Archive for agosto, 2011

ago 31 2011

ceriana 31 08 2011

Published by under turismo

CERIANA

In collina, sopra Sanremo, h 370 m., il paese più bello del mondo, per me, e tra qualche giorno cercherò di dimostrarlo. E’ il paese del ramo paterno di mia madre, dove vado appena riesco, come in questi due giorni in cui non mi sono nemmeno preso il portatile e non ho scritto. Ma son tornato più pungente che mai….

Cremona 31 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

2 responses so far

ago 29 2011

il sindaco etc 30 08 2011

Published by under Politica cremonese

IL SINDACO PIU’ SIMPATICO E SBAGLIATO

Ma anche i suoi guerrieri non scherzano: non contestatemi che un conto è cosa fanno/dicono, un altro cosa i giornali scrivono, e poi il caso strapazza tutti, figuriamoci noi lilliput, ma in un periodaccio come questo dove i sospetti volano come zanzare, dove vengono accusati di tutti gli inciuci del mondo etc etc, va bene che al Forte c’era anche la famiglia di Max Salini al completo, ma farsi nominare dalla stampa cittadina uno per uno, con a fianco Andrea Pasquali e Carlo Beltrami, via, ma siete proprio così disattenti ai principi della comunicazione e dell’immagine?
E Roberto Nolli, in disgrazia a Palazzo ogni volta che deve ritoccare un’aliquota, perché il simpatico/sbagliato, da colomba immacolata (vola colomba bianca vola), deve stringere cento mani se esce per il caffè, ha proprio l’obbligo di battezzare continuamente gli avversari del giorno: nani e ballerine?
Dopo ogni guerra segue una pace, ma più la guerra è stata cruenta, più la pace diviene difficile. Io non credo d’essere un messia se ricordo sempre che la destra va da Cl a Fini e dobbiamo imparare a convivere. Sono affezionato ai colleghi della Lega, tuttavia non ne condivido federalismo e organizzazione verticistica e non per questo glielo rinfaccio tutti i giorni.
Il simpatico/sbagliato non ce la fa a riscrivere il suo “cogito, ergo sum” in un più accessibile, per lui: chi sono io, chi sono loro?

Cremona 30 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

ago 29 2011

la c’è la provvidenza 30 08 2011

LA C’E’ LA PROVVIDENZA

Sembra che i ribelli, in prossimità della vittoria su Gheddafi, stiano progettando la forma del nuovo Stato: Islam, Islam, Islam.
Sembra che i ribelli, in prossimità dell’approvazione della finanziaria, per togliere il contributo su ricchi e quasi ricchi, abbiano diminuito le pensioni.
La c’è la Provvidenza, scriveva Manzoni.

Cremona 30 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

ago 29 2011

il gigante buono 30 08 2011

Published by under barzellette

IL GIGANTE BUONO

E soprattutto, sincero: non aveva promesso che avrebbe accettato le dimissioni di Andrea Pasquali appena dopo l’approvazione del bilancio?
O pure lui, come Albertoni, è un salvatore della patria?

Cremona 30 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ago 29 2011

tutti a lezione 30 08 2011

Published by under cronaca cremonese

TUTTI A LEZIONE

Roberto Nolli, paziente, spiega: Oreste Perri rappresenta il nuovo, dobbiamo sostenerlo.
Dev’essere per questo che gli hanno appiccicato Galli, Bodini, Albertoni.
E Cauzzi, immagino per le scene….

Cremona 30 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ago 29 2011

l’arroganza 30 08 2011

Published by under cronaca cremonese

L’ARROGANZA DEL PIU’ FORTE

Quando racconta le sue balle ( non faccio il moralista, è questione di percentuali, tutti ne raccontiamo), del tipo che nelle aziende comunali ha confermato pochissimi padroni di sinistra, Oreste Perri non si distingue in nulla dai suoi simili.
Le racconta grosse, enormi, incredibili, per ricordarne una la famosa lettera di Pasquali segretata venti giorni perché personale, ma ha la pretesa che Cremona ci creda, non perché le balle siano verosimili, ma perché Lui ha il potere !!!

Cremona 30 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

2 responses so far

ago 29 2011

nudi alla meta 30 09 2011

Published by under cronaca cremonese

NUDI ALLA META

A Spino d’Adda c’è chi fa motocross, sfreccia tra le sterrate, anche in presenza dei vigili. E c’è anche chi si diverte a prendere la tintarella senza veli. Così ci informa la Provincia.
La priorità?
Il Comune di Spino sta preparando il giro di vite, con pattugliamenti ad hoc, attenti a debellare in particolare il fenomeno del nudismo.

Cremona 30 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ago 29 2011

orestiadi 29 08 2011

Published by under Politica cremonese

ORESTIADI

“Oreste Perri è sindaco di Cremona a dispetto dei vertici del Pdl, il partito che dovrebbe sostenerlo e che di fatto lo contrasta. I grandi (si fa per dire) manovratori azzurri volevano un uomo più malleabile, possibilmente un signorsì (al Piva di turno, n.d.r.). Ne hanno subito la candidatura, l’elezione e tutte le decisioni da lui prese in autonomia se non in contrasto con i diktat della segreteria provinciale che ha disseminato il suo percorso amministrativo d’ogni genere di ostacoli.”
E’ l’incipit del compitino domenicale di Zanolli Vittoriano, direttore del giornale La Provincia, che io sono obbligato a leggere per professione, come gli altri 16/17 colleghi: chi può, è noto, tutto legge, anche gli annunci economici, non lui. Da cui scopriamo che Perri non è stato voluto dal Pdl, la Lega non se ne parla, evidentemente le tre liste civiche che assieme non hanno toccato il 10% sono riuscite a imporlo, un miracolo, non c’è dubbio.
Il giorno prima Zanolli, in tutta libertà, raccogliendo il pensiero di Perri, era riuscito a emulare le famose “interviste in ginocchio” di Gianni Minà a Fidel Castro: centrale la domanda, non le pare che la si voglia isolare politicamente, facendole pagare il fatto che lei non è iscritto a nessun partito? cui Perri, gli hanno appena insegnato che il dubbio è la vera arma dell’intelletto, risponde: non lo so.
Carminati aveva caricato i cannoni: se lo toccano, crolla tutto.
Il toccato, l’ingenuo Domenico Maschi, san Domenico Pazienza, per me, a toccata a segno, fa: sono tranquillo ma avevo accusato il colpo, sono stato cacciato con una paginetta, il partito non sono loro, quelli che mi hanno sfiduciato.
Già, mi rileggo e scopro che se il lettore non ha seguito le convulse cronache di questi giorni può non capire cos’ho scritto. Sintesi. Ancora una volta Perri proclama: il sindaco sono io, io decido quali sono le mie competenze e quelle dei consiglieri. Di conseguenza confermo l’ex comunista Albertoni, ora, deve ancora iscriversi ma l’ha promesso, in quota Pd, alla presidenza di Aem, la più importante azienda comunale, che da sola vale tutte le altre. L’ho già fatto in quelle un po’ meno importanti, nominare sinistri, come Autostrade, Fondazione, Ponchielli, perché è mio diritto, è mio diritto confermare tutta la dirigenza comunale messa dalla sinistra, anzi, le affido incarichi sempre più sostanziosi, come l’ultimo a Segalini, tagliare le spese di rappresentanza. E’ da subito, dal 2009, che la destra vera protesta, prima a parole, vista l’inutilità, oggi con la sostituzione del capogruppo in Consiglio Domenico Maschi, troppo allineato col sindaco e con l’altra destra, quella che se ha soddisfazione, va bene, se perde, i vincitori sono nani e ballerine. Con la sublime approvazione di Zanolli Vittoriano, quello del Tribunale quando le critiche (non gli insulti) sono rivolte a lui.
Di nuovo il lettore che non segue le cronache cittadine potrebbe chiedersi: rischiare nuove elezioni dopo soli due anni per le nomine nelle aziende?
Esaminiamo l’ultimo caso, spiega tutti i precedenti. Il ragionier Franco Albertoni, fin che non lo cacciano, del Pd, era stato messo in Aem dai suoi; Perri lo conferma perché è bravo e , anche se adesso non lo ripete più, gli hanno detto che fa brutta figura, perché in tutta la destra cremonese non c’è un professionista di pari livello. Controlliamo. Il ragionier Albertoni, oggi cinquantenne, finita la scuola è passato direttamente nel Pci che gli ha assegnato diversi incarichi, sindaco di Motta Baluffi, presidente di Cerealcoop fin che è stata in piedi, e via dicendo. Nulla di diverso dai tanti funzionari di partito con cui l’allora Pci e l’odierno Pd hanno occupato vasti strati della società, che mai sono usciti dalla culla cercando di valorizzare le loro doti, tanto esaltate dai Perri d’occasione, nelle imprese private, vero banco di prova per chiunque voglia dimostrare quanto vale. L’altra tesi del sindaco, in toni più sommessi perché evidentemente anche lui si accorge cosa dice, bisogna confermarlo per l’esperienza già fatta in Aem: a questa stregua non si cambia alcun presidente fino alla morte e ci si prepara a piangere quando si dovrà piazzare il successore, per definizione inesperto.
Spero d’esser stato tanto chiaro da convincere il lettore che apparentemente i contrasti sono sulle persone, Albertoni come prima Galli, Bodini, Cauzzi etc, ma che il motivo vero, facilmente intuibile, non è in esse, è nel perché sono state confermate in quelle posizioni. Nessuna politico serio può tentare di far credere d’essere disposto a tornare al voto perché Bianchi vale più di Rossi o viceversa: se Albertoni è fratello di Pizzetti che è fratello di Piva che è fratello di Perri, si comincia a capire tutto.
L’Albertoni di scena oggi potrebbe avere le qualità professionali del mitico finanziere Cuccia o capire di bilanci quanto me, cioè nulla, non cambierebbero i termini della questione, che è: deve essere confermato perché uomo di fiducia di certe persone per certi progetti. E nient’altro.
Volete una delle tante prove, cari lettori? recuperate i giornali dei mesi scorsi e leggete, felpato, felpatissimo perché in questo campo è davvero in gamba, come Albertoni consigli al Comune, proprio quando la finanziaria suggerisce di vendere gli immobili, di comprare per tre o quattro milioni l’inutile parcheggio Massarotti.
Lo consiglia per il bene pubblico? I fatti sono quelli, le opinioni sono libere, ma se lo credete guardatevi dal perdere tempo a leggere uno come me.

Cremona 29 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

ago 28 2011

silver caira 28 08 2011

Published by under Politica cremonese

RICEVO DA SILVER CAIRA E VOLENTIERI PUBBLICO

E alla fine il sindaco Perri finisce col rompere anche col suo partito,
che non è ovviamente la gente, come continua a ripetere, ma il Pdl,
fatto di elettori, che gli ha portato la maggior parte dei voti per
sedersi su una poltrona, la disprezzi fin che vuole a parole, ma se è
cosi scomoda perché non vi rinuncia ?
Chi semina vento, ammonisce il
proverbio, raccoglie tempesta: chi, come Perri, continua a ripetere,
fin dal 2009, di dover rispondere solo alla gente, che ovviamente non
ha mai lo strumento per imporgli nulla, finisce per stancare perfino
chi gli è vicino sul piano politico.
I partiti non sono il demonio,
sono l’espressione della volontà della gente ( fatta di elettori), che,
come tutte le trasformazioni possono modificarsi nei vari passaggi, ma
la sua origine evidente è lì, sotto gli occhi di tutti. Della gente,
continuo a ripetere: gente, che lui dichiara di voler servire.
Noi
della Lega non ridiamo né davanti né alle spalle, siamo uomini di
popolo abituati a parlar chiaro e duro. E speriamo che la frattura si
ricomponga, anche se non siamo così superficiali da ignorare che nasce
dal profondo.
Ma, non lo diciamo per ripicca, Perri si ricordi come
vuol usare le lotte interne che hanno portato fuori dal nostro partito
metà dei consiglieri comunali di Cremona: è come se la Lega fosse
sparita, secondo il suo modo di pensare, pochi consiglieri, meno
assessori, come se la Lega non fosse lo stesso un partito in grado di
raccogliere di nuovo in città migliaia di voti, probabilmente anche più
di prima.
Chi usa gli altri, sindaco Perri, non si amareggi se viene
usato, da cui una piccola riflessione, se una azienda non funziona in
genere è colpa del dirigente, se una classe va male (non saranno tutti
asini) in genere la colpa è del professore, e se una squadra va male la
colpa non è dell’allenatore ?

Motta Baluffi 28 08 2011 Silvestro Caira

One response so far

ago 28 2011

caldo d’agosto 28 08 2011

Published by under cronaca cremonese

CALDO D’ AGOSTO

Il portavoce della Rsu (Rappresentanza sindacale unitaria) comunale Giorgio Salami, “Anche quest’anno — ha scritto su Intranet, la rete interna — affrontiamo l’ondata di caldo senza che siano state prese, per tempo, misure adeguate per fronteggiarla. In molti locali, continua Salami, la situazione ambientale è insostenibile, come ormai consuetudine in questi casi. Il sindacalista informa i suoi colleghi di lavoro d’aver recepito le loro preoccupazioni avvisando i nostri rappresentanti per la sicurezza. Vedremo insieme quali iniziative prendere.”
Come sono fragili queste giovani generazioni. Io ho lavorato tanti anni senza refrigeratori d’alcun tipo eppure sono riuscito a giungere alla pensione in buona salute.

Cremona 28 08 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

Next »