarna, di Cremona: impediremo a chi la pensa diverso da noi di manifestare, questo è il succo, mascherato come sopra. Il bello, lettori di altre città, che ‘sto proclama l’han pubblicato su un giornale e le “autorità” non hanno aperto bocca. Il Comune, semplicemente, per non far danni al centro, manda gli “estremi” a far politica in periferia.
Per cui nessuno si stupisca di Bologna, dove i kavarnicoli del luogo han cercato di impedire, stavolta, niente di meno del Presidente della Repubblica:
“per noi Napolitano non è la faccia pulita che tutti descrivono. Altro che re Giorgio! Lui è il primo responsabile di un futuro segnato dalla precarietà.”
Non chiedo alle autorità di essere intolleranti, solo di far rispettare la legge anche a questi nuovi “Costituenti”.

Cremona 31 01 2012 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

gen 31 2012

in morte 31 01 2012

Published by under cronaca nazionale

IN MORTE

Senza ipocrisia, vorrei fosse così anche per me, per quanto fuori dell’ordinario possa essere la nostra morte, non cambia certo il giudizio per ciò che siamo stati in vita. E così sia di Scalfaro, un interprete più che un testimone, che ha inciso tanto profondamente nella vita politica italiana da poter essere giudicato come meglio aggrada.
A qualificarlo, per me, è sufficiente l’episodio della scollatura, con numerose varianti che però concordano sul punto principale: anni cinquanta, il giovane deputato Scalfaro siede al ristorante, a Roma, a un tavolo vicino una signora è secondo lui troppo scollata. Qui inizia la sarabanda delle versioni, l’ha schiaffeggiata, l’ha invitata, ha chiesto al personale, il certo, la signora non era vestita come voleva lui, che le ha imposto di rivestirsi. Con parolacce, che gli costarono una querela, che finì in nulla perché accettò l’amnistia.
Se invece di un costituente, di un deputato della maggioranza, fosse stato un semplice impiegato dell’Inps, il giovane Scalfaro se lo sarebbe permesso?
Domanda non scioccamente provocatoria. L’ancor più giovane Scalfaro si laurea in legge nel 1941, nel 1943, in pieno fascismo, diventa magistrato, si badi bene, non avvocato, che conserva una sua autonomia, e presta giuramento di fedeltà al regime, il che non gli impedisce, a guerra appena finita, di chiedere la condanna di certuni cui aveva garantito d’esser fedele…..

Cremona 31 01 2012 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

gen 31 2012

lacrime e sangue 31 01 2012

LACRIME E SANGUE

Proprio sfortunati alla Provincia, non hanno ancora deposto i calici per il festeggio, è morta Cronaca, calici solo appoggiati alle labbra, ma senza ingurgitare, per rispetto ai colleghi che, senza l’appoggio della Libera, sono rimasti senza lavoro, e arriva la ferale notizia: i fratelli Salini aprono un giornale on line e, questo sì peccato grave, pieno di soldi. Scongiurata quindi la fine di Cronaca, lo garantisce Secondo Triboldi, che di giornali, volendo anche in carta, ne può mantenere una decina.
Giornale di destra, non pizzettiano quando serve, altro peccataccio che rischia di togliere lettori ai fogli trasformisti.
Giornale, poi lo vedremo all’opera, che vuol segare l’erba ai colleghi, vista l’intenzione di far parlare la gente, non parlare per essa.
Non so nulla di preciso, ma basta leggere la nota che appare sul braccio svelto della Provincia, www.cremonaonline.it., velenosa e puntuale ben oltre il solito, per essere certi che la strina è tanta, considerata la vita difficile che passano anche loro……

Cremona 31 01 2012 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

gen 31 2012

razziano 31 01 2012

Published by under Striscia La Provincia

RAZZIANO 500 MAIALI
SEI FINISCONO IN CELLA

Così come lo leggete, cari lettori, in prima pagina della Provincia lunedì 30 gennaio. Se l’obiettivo era quello, ci son riusciti: ha riso l’intera Cremona, dal colto all’inclita, dal bimbo allo sdentato etc etc, proprio tutti. Tutti forse no, Zanolli, quando gliel’han fatto notare, Piva, tra un viaggio e l’altro a Roma a battersi per la categoria, e poi trovarsi al centro dell’attenzione come editore di tanto giornale….giusto due giorni dopo che, per lanciare il figlio, gli han fatto copiare una conferenza di due mesi prima…
Adesso capisco la paura del nuovo on line dei fratelli Salini: quelli sanno scrivere, accidenti!
Ma voi, cari lettori, nel vostro interesse, non fatevi vedere a ridere in pubblico, e men che meno a commentare il mio post, sennò Zanolli, direttore di tanta Provincia, sostiene che lo diffamate e vi porta in Tribunale.
Io qualche buon consiglio l’avevo passato. Deponete le armi e chiedete a Pirondini se si sente di fare il supervisore; nei punti delicati mettetevi in quattro e lavorate di concerto, ciò che sfugge a uno, vede l’altro; ci son tanti professori di lettere col pomeriggio libero; infine, io stesso, senza pretese o vanagloria, una mano per il giornale che rappresenta, ahimè, la città, ve la do volentieri…..

Cremona 31 01 2012 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

gen 30 2012

vicini e lontani 30 01 2012

Published by under Politica nazionale

VICINI E LONTANI

L’invito del Coni: un minuto di silenzio sui campi di calcio in ricordo dell’emerito presidente Scalfaro. Rispettato in tutti gli stadi, tranne che a Roma. Sarà che noi l’abbiamo ammirato da lontano, loro goduto da vicino?

Cremona 30 09 2012 www.flaminiocozzaglio.info

2 responses so far

gen 30 2012

è fatta 30 01 2012

Published by under politica internazionale

E’ FATTA

Berlino: la Grecia va salvata.
Benissimo, dietro l’immagine, a maggior ragione l’Italia.

Cremona 30 01 2012 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

gen 30 2012

scoop di paese 30 01 2012

SCOOP DI PAESE

Non cercatemi retropensieri: è normale che un giornale srotoli in continuazione tappeti rossi all’editore, ai parenti, agli amici e, perché no, ai cortigiani. Normale non nel senso che sia giusto, ma lo fanno tutti. Per cui non stupiamoci, un giorno o l’altro, di vedere sulla Provincia, unico quotidiano di Cremona, una foto di Piva senior mentre danza “Il lago dei cigni”. E nemmeno se Zanolli giudica arrivato il tempo di tirare la volata anche al figlioletto, Piva junior.
Ma il buon gusto, suvvia….
Stefano Zurlo è una penna brillante del Giornale, conduttore televisivo, autore di libri di costume molto divertenti, che ho avuto modo di ammirare mesi fa al Filo, invitato assieme al nostro Salvini dall’attivissimo Mantovani, e presentato da Melega. Platea piena, risate sincere alla lettura di un suo libro sulle disfunzioni della magistratura, raccontate attraverso i processi disciplinari, finiti, quando andava male, con un paterno: non farlo più.
Tirare la volata, dicevo. Giusto, fin che regna senior, presentare junior, con articolo abbellito da foto che lo vedono sorridente e circondato dall’ammirazione generale. Perché, chiederete voi. Beh, junior, nella sua qualità di presidente della Round Table, non chiedetemi cos’è, non lo so e non mi interessa, ha invitato Stefano Zurlo a Cremona per?….per per ripetere per filo e per segno gli stessi episodi tratti dal libro che aveva presentato mesi fa al Filo!
Zurlo avrà i suoi motivi, che non conosco e non discuto, ma la benemerita Morandi Francesca, dirittologa della Provincia, che si è data da fare per comporre l’articolo, e magari, sono maligno, organizzare la conferenza, proprio non si è accorta di ‘sta specie di plagio, che non porta onore a lei, al giornale, e che in un certo senso mette in ridicolo l’editore, che evidentemente non si occupa delle attività culturali di Cremona?
Sentitela mentre trascrive il pezzo di Zurlo: “sono storie molto imbarazzanti. Si passa dall’arroganza alla sciatteria, alla dimenticanza”.
Sciatteria? Dimenticanza?

Cremona 30 01 2012 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

gen 30 2012

giordano e claretta 30 01 2012

Published by under cronaca nazionale

GIORDANO E CLARETTA

Dopo qualche secolo la Chiesa lo ammette: potevamo fare a meno di bruciare Giordano Bruno.
Per l’Anpi, associazione partigiani etc, è un esempio da seguire: troppo presto una lapide per ricordare (si badi: ricordare, non riabilitare) Claretta Petacci.
Tutto nasce da un’iniziativa di nostalgici di Como: il nostro è un omaggio a una donna coraggiosa, innamorata, che si è buttata davanti ai fucili sperando di salvare la vita al Duce.
Il Comune ha dato l’assenso. Per l’Anpi si tratta di una decisione gravissima.
Due parole per i giovani che la storia contemporanea l’hanno sentita a scuola e dai sinistri al 25 aprile. Claretta Petacci non fece un minuto di attività politica, era solo l’amante vera, non interessata, di Mussolini. Fu uccisa con lui in circostanze ancora oggi oscure, che la dice lunga sulla sincerità dei comunisti e dei loro discendenti. Un assassinio senza motivo non bastava, per cui fu appesa a piazzale Loreto. Già che c’erano, ma era colpa dei tempi, i partigiani misero le mani su suo fratello e lo ammazzarono seduta stante: era suo fratello e di nuovo tanto bastava. Appeso anche lui.

Cremona 30 01 2012 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Next »