Archive for ottobre, 2011

ott 31 2011

informatutto 31 10 2011

Published by under Striscia La Provincia

INFORMATUTTO

Con un giornale d’indagine come la Provincia noi cremonesi andiamo sul sicuro: nulla sfugge.
Mezza pagina con titoloni completi per farci sapere che il recidivo Raffaele Volpi, deputato della Lega, “è stato colto in fallo un’altra volta, in aprile, mentre a bordo della stessa vettura superava senza averne diritto un altro dei varchi cittadini. Anche per quel precedente, multa da 86 euro. Gli è già stata spedita a casa ma da indiscrezioni non risulta l’abbia ancora pagata.”
Sempre da indiscrezioni parrebbe che circolino, legalmente, cioè con timbri e autorizzazioni, e parcheggino, auto di persone che contano e scorrazzano da via Gramsci a via Palestro, davanti alle scuole. Restiamo in attesa che le solite indiscrezioni permettano al giornale d’inchiesta di fare qualche nome, costi quel che costi.

Cremona 31 10 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

ott 31 2011

essere grandi 31 10 2011

Published by under costume

ESSERE GRANDI

Se uno nasce miliardario, scherzava Fortebraccio, ci manca poco che è un genio. Ahimè, è regola vasta, se Maradona dice qualcosa sulla crisi in Siria, nugoli di giornalisti scrivono e pubblicano, per la nostra delizia. Per cui non mi stupisco che il nipote di Luigi Einaudi, gran Presidente della Repubblica, ricordi, e La Stampa trascriva ammirata in prima pagina, questo pensiero del nonno: “prima di comperare un libro bisogna sapere se vale o no. Io, se posso, non compro mai un libro se non quarant’anni dopo la sua pubblicazione. Solo allora si saprà se vale qualcosa o no.”
Pensiero vagamente del tipo: non capisco perché la gente si affolli all’uscita appena finisce lo spettacolo. Più logico stare seduti aspettando che la sala si svuoti…(barzelletta anni 60, attribuita al solito colonnello in pensione).

Cremona 31 10 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ott 31 2011

parole 31 10 2011

Published by under cronaca nazionale,Giudici

PAROLE, NON SONO ALTRO CHE PAROLE

Tutta la nostra sicumera che poggia su lingue di 150 000 lemmi, nonostante sé promuoventi esperti ci assicurino: le parole non arrivano al 20% del valore della comunicazione… pensiero che mi viene tutte le volte che le parole avrebbero unico ma incredibile significato.
Il Procuratore nazionale antimafia Piero Grasso, sulla sconvolgente liberazione dei condannati (perché non colpevoli) per la strage di via D’Amelio, dopo 17 anni di carcere: se Gaspare Spatuzza (il pentito che ha consentito di riaprire le indagini sulla strage Borsellino) avesse parlato prima, sarebbe cambiata la storia del processo.
Che è andata in un altro senso solo per le parole opposte di un altro pentito?

Cremona 31 10 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ott 31 2011

entrate 31 10 2011

Published by under costume

ENTRATE

Possibile e probabile a volte di fatto coincidono, ma non sono, concettualmente, la stessa cosa. Ora, in un edificio: abitazione, scuola, ristorante, studio, quel che volete, si può entrare anche dal tetto, aiutandosi con la scala o scendendo col paracadute, ma in genere si sceglie la via breve, la porta, che di norma dà sulla strada, a volte su un cortile. Ma, salvo casi da pronto intervento, la faccenda non ha importanza. Per me e credo anche per voi, cari lettori. Ecco invece il diverso pensiero del più noto censore di ristoranti della provincia di Cremona, dipingendo l’ultimo: si varca l’ingresso che dà sulla strada e si entra in un luogo dove il tempo si è fermato.

Cremona 31 10 2011 www.flaminiocozzaglio.info

2 responses so far

ott 31 2011

colpa certa 31 10 2011

Published by under politica internazionale

COLPA CERTA

La recita continua, Jibril, già ministro di Gheddafi e poi suo nemico e poi premier del governo provvisorio, che resistenza, eh, ne tira fuori un’altra: gli abbiamo trovato degli ordigni nucleari, tanto ben nascosti da essere sfuggiti alle ispezioni dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica Aiea.
Che fortuna per noi occidentali che l’abbiano ammazzato !!

Cremona 31 10 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

ott 31 2011

lezioni di stile 31 10 2011

Published by under Striscia La Provincia

LEZIONI DI STILE

Zanolli Vittoriano, direttore della Provincia, ha appena inflitto una severa lezione di belle lettere al deputato della Lega Raffaele Volpi, che un fedelissimo, mi sembra di capire un professore, gli annuncia: la prossima settimana porterò questo scritto (la lettera di Volpi, n.d.r.) ai miei studenti come “case history”, come mirabile esempio di “salsa di parole” e sull’arte di scrivere tanto senza dire nulla, denunciando inoltre il livello di arroganza e senso di impunità raggiunti dalla politica.
Quando Zanolli è arrivato al “denunciando inoltre” ha tirato un sospiro di sollievo: temeva portasse i suoi articoli.

Cremona 31 10 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ott 31 2011

bordate 31 10 2011

Published by under Politica cremonese

BORDATE

Nella sezione politica, parte 2, di www.cremonaoggi.it, sotto il pezzo:
“Ci risiamo: l’Ospedale aspetta Salini per presentare i primari. Bordate di Pizzetti”
trovate due risposte incredibili del parlamentare Pd ai cittadini, me soprattutto, che gli fanno domande più che logiche, considerati i tempi, e i modi del suo partito, verso gli altri, è chiaro, sul come è diventato proprietario dell’ex sede del partito comunista cremonese di via Volturno.
Pizzetti rifiuta di rispondere, ma abbonda in insulti che una volta, quando non era ancora arrivata la moda dei “non vedenti”, si definivano da “scaricatore di porto”. Conditi da minacce di querela.
Una riflessione. Pizzetti ci ha abituato da anni ai suoi scritti dove gli antagonisti vengono sbrigativamente definiti “cretini”, ma, i motivi li saprà lui, mai si era spinto a questi livelli, da querela. Io, perché insisto per ottenere una sua spiegazione, sono un coniglio e un paranoico etc etc. Ripeto, nessuna sorpresa, sono i suoi modi.
Ciò che invece mi lascia stupefatto è il silenzio del suo partito, moralista in servizio permanente effettivo, quando si tratta delle azioni degli altri, in tema, le case di Scajola e Tremonti. Partito da me puntualmente avvisato, sia a Roma che a Milano, oltre che a Cremona, dove per altro non hanno bisogno che li informi io, la stampa cittadina se la leggono da soli.
Partito che ignora due obblighi evidenti, il primo invitarlo a toni civili o tacere.
Il secondo a spiegare la proprietà della casa. Tacesse anche il partito, c’è poco da discutere, approvano, e allora Pizzetti ha ragione quando sfotte, scrivete anche all’Onu.
Conclusione pratica, amici della destra: almeno a Cremona, al primo sentore di lezione morale da chicchessia dei loro notabili, in sede ufficiale in Comune e Provincia, o informale in note di partito, da parte dei vari Magnoli, segretario provinciale, o Ruggeri e Abbate, loquaci oppositrici, amici di destra, prima di rispondere nel merito, invitateli a parlare con un chiaro: e la casa di Pizzetti?

Cremona 31 10 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

ott 30 2011

la voce del padrone 30 10 2011

Published by under Striscia La Provincia

LA VOCE DEL PADRONE

Leggo la Provincia in carta di sabato, dopo che gli on line hanno già scritto della Commissione di vigilanza di venerdì e presumibilmente anche gli altri in carta ne scriveranno, niente, il motto è il solito: piuttosto mi spezzo ma non mi piego, il fulcro della riunione è di nuovo condensato in : ma sull’operazione trasparenza, fortemente voluta dal sindaco Oreste Perri e più volte sollecitata dall’opposizione, si è scatenata, ieri pomeriggio, un’autentica battaglia, con accuse e contro accusa, cifre che andavano e venivano, proposte che si soprapponevano l’una sull’altra, rievocazione di episodi di un passato remoto che molti neppure ricordano.
Il passato che molti non ricordano è la domanda di Ferdinando Quinzani: ma alla fine la famosa consulenza da 132 000 euro a Pasquali è stata ritirata? o data a qualcun altro? Risposta, a nessuno. Conferma evidente ch’era un anticipo di Natale, sottolinea Alessia Manfredini: non era necessaria, evidentemente, una cosa vergognosa.
Ci fosse davvero uno, un solo smemorato, riassumo: in marzo Pasquali, presidente della capofila Lgh, azienda pubblica, si fa assegnare la non meglio precisata consulenza da una società del gruppo. Scoperto, rinuncia, e, salvo voglia sostenere di aver svolto lo stesso il lavoro senza chiedere compensi, ciascun tragga le conseguenze che preferisce.
L’ineffabile Provincia, giornale d’informazione a 360 gradi, tutto ciò l’ignora, non solo, sabato sera toglie anche dal suo online www.cremonanline.it la notizia addomesticata della riunione!
In compenso, nella sempreverde convinzione che i cremonesi non leggano altro e si nutrano esclusivamente della sua “verità”, dedica tutta la pagina a fianco alla vicenda, vecchia di 15 giorni e già trita e ritrita, del leghista Volpi che arriva fin nel portico del Comune in auto, col lampeggiante acceso: “violate norme di sicurezza basilari, il mezzo poteva restare imbottigliato, in caso di attentato avrebbero pagato i passanti, una cosa da non ripetere” etc etc, foto, pareri bipartisan, persino di consiglieri d’opposizione che l’auto la parcheggiano dove vogliono, perché si son dati il permesso. Ripeto: una pagina intera!! per un piccolo atto di maleducazione, silenzio completo invece per un enorme esempio di mala amministrazione, ma si sa, come le leggi, anche i comportamenti vanno interpretati, per amici e nemici…
Non poteva mancare la comica finale del direttore Zanolli Vittoriano, che rimbecca la lettera di protesta, più che di spiegazioni, di Volpi, uscita come il coniglio dal cilindro per “compensare” l’indennità di Pasquali: “visti i due strafalcioni grammaticali contenuti nella sua lettera che io ho lasciato e che i lettori non faticheranno a trovare, rispedisco al mittente l’accusa di sciatteria.”
Detto da uno che illustra il ristorante dove il pesce, altro che fresco, ve lo servono in tavola vivo e a temperatura ambiente, e cita in Tribunale me che ci rido sopra.

Cremona 30 10 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

ott 30 2011

procure e tribunali di ferro 30 10 2011

Published by under cronaca nazionale,Giudici

PROCURE E TRIBUNALI DI FERRO

Titoli della Stampa di venerdì :
Non uccisero Borsellino, liberi dopo 17 anni di carcere Strage via D’Amelio, scarcerato anche l’uomo che li fece condannare ingiustamente E i Pm della trattativa Stato/mafia “assolvono” i politici: nessuno sarà indagato.
E il Corriere sabato:
“Complotto istituzionale” e depistaggi L’inchiesta sbagliata su via D’Amelio Un misterioso appunto degli 007 del Sisde anticipò la falsa pista

Argomento, come ognun vede, da libri, non le due righe di un blog. Qualche nota. Se il sospetto di una simile robaccia, 17 (diciassette) anni di galera per le chiacchiere di un pentito, fosse caduto su Berlusconi, altro che una paginetta in mezzo al giornale. Nessuno si aspetti, non dico sanzioni pesanti, un rimbrottino ai responsabili dei 17 anni scontati da non colpevoli.
Infine, non saranno gli stessi giudici, non lo so, non ho voglia di cercare, ma è il medesimo clima che ha portato ai processi ad Andreotti, alle condanne a Contrada, Dell’Utri, Cuffaro etc etc

Cremona 30 10 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

ott 30 2011

congresso 30 10 2011

Published by under Politica cremonese

CONGRESSO

Siamo a un mese dal congresso cremonese del Pdl, che spero tanto non si trasformi nel congresso dei comari, perché i segnali ci sono tutti.
Primo, essere nettamente divisi tra ex An/FI su ogni questione vuol dire volontà di vincere, non di discutere, non è possibile, per fare una battuta, che An al completo proponga la sopraelevazione del Torrazzo e che altrettanto al completo FI si opponga.
Secondo, vantare i numeri delle tessere è come allenarsi a tirare i rigori, tanto si vota a presenza, non per delega.
Terzo, è indispensabile evitare gli insulti e i parainsulti. Chiara Capelletti decide di non candidarsi alla segreteria e invita Mino Jotta a fare altrettanto, mossa scorretta perché ciascuno, specie nei momenti più delicati, non deve consigliare agli altri cosa fare, tanto più che Jotta tra gli ex Forza Italia è il numero uno, Chiara tra i suoi, no. E Mino aumenta la tensione ribattendo: non rispondo, mi occupo di cose serie.
Andando avanti così bisognerà istituire un servizio d’ordine nella sala del congresso…

Cremona 30 10 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Next »