mag 29 2011

i circolazionisti 30 05 2011

Published by at 11:44 pm under Striscia la Cronaca

I CIRCOLAZIONISTI

Con i colleghi di Cronaca ho un rapporto chiarissimo : ci diciamo in faccia quel che pensiamo . Più di una volta li ho “sgridati” , attenti alla pagina delle lettere , spesso è il biglietto da visita del giornale . In mancanza di meglio , come fanno altri , inventatele . Figurarsi . Per sommi capi sentite questa , dal titolo : spegniamo il computer e accendiamo un libro . Non è , naturalmente , il rifiuto totale , ma ……
“studi sempre più frequenti e aggiornati di sociologi ci dimostrano come il computer sia diventato una specie di totem , un feticcio in cui si riflettono mentalità ed esigenze del nostro tempo ….nessuno nega la validità di uno strumento di lavoro ……eppure , analizzando attentamente il problema , questo strumento che apparentemente aiuta e mette in relazione , in realtà isola e allontana dal mondo reale .”
Sapete già l’unico modo in cui può finire :
“spegniamo il computer , dunque , senza demonizzarlo e , ribadisco , facciamone un uso più equilibrato e controllato … e accendiamo il libro , fedele compagno di viaggio , per ritrovare noi stessi e ricominciare un nuovo umanesimo .”
Dal Malato immaginario . Il dottor Purgon , tradotto da Garboli per Einaudi in “il dottor Cagherai “ , presenta il figlio , luminare anch’esso della medicina accademica :
ma ciò che sopra ogni altra cosa mi piace di lui , e in questo gli sono stato d’esempio , è che va dietro coi paraocchi alle idee degli antichi , e non ha mai cercato né di capire né di ascoltare le ragioni o le cosiddette scoperte del nostro secolo , come la circolazione del sangue , e altre spiritose invenzioni della stessa cucina .

Cremona 30 05 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.