Archive for agosto, 2011

ago 28 2011

penati e i fantasmi 28 08 2011

Published by under costume

PENATI E I FANTASMI

Credetemi, non godo per nulla delle brutte storie di denaro scorretto che oggi grandinano sul Pd, perché amo sempre la chiarezza, aspra che sia, nelle strutture importanti della società. In un’Italia come la nostra nessun partito , diretta espressione della volontà politica dei cittadini, può vivere coi tre soldi ufficiali. Non chiedetemi di spiegarlo, non sono capace, ma se da sessant’anni i partiti vengono regolarmente presi con le mani nel sacco, o dal controllo informale della gente, o dalle indagini delle Procure, ne prendo atto, non dico è giusto, è sbagliato, è così, come risolvere il problema ci pensi chi è in grado, io sono solo un commentatore.
Quando difendo il Berlusconi craxiano lo faccio con un solo argomento: finanziava i partiti per obbligo, avendo scelto di fare l’imprenditore, a conoscenza di tutti noi, Procure comprese. Il Pci prendeva i soldi direttamente dall’Urss, altro tipo di scorrettezza. Purtroppo, l’unico a dichiararlo ufficialmente, in Parlamento, fu Bettino Craxi, ma solo dopo che fu scoperto.
Non voglio fare nessuna accusa, oggi, al Pd a causa di Penati. Quando si accetta il finanziamento, ehm, oscuro, si deve accettare anche la possibilità che lo sfortunato, ricevuto l’incarico, delitto per delitto, pensi di tenere qualche spicciolo per sé. Ripeto, non sono un fariseo, su comunisti e derivati ne ho scritte un sacco, ma solo un ingenuo può pensare che abbiano sedi e funzionari pagati con le tessere.
Per me, qualsiasi cifra eventualmente abbia tenuto il Penati di turno, è solo l’agnello sacrificale, il colpevole è il sistema, che tutti pratichiamo e nessuno dichiara.
Serve tanto coraggio a sfidare l’impopolarità di una legge che assegni i fondi che realmente servano, che obblighi a bilanci veri e controllabili, e che solo raggiunto questo obiettivo restituisca ragionevoli legnate a chi contravviene?
Infine, cari amici di destra, lo so anch’io che le Procure cercano cento Berlusconi e un solo Penati, ma se vogliamo arrivare a un sistema equilibrato di finanziamento ai partiti non dobbiamo limitarci ad approfittare delle occasioni per sparare sulle disgrazie dell’altro.

Cremona 28 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ago 28 2011

il museo del violino 28 08 2011

Published by under cronaca cremonese

IL MUSEO DEL VIOLINO

Con Paolo Bodini siamo amici da ragazzi, perciò mi dà fastidio scrivere un che che possa passare per critica. Ma questa m’ha proprio divertito.
Presidente della Fondazione Antonio Stradivari, confessa a Cronaca: il Museo del violino si identifichi con la Fondazione. No a muoversi in ordine sparso, serve sinergia tra gli enti. Non vorrei che passi il messaggio che il Museo è diverso dalla Fondazione. Si deve realizzare l’idea di un’unica macchina organizzativa che si interessa di liuteria.
Mi ricorda, Paolo, una delle tante storielle su Berlusconi. Muore tra cinquant’anni, tra la disperazione di Fini, Montezemolo e Casini, oltre che della sinistra. Assunto direttamente in Paradiso, fa a Domeneddio: così com’è non va bene, ti preparo un piano di ristrutturazione. D’accordo. Visti i soggetti, tutto procede in fretta. Domeneddio: mi piace, ma non capisco perché devo fare il vicepresidente.

Cremona 28 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ago 28 2011

scuola di passione 28 08 2011

Published by under barzellette

SCUOLA DI PASSIONE

Non sottovalutatelo: ci ha senz’altro pensato subito. Quando in vista del rinnovo del 2013 il partito lo manderà a spasso, o peggio ancora, tolto il porcellum, lo butterà nell’arena per farlo superare anche da Mauro Funerale Fanti, sarà obbligato a risolvere un importante problema esistenziale, come restare al centro dell’attenzione e mantenere quella specie di jus primae noctis consistente nel poter dare del cretino o simile a chi si permettesse di contraddirlo.
Due piccioni con una fava: è un furbetto di paese, e s’è accorto che la faccenda dei 5 500 euro al mese ha incuriosito molta gente, che ha fatto il calcolo che ho mostrato anch’io. A differenza di Paolo e Francesca, sgozzati causa la passione, Eloisa e Abelardo, non della vita ma pesantemente modificati e via via fino al nostro portiere Paoloni che , come spiega il suo abile avvocato, Luca Curatti, ha bruciato la carriera per la passione, stavolta del gioco, il nostro la passione l’ha messa a frutto: 5 500 netti al mese per 15 anni fanno un milione, più gli interessi, una cifra di rispetto. Ed è riuscito a occupare la vecchia sede del Pci di via Volturno, per cui ancor oggi, e per il tempo a venire, è autorizzato a ribattezzarsi: la coscienza storica del partito, insomma, ogni volta ch’esce di casa sarebbe come Mosè che scende dalla montagna.
Ha suscitato, se non l’invidia, l’interesse di tanta gente che ha lavorato a testa bassa almeno tre volte lui, senza fremiti di passione, solo per la materiale necessità di mantenersi, e vede la pensione allontanarsi decreto su decreto e il mutuo sulla casa sempre più difficile.
Cosa di più opportuno quindi che aprire una scuola, sul tipo del Cepu tanto per intenderci, a numero chiuso e forte tassa di frequenza, dove spiegare, teoria e pratica, i principi basilari con cui, senza essere particolarmente dotati, usando la passione, solo la passione, nient’altro che la passione, si scalano le vette della società e giunti in cima ci si accorge di aver ammucchiato un bel sacchetto di dobloni per la vecchiaia?
Così insegnando Lui intanto continua ad aumentare il suo e, lo scrivevo sopra, come certi buoni professorini di sinistra può sfogarsi sull’allievo col classico: lei non ha capito niente, cretino!

Cremona 28 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ago 27 2011

nani e ballerine 27 08 2011

Published by under Politica cremonese

NANI E BALLERINE

Secondo l’on line della Provincia, Roberto Nolli, assessore al Bilancio, si sarebbe incamminato sulla strada di Ca’ d’Andrea, chiamando i nove dissidenti del Pdl: nani e ballerine. Ottima risposta al servizio del sindaco Pivetti (Piva/Pizzetti, Perri ci mette la cravatta), ripreso sia da www.cremonaOnLine.it che da www.cremonaoggi.it : i nove del Pdl dovevano discuterne all’interno di tutto il gruppo, comprese le segreterie cittadina e provinciale.
Roberto dimentica di quando era lui a essere preso pubblicamente a calci in culo da Pivetti, Pivetti non ricorda che in ogni momento, pure nelle due interviste di ieri, esalta il suo agire slegato dalle formule dei partiti.
Il terzo moschettiere, Franco Albertoni, gode in quasi discrezione il trionfo: per la sua poltrona è riuscito prima a rompere il partito che l’ha messo in carriera, poi quello che l’ha raccattato. Spero conveniate con me, cari lettori, che molti altri al suo posto avrebbero tolto il disturbo, visto il casino provocato, accettando le numerose offerte di incarichi di prestigio in mezza Italia.
Tutto questo perché finalmente, in ritardo, troppo ritardo, nove consiglieri della maggioranza hanno spiegato al sindaco e ai colleghi che il sistema costituzionale italiano è fatto di pesi e contrappesi, che nessuno ha un potere autonomo, assoluto, derivante da qualche divinità, che tutti devono capire e accettare di averne una porzione, da discutere sempre, appunto, con pesi e contrappesi, senza darsi da vittima. Mi dilungo per Pivetti, perché sarà l’unico a non capire, Nolli e gli altri capiscono benissimo, molto meglio di me , ma non vogliono: da nessuna parte è scritto che un sindaco ordini e che i consiglieri debbano rispondere: gi badrone, altrimenti, dovrebbe esserti chiaro, caro Pivetti, la legge non avrebbe imposto la loro esistenza. Tu devi discutere e trattare , con sincerità, anche le lettere alla Pasquali, ogni decisione, specie le importantissime tipo le nomine e gli incarichi. Lo prevede la legge: in caso contrario tutti a casa, non solo sindaco o consiglieri. Il sindaco, caro Oreste, fattelo spiegare da qualsiasi giurista, a tua scelta, ha solo un potere, vistoso, di iniziativa, ma le scelte, per essere valide, devono essere “controfirmate” dai consiglieri. In senso teorico e pratico, se si vuole governare.
E per quanto riguarda il sindaco della gente, caro Oreste, aspettiamo il terzo sondaggio del Sole24Ore, dicembre è vicino, dove la certezza è una sola, oltre l’ultimo posto non puoi scendere. Sondaggio che, fattelo di nuovo spiegare da chi vuoi, è molto più probante delle strette di mano che raccogli quando esci per il caffè.
Per chiudere, caro Oreste, se dovessi elencare tutte le balle che racconti, mi servirebbero etti di carta: ricordati che una volta uno ci crede, la seconda fa finta, la terza ti manda al diavolo. Oggi mi limito a segnarti le più vistose tra le due interviste, per carità, sarai stato nervoso perché non ti aspettavi che le ex pecore destituissero Domenico Maschi, l’unica vera vittima di questa brutta storia.
“Non si possono destituire politicamente e senza pretesti persone oneste e valide. Credo che tutti dovrebbero essere coinvolti, dall’assessore regionale ai segretari provinciale e comunale.”
Tu che ti vanti di ascoltare solo la gente (quale gente? Piva/Pizzetti?) dici una roba del genere? L’assessore regionale che c’entra?
“Io non posso continuare a subire pressioni sulle nomine sulle municipalizzate e nelle aziende controllate”
A chi ti stai rivolgendo? dobbiamo proprio risponderti?
“Nella sua maggioranza la criticano perché lei ha confermato uomini di sinistra.
Nel programma non c’è scritto che bisogna mandar via i comunisti.”
Specie se caldamente raccomandati da Piva/Pizzetti.
“Tutte le nomine che ho compiuto sono di centrodestra, tranne quella di Albertoni che è una risorsa per il territorio, ha messo la sua capacità e la sua esperienza al servizio del bene comune e non ha seguito il consiglio di Titta Magnoli che lo invitava a lasciarci nei guai (professionisti e imprenditori della destra cremonese, non dimenticatelo MAI) etc etc”
Sì caro, certo caro, hai ragione caro.
“Comunque, i meriti sono di tutti, le colpe solo mie.”
Se vuoi proprio fare la vittima, impara come si fa.
“L’accusano di scarsa collegialità nei confronti del Consiglio: è vero il contrario.”
Sì caro, etc etc
“Ho indicato Galli che è stato votato da un’assemblea. Di Albertoni ho già parlato e la nomina di Bodini è sicuramente d’alto profilo. Il criterio che guida le mie scelte è quello della competenza.”
Il mondo, ingiustamente, non ti ha attribuito medaglie.

La più bella, da sola sufficiente a spiegare alle future generazioni cremonesi chi è stato Perri Oreste:
“Nel caso della vertenza Tamoil, della quale mi sono occupato personalmente con l’assessore Bordi, l’aiuto del deputato Luciano Pizzetti è stato fondamentale. Avrei dovuto rifiutarlo perché è un nemico politico? non scherziamo, lo ringrazio personalmente e pubblicamente.”
Il compagno Luciano Pizzetti è da vent’anni il dominus della sinistra cremonese, quella che, al potere da sempre, non ha mai pensato a controllare se una raffineria di petrolio in città potesse inquinare. Quella che, ricevuta l’autodenuncia della raffineria nel 2001, l’ha tenuta nascosta ai cittadini per anni, fin quando un giornale, Cronaca, ha cominciato a scriverci, e solo allora ha dovuto fare qualche passo, con molta discrezione, visti i precedenti.
Bene, Oreste Perri, il sindaco di tutti (non ho mai capito bene chi è il signor Tutti), elogia pubblicamente, speriamo per l’ultima volta, chi ha permesso l’avvelenamento di tanti cremonesi, per la più classica ragion di Paesone.
I trapassati che fanno di Cremona la città lombarda con maggior numero di morti per cancro, mia moglie tra gli altri, supplicano i loro cari di porgere i più sentiti ringraziamenti al sindaco di tutti.

Cremona 27 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

P.S. a furia di scrivere ho perso il conto: chi sono i nani e le ballerine?

4 responses so far

ago 27 2011

sfida all’ok corral 27 08 2011

Published by under cronaca cremonese

SFIDA ALL’OK CORRAL

Luciano Pizzetti : l’eco del suo stipendio stiracchiato e delle sue lagne è arrivato anche nell’osteria del passo. Dice un sindaco-icona di un comune non lontano dal capoluogo: «Pizzetti ha sbagliato, non doveva scrivere quello che ha scritto. Di questi tempi, poi! Un autogol».
Enrico Pirondini
COMMENTI
1. By luciano pizzetti, 26 agosto 2011
Che carina questa combriccola ritrovatasi a passo Coe, a 1600 mt per “tagliare giacche” inventandosi scenari fantasiosi. La realtà delle cose è diversa ma raccontargliela non serve, sarebbe come interrompere la piacevole chiacchierata nel rifugio. Ricordo che al bar ristorante di passo Coe si gustava un’ottima coppa di mirtilli con panna. La consiglio alla combriccola cosi da alleviarne l’acidità e gustare meglio la vacanza.
Scambio di battute tra Enrico Pirondini, rimpianto direttore del giornale la Provincia, e l’ex onnipotente Pizzetti Luciano, sul nuovo on line di Mario Silla www.cremonaoggi.it , dove Don Enrico , in piena libertà e brillantezza, scrive quel che gli pare.
Pizzetti, non critichiamolo, lo conosciamo bene tutti, non rinuncia mai ad avere l’ultima parola, nemmeno a prezzo di sfidare don Enrico sul suo terreno, la scrittura, rimediando le ovvie figuracce. Però ho notato un gran miglioramento, fino a pochi giorni fa era lunghissimo, faticoso, insultante etc etc, controllate la risposta a Don Enrico sempre su www.cremonaoggi.it del 13 08, oggi se l’è cavata in due righe. Senza neanche un “cretino”, “bullo di periferia” etc etc, tanto per fermarci alle ultime.
Può darsi che pure lui sia caduto da cavallo sulla via di Tarso, picchiando veramente forte la testa, ma è possibile che da Roma, dove ho spedito la copia delle sue pregiate missive agli elettori, compresa quella dei pochi e famosi 5 500 euro di risparmio al mese, sia partito l’ordine, come dire senza offendere il suo status sociale? di spolverargli i calzoni con un buon battipanni, mentre ancora li indossa.
E allora, cari cremonesi pronti a mormorare contro i poteri forti, impariamo che i poteri sono forti quanto il numero delle pecore.
Cremona 27 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ago 26 2011

l’abito può fare il monaco 26 08 2011

Published by under cronaca cremonese

L’ABITO PUO’ FARE IL MONACO

Visto Torchio al raduno dei Sikh, bandana (si dice così?) di rigore, era quasi bello. Cosa non farebbe per raccattare qualche voto, anche se ormai non gli servono più a nulla.
Ed era tanto naturale….che non ci stupiremmo se al ritorno nell’austero Palazzo dell’Amministrazione provinciale gli chiedessero il permesso di soggiorno!

Cremona 26 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

ago 26 2011

il galantuomo filippo penati 26 08 2011

Published by under costume

IL GALANTUOMO FILIPPO PENATI

Niente paura, colleghi, il caldo non mi ha dato alla testa. Voglio spender due righe proprio come faccio per B e tutti gli imputati: la prescrizione non vuol dire un possibile colpevole che sfugge, ma più semplicemente giudici che avendo anni per accertare la verità, non gliela fanno.
Se a un concorso ci sono sei ore per completare lo scritto, e invece stendiamo un principio di abbozzo, ce la prendiamo con chi?
Se bastano meno di due ore per giungere a Londra in aereo, ci va bene che il pilota ne voglia dodici?
E proprio non sopporto la mania di trattare a fisarmonica la Costituzione, sacra se la vuol sforbiciare B, ignorata se dice che il colpevole è tale solo alla sentenza definitiva.

A carico di Filippo Penati, ex presidente della Provincia di Milano ed ex capo della segreteria politica di Pier Luigi Bersani, ci sono «gravi indizi di colpevolezza» ed è dimostrata «l’esistenza di numerosi e gravissimi fatti di corruzione» da lui «posti in essere», ma poichè gli episodi contestati arrivano «fino al 2004» deve essere dichiarata «l’intervenuta prescrizione del reato».

È questa, in sintesi, la motivazione con cui il gip di Monza, Anna Magelli, ha bocciato la richiesta di arresto in carcere per l’esponente del Pd, che era stata formulata dai pm di Monza Franca Macchia e Walter Mapelli, nell’ambito dell’ inchiesta su un giro di mazzette relative alle aree ex Falck e Marelli di Sesto San Giovanni. Respinta dal gip, per le stesse ragioni, anche la richiesta di misura cautelare in carcere per Giordano Vimercati, l’ex braccio destro di Penati.

Pezzo preso dalla Stampa. Come si permette il giudice di scrivere: “ed è dimostrata l’esistenza di numerosi e gravissimi fatti di corruzione”, se manca perfino una sentenza di primo grado??

Cremona 26 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

2 responses so far

ago 26 2011

serrare i ranghi 26 08 2011

Published by under costume

SERRARE I RANGHI

Sento troppi colleghi di destra delusi: situazione politica/economica difficile, la gente si allontana. Quando il gioco si fa duro, i duri escono, dice il proverbio. Imparare dai sinistri, ripetono balle da cent’anni e trovano creduloni che abboccano.
Poche idee chiare a tutti.
La crisi mette in difficoltà da anni i Paesi più forti dell’Occidente: l’Italia non fa eccezione, ma non è colpa di B. E nemmeno di Bossi.
Fino all’anno scorso neodemocratici e Di Pietro volevano nuove elezioni, nella speranza di vincerle. Oggi di governare non ne vogliono sapere, perché nemmeno loro fanno miracoli, si accontenterebbero di espellere B e di mettere un altro, sempre di destra, al suo posto.
Quindi serrare le file e resistere, resistere, resistere: gran parte della crisi è sfiducia, non povertà.

Cremona 26 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ago 26 2011

albertoni uber alles 26 08 2011

Published by under Politica cremonese

ALBERTONI UBER ALLES

E’ vero che l’ha detto lui, ma Bazoli è stato bravissimo a sceglierlo nel titolo: resto nel Pd, ma il partito non è il fine.
Destra e sinistra, i più svegli (scusa Oreste) se ne sono accorti da un pezzo, il partito, i partiti, nella sua filosofia non sono mai un fine, sono un mezzo, un taxi, la formula di Enrico Mattei, il creatore dell’Eni.
E è ancor più significativo questo pezzo: “rinnoverò sicuramente la mia adesione al Pd, convinto che possa essere uno strumento di confronto importante, soprattutto a livello nazionale, per favorire una nuova stagione della democrazia che, molto probabilmente tra qualche anno, potrebbe non registrare più tra i suoi protagonisti le organizzazioni politiche come sono costituite oggi.” Cioè, io mi iscrivo ancora e ci guadagnate voi, ma ricordatevi, Magnoli e compagnia, che mettere fuorigioco Pizzetti vi è relativamente facile, soprattutto per i suoi autogol, ma io il listone Perri o facsimile, che oggi vi fa ridere, son capace di inventarlo davvero.
Conosco Franco Albertoni da molti anni, è intelligente, simpatico e furbo, non lo sentirete mai dar del cretino o del bullo di periferia a nessuno, giorni fa lo incontro per strada e con un gran sorriso da amicone: Flaminio, perché mi scrivi contro? spero non sia per fatto personale.
E ancora a Gilberto Bazoli racconta la sua storia di sindaco di Motta (1985/2004), con qualche evidente sottinteso: “ma, per coerenza, al secondo mandato pensai che non fosse più opportuno presentare liste strettamente di partito, bensì favorire la presentazione di liste civiche. Infatti, la lista di quel caso fu denominata “Sinistra aperta”, che poi divenne “Costruire insieme”: sinistra e centro, laici e cattolici si incontrarono per lavorare nell’interesse della piccola comunità locale.”
Pari al suo amico e coetaneo Pizzetti, finite le superiori è passato direttamente al partito, l’allora PCI, ma non si è limitato come lui a cercare un potere solo politico e di immagine. Ha imparato una professione e la difficile arte di gestire i rapporti, anche quelli che sembrano più distanti, anche quelli che sembrano più spinosi.
Oggi è un osso durissimo per chiunque: Magnoli e Burgazzi, altro che passare comunicati alla “volemose ttutti bbene”, è l’ora dei provvedimenti, chiari, duri, pubblici. Per il bene dei partiti, per il bene della politica: Perri si è fatto pescare, vedete di non imitarlo, almeno voi.

Cremona 26 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ago 26 2011

gli amici del kavarna 26 08 2011

Published by under cronaca cremonese

GLI AMICI DEL KAVARNA

Non è vero che ce l’abbiano con la Lega: mercoledì, giorno di mercato, hanno distribuito per tutto il centro volantini che pubblicizzavano la Festa provinciale al Cascinetto.
Grazie, compagni !!

Cremona 26 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

« Prev - Next »