Archive for ottobre, 2010

ott 31 2010

vino al vino 01 11 2010

Published by under golosità

VINO AL VINO

E’ il titolo che Mario Soldati dette al libro che raccontava i suoi viaggi alla scoperta del vino buono : nel 1968 , 1970 , 1975 . Oggi lo apro per caso e son passati 40 anni , normale che la maggior parte di quei vignaiuoli sia morta ma che sgomento scoprire che son morte anche le loro vigne e dio sa cosa c’è al loro posto . Il vino più caro e famoso del mondo , il Romanée-Conti , se siete sconosciuti il proprietario non vi fa nemmeno entrare in cantina , altrimenti ve ne vende qualche bottiglia , 3/4000 euro l’una , nasce da una vigna identificata da sette secoli , nei quali ha cambiato proprietà solo nove volte ! Da noi il vino è ancora un alimento e basta , che negli ultimi vent’anni è aumentato di valore perché si è fatta strada l’abilità nel venderlo , ma una vigna vale l’altra , purché sia in una zona famosa . Se riesce a spuntare il nome di Brunello , Barolo , si piantano ovunque le viti , anche in cortile , se un vino senza quel nome e magari migliore nasce in una zona meno famosa , quando se ne va l’antico vignaiuolo , come uno schiavo dell’antico Egitto alla morte del faraone , se ne va anche la vigna . Se non amate il vino , immaginate Armani o Valentino che smettono e sparisce anche la loro azienda . Ho conosciuto pochi anni fa Giuseppe Ratto , una specie di Michelangelo del vino , capace di tirar fuori dalle colline di Roccagrimalda da uve dolcetto , vitigno considerato meno nobile , un vino che sarebbe messo nella categoria dei grandi , se non portasse quel nome dolcetto , e per giunta costa poco in confronto alle follie di altre zone . Vecchio , stanco , malato , da due anni non vendemmia e non trova nessuno , neanche gratis , che continui a far vivere quelle splendide vigne , Le Olive e Gli Scarsi . Ratto è uno dei pochi superstiti del libro di Soldati e la settimana scorsa abbiamo fatto un giro nell’astigiano a trovare colleghi amici . Per fortuna , rari , ma nascono nuovi vignaiuoli di talento che hanno studiato il mestiere dei maggiori e immesso la loro personalità . La seconda tappa è a Scurzolengo , da uno di questi , Nadia Verrua , una ragazza che assieme ai genitori continua le vigne di famiglia e oltre alla Barbera fa emergere due vini quasi sconosciuti , Ruché e Grignolino . Per qualche decennio la vigna continuerà a vivere . E il nostro giro si conclude a Variglie da un altro grande vecchio , Giuseppe Ratti , che ahimè , senza successori , diminuisce ogni anno le bottiglie . Siamo scesi a 600 (seicento) . Però se volete la grande Barbera di Asti dovete venire in aziende come questa . Vi racconto un grazioso aneddoto che spiega i vini che mi piacciono . Un ristoratore mi chiede qualche Barbera di Ratti . Va bene , te ne do cinque , ma fa attenzione a chi la servi , se uno è abituato a bere i benvestiti di oggi , difficili da distinguere dovunque nascano , ti dice che è cattiva . Le prime due vanno bene . Vedo la terza sul banco , quasi piena , a fianco un bicchiere , pieno anch’esso . Il cliente l’ha respinta , sa di tappo . Possibile . Permetti che provi ? Certo . Il vino sa solo di Barbera all’antica , ma se uno è abituato a bere plastica trova che puzzi .

Cremona 01 11 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ott 31 2010

i gonzi e il bunga bunga 01 11 2010

Published by under Berlusconi,Striscia Repubblica

I GONZI E IL BUNGA BUNGA

Cari lettori , se a volte do l’impressione d’essere un uomo , come dire ? forte , perché uso poche parole per spiegare un’idea , bene , vi sbagliate . Mi sento un genio solo quando leggo tipi alla Scalfari Eugenio , altrimenti i dubbi continuano a tormentarmi . Non lasciatevi sfuggire l’ultimo editoriale su Repubblica on line , lo conservano sotto teca per un po’ , dal titolo : il bunga bunga che segna la fine di un regno . Mi risponderete con sufficienza , ma è dal 1994 che lo ripete . Vero . Ma oggi la sua rabbia è tale che il Patriarca del buon governo di sinistra unita non lesina parole . Sentite come ci battezza in chiusura : si tratta di smantellare la “cricca” che da 15 anni non fa che rafforzarsi prendendo in giro i gonzi (noi che lo votiamo) con il racconto di un’improbabile favola a lieto fine . L’inizio , secondo il Patriarca , d’ora innanzi per brevità P , deve essere un governo di unità nazionale da Bersani a Casini , da Fini a Di Pietro . Mi permetto di ammonirlo , il P , guarda che stando ai giornali ci hanno già pensato , ma non gli tornano i numeri e in democrazia , purtroppo , il voto dei gonzi vale quello di Leonardo . Poi , caro P , ammesso che si riesca a formare questo Gabinetto di Salvezza Nazionale , prima o poi deve chiedere conferma ai cittadini , dove i gonzi , di nuovo , sono la maggioranza .
Non voglio annoiarvi , cari lettori , criticando ogni riga , tante , troppe , dell’ultimo elaborato del grande P : leggetelo , anche voi vi sentirete dei geni , come me .
Solo una noterella sull’ultimo caso , la piccola Ruby . Berlusconi dovrebbe stare attento : è l’italiano più spiato degli ultimi cent’anni e a quanto pare si ha il diritto di scattargli migliaia di foto anche quando è in casa sua . E non peggiori la situazione dicendo che tutto sommato fa cose che gli altri , per una questione di bon ton , fanno di nascosto . Si ricorderà pure del : tutti siamo eguali , ma qualcuno è più eguale degli altri . Come P predica su lui da sedici anni . Lui non deve modificare la comunicazione , Repubblica sì . Lui non deve evocare gli istinti peggiori del paese , i compagni sì . Lui non deve diseducare la massa (noi) da trent’anni : altri hanno questo compito . Lui non deve nascondere l’origine dei primi denari : P può nascondere quanto ha preso vendendo Repubblica al suo amico De Benedetti , l’unico tra i grandi ad aver inculato i risparmiatori spacciando a buon prezzo le azioni della new economy .
Insomma Berlusca , vuoi che te la dica tutta ? L’amico Emilio Colombo può mandare i poliziotti di scorta a comprargli la cocaina , e resta senatore . Tanzi ha imbrogliato e viene espulso dai Cavalieri del Lavoro .
Impara .

Cremona 01 11 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ott 30 2010

i signori della parola 31 10 2010

Published by under Berlusconi,Politica nazionale

I SIGNORI DELLA PAROLA

Dominano i fatti , anche , sostengo io , per l’ignavia di chi li ascolta . L’anno scorso Feltri scrive sul suo giornale che Boffo , direttore di Avvenire , lo prende nel culo . Dopo i rifiuti di cortesia il Vaticano ne accetta le dimissioni . Da allora tutti i signori della parola scrivono che Boffo è stato costretto da Feltri a lasciare Avvenire e nemmeno il più scalcagnato dei loro colleghi cerca di ribattere : non è così . E’ comodità , è viltà , è conformismo , menefreghismo , pigrizia ? Fate voi .
Berlusconi si esalta : amo la vita , in tutte le sue espressioni . Figuriamoci Santa Madre Chiesa Cattolica . Famiglia Cristiana e Avvenire (ex di Boffo) lo ammoniscono , un premier non deve dire certe brutte cose . Quelle che la stragrande maggioranza di noi , cosiddetti cattolici compresi , pratica appena riesce . Se la Chiesa dice qualcosa , anche nelle sue materie , come matrimonio e aborto , le bande guidate da Repubblica insorgono : non si permetta . Oggi ghignano soddisfatte .
La tensione continua a salire . Miccichè , politico siciliano beneficiato a lungo e in ogni modo da Berlusconi , fiuta il vento e : Silvio , cambia stile di vita !
L’arroganza di questi profittatori della Storia è ben dipinta dal Corriere di oggi . Massimo Franco si unisce al coro , partendo dal titolo : l’autunno del Governo , litania ripetuta con scarse varianti da sedici anni . Leggo per strada e quando arrivo a leggere “ma colpiscono le parole dure nei confronti del premier pronunciate dal suo amico e sodale Fedele Confalonieri e l’invito quasi brutale a cambiare registro e ad imparare dagli errori” , trasecolo . Anche tu , Bruto , figlio mio ? Ma l’intervista di Confalonieri è sul Corriere , qualche pagina dopo , e non ha assolutamente detto ciò che sostiene Franco ! Riportasse un servizio di altri giornali , o di giorni prima , la speranza di raccontare balle facendola franca ci sarebbe , ma che senso ha se non l’arroganza , scrivere quel che il lettore controlla dopo otto pagine ? Nemmeno i titoli , che spesso maneggiano i contenuti , modificano le parole di Confalonieri . Lo fa solo , ripeto , Massimo Franco in prima pagina , tanto per dire quanto è cambiato il Corriere , una volta il giornale della Borghesia , oggi a ruota di Repubblica .
Una conseguenza di tanta manipolazione della verità potrebbe essere la fine delle conversazioni , ognuno parla coi suoi perché non si fida più a parlare con gli altri !

Cremona 31 10 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ott 30 2010

la certificazione dei notai 31 10 2010

Published by under costume,Pubblica Amm.ne

LA CERTIFICAZIONE DEI NOTAI

Guai a dire ai notai che sono una casta stradifesa da quintali di leggi , guai a sostenere che un concorso pubblico come il loro dove il 20% dei vincitori è figlio o parente , è sospetto : sono loro a certificare l’esattezza d’ogni spizzico di vita , dietro compenso garantito dalla legge e che perciò non deve essere considerato eccessivo .
Ma siccome l’incidente , per definizione , non è mai prevedibile , guardate il putiferio in aula durante lo scritto dell’ultimo concorso : 3000 candidati hanno impedito la prova sostenendo che era già nota a una piccola parte di essi , immaginiamo quali .
Io sono certo trattarsi di proteste di gente che non si rassegna a perdere , non è possibile che una commissione d’esame composta da giudici , notai , professori d’università possa essere tanto negligente .
Da assegnare in un concorso così delicato un tema appena svolto da concorrenti che hanno seguito i corsi di un’ottima scuola . E raccomandata , suppongo .
Ma per dissipare i dubbi basta aspettare un paio di giorni . Se verrà prodotta da qualche Procura Straordinaria una telefonata di Berlusconi , bene , in caso contrario , nel silenzio , si aggiusterà tutto .

Cremona 31 10 2010 www.flaminocozzaglio.info

No responses yet

ott 30 2010

prometeo vacchelli 31 10 2010

Published by under Politica cremonese

PROMETEO VACCHELLI CONTRO IL NUCLEARE

Motta Baluffi , piccolo paese guidato dal cattocompagno Vacchelli Giovanni , sindaco di chi l’ha votato , forse con la spinta di qualche Aire , tuona contro il nucleare . I miei lettori sanno che in ogni situazione , anche la più scabrosa , cerco le parti belle , e qui non posso negare che il cattocompagno ha la capacità di apparire spesso in mezzo a consigli , comitati , conferenze , dove luccica a fianco di protestanti in servizio permanente effettivo , riciclati della politica , sapientoni d’ogni minuto etc etc , che in quanto ad abilità a risistemare il mondo sono più abili del gatto e la volpe di pinocchiana memoria .
Il nucleare , stabilisce il cattocompagno , è un pericolo , lo dicono tutti , anche il prete durante la messa e se il resto del mondo non capisce , con l’aiuto dei vari Pezzoni , Fiori , Alloni , Silla e via via scendendo fino ai locali rappresentati da Antonella Marca , glielo impareremo bene .
Della sua fede è certo , il cattocompagno , al punto di ammonire l’unico oppositore , Silvestro Caira , della Lega , vieni con noi , quella contro il nucleare non è una battaglia di partito , ma un’iniziativa trasversale . Sembra di udire Cristo parlare dalla montagna .
Ma per concludere , quando riesco scendo sul concreto , il cattocompagno al più è in grado di parlare professionalmente di ricambi d’auto , per il resto deve appoggiarsi a divulgatori di partito . Siccome il nucleare inquina , questa è la sua tesi , ma la dimostrazione è difficile anche per uno scienziato figuriamoci per lui , cominci dall’inquinamento palpabile , visibile , sotto gli occhi di tutti , nella golena di Solarolo ad esempio , dove pochi mesi fa il compagno Torchio denunciava una pericolosa presenza di arsenico . Se proprio i mezzi del Comune non gli consentono analisi costose vada almeno a dare un’occhiata ai fossi e al bodri , dove la presenza di elementi estranei è chiara anche a un cieco . Vada a vedere le costruzioni sull’argine maestro che lui autorizza , con l’aiuto dei suoi collaboratori , scambiando i muri e i pavimenti per tendoni .
Magari , parlando alla sua maniera di questi problemucci , riesce a convincere lo stesso qualcuno dei meno svegli dei suoi elettori .

Cremona 31 10 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ott 29 2010

famiglia cristiana 30 10 2010

Published by under religioni

FAMIGLIA CRISTIANA , LA REPUBBLICA DEI CREDENTI

Nessuno alla mia età mi farà cambiare uno stile di vita di cui sono orgoglioso . Sono un ospite unico , direi irripetibile , gioioso e pieno di vita : amo la vita e le donne . E’ il Berlusca e siccome dice a voce alta e chiara ciò che moltissimi vorrebbero ma non possono viene trafitto da più frecce che San Sebastiano martire .
Le palma dell’odiosità è da assegnare a Famiglia Cristiana . Ecco in sintesi : è malato e fuori controllo . S’è permesso ancora una volta di proclamare che nonostante l’età il sesso continua a piacergli , e si sa , il sesso è la linea Piave dell’ortodossia cattolica . Che da religione dominante s’è ridotta a contare i propri fedeli con le cartine geografiche invece che con la pratica : in Italia , è noto , siamo 57 milioni di cattolici , dei quali la maggioranza se ne sbatte le palle , la maggioranza degli ossequianti non rispetta una , una sola , delle regole che Santa Romana Chiesa ordina sul sesso . Perché non ce n’è una che rispetti la natura dell’uomo . Addirittura ci tocca sentire che è inutile regalare preservativi in Africa , essendo più sano morire , bambini compresi , di Aids . L’ipocrisia di Santa Romana Chiesa , per non parlare della pedofilia inevitabile conseguenza della sua cocciutaggine nel considerare il sesso un peccato , si esalta coi casi Boffo , licenziato da Avvenire perché diffamato da Feltri , non perché resa nota la sua condizione personale , conosciuta dai suoi capi ma ininfluente fin che Feltri non l’ha resa nota .
Anche se li abbiamo in casa , a Santa Romana Chiesa , che ha sempre ragione come il Buonanima , non passa per la testa di cercare di capire perché la stragrande maggioranza degli islamici sia credente e praticante . Non passa per la testa di cercare di capire perché nelle altre religioni i sacerdoti si sposano come qualsiasi cittadino . Addirittura , quando un curioso ignorante si permette di chiedere perché le donne non sono ammesse dal sacerdozio in su , ne spiega le ragioni risalendo al Padreterno .
Continuate , cari padroni della Religione , ogni secolo che passa la vostra presenza nella società si riduce sempre più verso il fondo , continuate , ce la farete ad essere ricordati come un curioso accidente della Storia .

Cremona 30 10 2010 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

ott 29 2010

il potere a chi parla e scrive 30 10 2010

Published by under Politica cremonese

IL POTERE A CHI PARLA E SCRIVE

Mettiamola così : i politici hanno il potere da chi vota . Chi vota è indirizzato dai persuasori . Occulti o chiari . Di conseguenza , per semplificare , decidano tutto i persuasori , sperando non litighino tra loro .
La battuta mi viene leggendo la stampa dei “libertari” , che spesso riescono a far fare un figurone alla Provincia .
Non avendo altri ossi da rosicchiare è ancora di scena la Fondazione Cremona . Il cui Consiglio sembra dover dimagrire a causa della cura Tremonti : da sette a cinque . Due devono rinunciare alla poltrona cui s’erano sacrificati per noi , e la voglia di sacrificio è tanta che non intendono rinunciare per alcun motivo . Così sostengono i persuasori . Che non avendo migliori argomenti si battono per la causa degli orfani . Mi spiego . Se c’è un Ente che più di altri ha un compito decisamente tecnico , trovare per distribuirli i migliori rendimenti da un patrimonio non meglio precisato ma che dovrebbe essere sui 100 milioni , questo è la Fondazione . Per cui gli amministratori più che tra gli amici dovrebbero essere cercati tra quelli bravi .
Invece la prima critica dei libertari è : via i politici , senza indicare naturalmente chi decide al loro posto . Poi in Consiglio deve esserci , Dio sa perché , un rappresentante della folta categoria degli orfani . Non un malato con la testa sana . Non un parente . Non un sanitario che sappia spiegare perché una cura e non un’altra . E via all’infinito , se è giusto che chissachi possa decidere chissadove .
I politici tutti soffrono di quella malattia chiamata arroganza del potere . Per fortuna Dio ha mandato certi giornalisti a curarla .

Cremona 30 10 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ott 29 2010

l’antifascista fini 30 10 2010

Published by under barzellette,Politica nazionale

L’ANTIFASCISTA FINI

Si sa , è storia , il convertito , specie se neo neo , è il peggior pasionario . Nessun stupore quindi la tesi di Fini che assoggettare il pubblico ministero al Governo è tornare al fascismo . Stupisce invece l’ignoranza nella sua peggiore forma , cioè la testardaggine di non voler imparare : esatto o meno che sia , il pubblico ministero è assoggettato al Governo in quasi tutto il mondo occidentale , cioè quello civile .

Cremona 30 10 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ott 29 2010

abuso di potere 30 10 2010

Published by under Berlusconi,sesso

ABUSO DI POTERE

E’ il titolo dell’ultima dissertazione del compagno D’Avanzo Giuseppe , puntista di Repubblica , sulle ragazzate di B . E avanti a ripetere la centesima volta la rava e la fava sugli amici del Berlusca , la mancanza di rispetto delle regole , il crepuscolo che dura da vent’anni etc etc .
Ma il titolo ispira la verità , senza perdere tempo a leggere l’intera litania : perché lui è potente e io no ? Tradotto nelle farsacce di pessima lega : perché lui ce l’ha sempre grosso e io no ?

Cremona 30 10 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

ott 28 2010

invidia 29 10 2010

Published by under Berlusconi

INVIDIA

E’ un brutto difetto , ma se un dio ce lo togliesse sparirebbero i comunisti e noi altri saremmo rivoltati come un calzino . Così si capisce perché Repubblica , Unità , il Fatto non si stanchino di denunciare le avventure di B con le minorenni .
B rifiuta di spiegare come fa .

Cremona 29 10 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Next »