Archive for gennaio, 2010

gen 31 2010

comici nati 31 01 2010

Published by under Striscia La Provincia

 

 

 

COMICI NATI

 

In apparenza seri , riescono a far ridere . I migliori . Sentite questa :

Il risultato fu il ritiro del magistrato e la vittoria di Pirro dell’apparato che riuscì a imporre la candidatura del sindaco uscente , ma che sette mesi dopo perse al ballottaggio deciso sul filo di lana .”

E’ Zanolli Vittoriano nel “Punto” di domenica 31 gennaio . Scrivere , è chiaro , non era il suo mestiere . Si distingue cosa vuol dire quindi va bene , direbbero i reduci del 68 . Certo , i suoni sono massacrati dal continuo ato ato ato , la lingua invoca un po’ di musica , poi secondo le regole della sintassi by Zanolli fu l’apparato a perdere al ballottaggio , secondo la storia Corada .

Ma il Punto vero di autentica comicità del Vittoriano è spacciare Corada per l’apparato , Beluzzi , la società civile . Corada chiese il giudizio dei colleghi , Beluzzi di Pizzetti .

 

Cremona 31 01 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

gen 30 2010

parolai continui 30 01 2010

Published by under costume,Politica cremonese

 

PAROLAI CONTINUI

 

Cronaca e Provincia la raccontano diversa ma se in Galleria , come non succedeva da anni , s’è reso necessario lo schieramento di decine di agenti , vuol dire che l’incontro dell’assessore Jane Alquati con i giovani presentava dei rischi . La trama è la solita : persone o gruppi decidono di incontrarsi , se i cioècazzocompagni stabiliscono che è loro dovere intromettersi per spiegare come stanno davvero le cose , non c’è santo che tenga , Genova 2001 etc insegnano , la società , che non potrebbe sopravvivere senza i loro ammaestramenti , deve permettere . Deve permettere solo in questo senso , perché non succede quasi mai che la destra vada a rompere i coglioni alle sante messe della Sinistra . La logica sta nei numeri : la sinistra ha sempre qualcosa di importante da dire e , per il bene della società , non ce la fa a trattenersi .

Quisquilie come il costo materiale e morale della forza pubblica non contano , tutto a carico dello Stato , cioè nostro , tipico di chi la ricchezza non la crea , la distribuisce , naturalmente a modo suo .

Andando giù piatto , i cioècazzocompagni qualcosa potrebbero sopportare , non certamente il successo di un giovane assessore , deciso , di destra , per giunta donna e bella .

Il loro ideale di donna in politica è noto : Rosi Bindi , eterna seconda , o terza , dietro tanti maschioni . Che festeggeranno tutti gli otto marzo .

 

Cremona 30 01 2010 www.flaminiocozzaglio.info

 

One response so far

gen 30 2010

l’apertura dell’anno giudiziario 29 01 2010

Published by under Berlusconi,Giudici

 

 

L’APERTURA DELL’ANNO GIUDIZIARIO

 

E’ una recita di banalità obbligatorie , ma ogni tanto viene usata come strumento di lotta . Quest’anno i giudici abbandoneranno le aule come prenderà la parola il rappresentante del governo . Che se avesse un poco di dignità non entrerebbe nemmeno . E’ chiaro che in situazioni complesse ciascuno ha responsabilità ma che i signori magistrati , padroni incontrollabili dei processi , non ritengano mai di averne , si può definire in tanti modi , il più esatto mi sembra : osceno . Cinquant’anni fa quando Berlusconi era ancora a scuola i processi andavano come oggi , non finivano mai . Il magistrato italiano è un professionista che per una malsana applicazione della legge non risponde del suo operato , cioè la sentenza . Che anche quando finisce sui giornali come barzelletta , e capita di frequente , al massimo viene riformata in appello , salvo , è chiaro , sia la definitiva . Senza che a lui debba capitare nulla . Azzardato che sia il ragionamento deve essergli garantito il diritto a seguire il suo cammino intellettuale , come un astrattista d’arte moderna . Naturalmente in nome del popolo , che a volte non è in grado di capire , a volte nemmeno decifrare la lingua . Per citare un classico , in sentenziese non si scrive “dava una coltellata” , ma “ attingeva con un colpo di coltello” .

Ho ripetuto un sacco di volte che Berlusconi è proprietario di grandi mezzi di comunicazione ma non è grande comunicatore . Giudici comunisti , nel senso asserviti a un partito , ce ne sono pochi . Ce n’è invece un bel manipolo di asserviti a se stessi , alla voglia di apparire , di essere originali , di usare il tribunale come palcoscenico . Comportamento che usano in qualsiasi processo , fuori dalle aule , che quasi mai finisce sui giornali perché riguarda cittadini comuni .

A difesa della Giustizia la Corte d’Appello di Brescia escluse l’omicidio volontario di una donna che piantò un coltello nella gola del marito . Il Procuratore non fece ricorso e la sentenza fu definitiva .

I giudici non insultano mai , almeno direttamente .

La Cassazione assolse Pietro Ricca , che incontrato per caso Berlusconi in tribunale lo aggredì a urla “buffone , fatti processare , rispetta la legge o farai la fine di Ceausescu o don Rodrigo” . L’unica parola ingiuriosa è “buffone” , ma va inserita nel contesto . Ricca , che non è ostile a Berlusconi , ha usato il tribunale come sede idonea a difendere i principi della democrazia , e non solo , ha esercitato un doveroso diritto di critica verso chi causa polemiche e contrasti . Più c’è aperto dissenso , più è giustificata la durezza della critica , e in questo caso ne è stata accertata l’utilità sociale . Se non credete alle mie parole consultate google alla voce “Pietro Ricca” .

Giudici di Cassazione , cioè gli istruttori dei colleghi . Se non fosse una faccenda tremendamente seria ci sarebbe solo da ridere .

 

Cremona 29 01 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

gen 30 2010

compagni , sempre compagni 29 01 2010

Published by under Politica cremonese

 

 

COMPAGNI , SEMPRE COMPAGNI , FORTISSIMAMENTE COMPAGNI

 

Da anni glielo ripetono perfino i loro più sgaggi , piantatela di fare i portatori di morale , i sapientissimi : riuscite solo a rendervi antipatici , specie quando incespicate in qualche bolognata . Ma se a Roma perfino gli ex Dc Bindi e Franceschini cambian natura da sembrare più rossi dei semprerossi , è la prassi del convertito , in provincia dove tutto è piccino dilaga solamente il ridicolo . Pizzetti illumina : in ferrovia ha insegnato a Formigoni che i cremonesi per andare a Roma possono fare un salto a Piacenza . Già che c’era doveva consigliare l’auto , specie ai gruppi . Per essere completo , oltre all’importanza dell’acqua calda , ricorda che sarebbero necessari collegamenti con Parma Fidenza Brescia . Ma il padrone di Trenitalia non è l’ex cigiellino compagno Moretti ?

Gli allievi riprendono fiato . Sui giornali amici e pagati con soldi pubblici , in primis Welfarecremona , Mariella Laudadio invita i nazifascisti a non uccidere più sei milioni di sottouomini ; il comandante Fogliazza predicherà al liceo artistico Munari sullo stesso argomento ; Rino Zurpa innova , chiede “quanti processi di Norimberga dovremmo celebrare per condannare tutta la cieca , orrenda , abominevole violenza umana” .

Oreste , se vuoi sfoltire i piccioni , attento , come la Procura cessa gli impegni al canile le potrebbero suggerire qualcosa di antipatico .

 

Cremona 29 01 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

gen 28 2010

lega 27 01 2010

Published by under Politica nazionale

 

 

LEGA

 

Union Valdotaine e Sudtiroler Volkspartei sono partiti che esprimono la tradizione e il territorio , la Lega una raccolta di razzisti egoisti . Perché ? Essendo soprattutto la definizione dei sinistri bisognerebbe chiederlo a loro . Certo , da gesuiti dell’evo moderno darebbero risposte sfuggenti , a cominciare dalla famosa del ribaltone , quando il compagno D’Alema giudicò Bossi un grande politico . Certo , i sinistri sono quelli che rompono i coglioni al mondo per ricordare i sei milioni di ebrei assassinati da Hitler , dei cento e passa di ogni razza e paese sterminati da loro bisogna fare dei distinguo , per lo più si tratta di eccessi imputabili a casi contingenti . E poi mancava la volontà di far male .

Il limite maggiore che io , berlusconiano convinto , trovo nella Lega , è proprio nell’obiettivo , cristallizzare le posizioni per cui chi sta bene starà meglio , chi no , si arrangi . Ma chiunque mi può ribattere , e non saprei cosa dire : è quello che succede nella vita di tutti i giorni tra la maggior parte delle persone . Conosci qualcuno disposto a regalare del suo a chi ha meno ? Non mi piacciono i modi , a volte sembrano voler provocare . Un deputato chiede la censura di alcuni passi del diario di Anna Frank perché scabrosi : giudizio che tecnicamente ci può stare ma in ben altri contesti storici .

Detto tutto il male che posso dei nostri colleghi di strada ammetto che son gli unici a parlare alla gente , come facevano 50 anni fa democristiani e comunisti . Gli altri , Pdl compreso , espongono le loro idee . Il popolo sono loro , non noi . Se a volte li accusiamo d’essere eccessivi , non facciamo gli ipocriti , parlano a nome dei cittadini che noi fingiamo d’aver consultato . Se siamo convinti che i cittadini sbagliano , bene , troviamo il coraggio di scendere in strada come loro e tirarli dalla nostra parte . Comodo , fin che dura , parlare dalla cattedra .

Anche questo sarà un limite , ma trovate un politico della Lega che nella vita non sia un uomo comune , come la maggior parte di noi . Negli altri partiti , tolta la ributtante percentuale di politici di professione , sono in genere notabili . Cos’hanno provato del cittadino che tutti i giorni prende il treno per Milano . Loro al massimo vanno ogni tanto a Roma in pendolino .

Ripeto , non sono un leghista mascherato , oltre a votarlo ammiro B , fosse vissuto due millenni fa Plutarco l’avrebbe messo nelle “Vite parallele” , magari assieme a Crasso . Ma la Lega manda un segnale vero , la politica si fa prima di tutto in mezzo alla gente .

 

Cremona 27 01 2010 www.flaminiocozzaglio.info

 

2 responses so far

gen 28 2010

le termopili di cremona 27 01 2010

Published by under Pubblica Amm.ne

 

 

LE TERMOPILI DI CREMONA

 

Per fortuna non è morto nessuno , ma le multe sembra siano ben oltre il classico : trecento . In un blog e argomento come questi è fuoriposto discutere di legittimità , poteri , doveri , etc , lasciamoli a chi si riempe la bocca di sociale per fare poi ciò che vuole . Andiamo al sodo . Mettere una tagliola 15 metri prima della svolta in via Gerolamo da Cremona è per me sicuramente frutto di disattenzione , ma a chi paga interessa poco se è così , se incompetenza , voglia di far soldi etc perché tutti motivi ricorrenti nella pubblica amministrazione .

E’ certo che la nuova giunta vuol parlare ai cittadini , non ammaestrarli come pretendeva la vecchia . E parlare vuol dire una volta ciascuno . Anche la franchezza di dire : sono bravo se sbaglio meno degli altri . Conclusione , non per scavalcare l’ottimo Zagni , ma abbiamo vinto nel nome di Oreste , che deve avere il coraggio di mandare alla città , senza fronzoli , un messaggio del genere :

E’ chiaro che abbiamo sbagliato la posizione del varco di corso Mazzini/via Gerolamo da Cremona , dando fastidio sotto tutti i punti di vista ai cittadini senza vantaggio per la città . Difficile che sia , spetta a noi correggere l’errore , come qualsiasi professionista serio . Per adesso , cari cittadini , nostri elettori e no , chiediamo scusa e raccomandiamo , non pagate le multe prese in quel settore . Gli uffici del Comune sono aperti per rimediare questo e , speriamo pochi , altri errori .

 

 

Cremona 27 01 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

gen 26 2010

bravo max , non cedere 26 01 2010

Published by under Politica cremonese

 

 

BRAVO MAX , NON CEDERE

 

I grumi libertari multifaccia sempre composti da compagni e ossequianti strillano ogni dove che il grande Max (Massimiliano Salini) li tratta come una partita della sua amministrazione : se hanno titolo e merito concede , altrimenti non se ne parla . Il più comico è il Comitato per la difesa e lo sviluppo della Democrazia . Il nome dice tutto . Per gli altri basta consultare la fila su Welfarecremona , il blog di sinistra che vive sulla pubblicità di aziende pubbliche che non ne hanno alcun bisogno , ma se andava bene per Corada ieri , per Oreste oggi , vuol dire che è democrazia .

Sentiamo le accuse al grande Max . Viva deplorazione per il rifiuto finora opposto alle richieste di convocare il Comitato …si tratta di un grave atteggiamento ….non tiene in considerazione reiterati pronunciamientos di forze politiche , di organizzazioni sindacali , di importanti espressioni dell’associazionismo cremonese , tra le quali le associazioni partigiane ….i valori dell’antifascismo , della democrazia e della libertà ….la positiva esperienza dei Viaggi della Memoria …. i milioni di vittime della shoah .

Basta contare lo spazio occupato dalle proteste per capire che vogliono i soldi dei Viaggi della Memoria , è chiaro , in nome della libertà , dell’antifascismo e della democrazia .

Dato che il silenzio è una forma di comunicazione a volte molto efficace io sono d’accordo col grande Max , che mi sembra crescere ogni giorno : lasciali parlare , tanto su questi argomenti si parlano e si ascoltano tra loro .

Però potrei anche sgurarmi i denti : se condensi il loro pensiero , notte e giorno si battono per la democrazia , ce l’hanno col nazifascismo non in quanto tale ma perché distruttore , appunto , di ogni forma di democrazia . Li prendo in parola : li convoco in corso Vittorio Emanuele , di fronte alla Provincia , davanti alla gente , li invito a lapidare tutti , ma proprio tutti , i sistemi che ancora oggi negano la democrazia e che dalla loro nascita hanno ucciso mille volte che Mussolini . Se superano l’esame , grande Max , pagagli pure il viaggio in qualche lager della Siberia .

 

Cremona 26 01 2010 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

gen 26 2010

ospizio soldi 26 01 2010

Published by under Politica cremonese

 

 

OSPIZIO SOLDI

 

Non chiediamoci perché , la stampa indipendente cremonese sospende qualche minuto i bombardamenti sulla destra . Chiede se è stata esatta la vendita degli immobili donati nel tempo per sistemare l’ospizio . Cominciata nel 2004 da Maura Ruggeri , DS , e praticamente finita perché restano solo due o tre sedie . Le bombe sono di due tipi . Strutturali , chi comanda oggi nella gestione del patrimonio (che non c’è più) ? Morali , adesso sono spariti tutti i beni a garanzia . Io non trovo nulla di anormale nella vendita di immobili per rinforzarne altri . Operazione comune in ogni azienda privata . Che però ne risponde agli azionisti . Per il Soldi si tratta di 20 milioni di euro , secondo me , se il giornalista vuol meritarsi i gradi non deve scrivere sonetti , carta e penna controlla se la vendita e la ristrutturazione valgono davvero i soldi . Non voglio sostenere sia garanzia di successo , almeno di buona volontà . Cito a spanne , non ho voglia di scendere in cantina e rovistare nell’archivio . Nel 2003/4 leggo che l’ospedale vende 175 pertiche golenali a Spinadesco , base d’asta 20 000 euro . Poiché di queste 50 prendono la Pac scrivo a un giornale , diretto da Vittorio Lusvardi , che il valore dovrebbe essere almeno dieci volte tanto . Vengono vendute a 43 000 . Esposto in Procura . Anni dopo scopro come Padula fece l’indagine . Spedì la Giudiziaria all’economato dell’ospedale per “assumere” informazioni . Ovvio che la risposta sia stata : nessuno la voleva , l’abbiano data a quel prezzo . Esposto archiviato con la nota : Cozzaglio si limita a riferire chiacchiere .

 

Cremona 26 01 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

gen 26 2010

delbono e la figa 25 01 2010

Published by under donne,Politica nazionale

 

 

 

DELBONO , SINDACO COMUNISTA DI BOLOGNA , LA FIGA

 

Se i sinistri avessero una coscienza eguale per tutti sarebbero costretti ad ammettere che i peccati di figa non li commette solo B , a palazzo Grazioli , casa sua . Ma lasciamogli il tempo della digestione e saremo sommersi dai distinguo . Anche se è il tipico quadro in cui la vita imita l’arte , in un lampo la profondità e l’immediatezza dell’espressione . La cornice , non raccontino balle , tutti nell’ambiente sapevano . Compagno in vista , se la spupazzava da anni in giro per il mondo a spese della comunità , ma , proprio come ai tempi di Togliatti/Nilde Iotti , obbligo il silenzio . Siamo di sinistra , che diamine !

Non c’è bisogno di molta fantasia , bastano le foto di lei , il tempo fa i primi guasti e lui si stufa . La rispedisce a fare la centralinista . Perché in nome della parità s’è ben guardato dal mettersi , lui professore universitario prestato alla politica , con una pari che poteva , lei , prendere l’iniziativa e mandarlo al diavolo . No , una bella e basta in grado di meravigliare spalancando le gambe . Poi avanti un’altra , magari più discreta , che non faccia scandali al momento della staffetta . Non è solo degli arrivisti , ricordo Gianni Brera , amante dei vini giovani , perché quelli vecchi puzzano , come le donne vecchie . Potremmo andare avanti un pezzo sulla malsana relazione tra maschio e femmina , tentando di consolare lei , andata bene vivere in occidente invece che in Mussulmandia . Potremmo noi di destra render la paga ai moralisti perpetui di sinistra . Che tra poche settimane intoneranno le litanie dell’otto marzo .

Ma non scendiamo sul loro terreno , a quisquiliare sul conflitto maschio/femmina . Il problema è ben più vasto , abbiamo lottato secoli , noi mondo occidentale , per proclamare l’eguaglianza di tutti , nobili e no , ricchi e no , forti e deboli , stupidi e intelligenti , uomini e donne . Uguaglianza che ci ha portato oggi , in occidente , all’età dell’oro , sognata millenni . Per dirne una , debole che il debole sia , basta consumi perché la ricchezza si ricrei . Per tutti . Oggi un ricchissimo per esistere ha bisogno di una folla di benestanti . Ma soprattutto il più misero di noi è un essere umano , ha diritto a dire , non è più solo un essere animato . Strano che sembri , l’uomo che maltratta la donna solo perché è una figa crede di togliere a lei ma se riflette si accorge di togliere a se stesso , rovina una parte del suo mondo . Per questo noi di destra saremmo stupidi e suicidi a infierire sui sinistri , meglio lottare per i principi della civiltà tanto comuni alla nostra storia e penetrati nel nostro intimo da non poterli negare , anche se in un momento ci sembrasse comodo . Se vogliono , ci seguano .

 

Cremona 25 01 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

gen 25 2010

nuzzo 25 01 2010

Published by under Giudici,Politica cremonese

 

 

 

 

NUZZO

 

Se non vi piacciono le mie idee , se vi infastidisce la mia continua presenza , cari colleghi di destra , mandatemi al diavolo , su questioni tecniche sono l’uomo meno permaloso di Cremona : sarò sempre con voi , vinti o vincitori . Ma insisto sull’importanza dell’immagine . Quando si chiede il voto , il cittadino Leonardo vale il cittadino Coglionazzi Astolfo , né più , né meno .

Ecco il nostro : non perdiamo tempo a chiederci perché i direttori della Provincia si diano le consegne , spazio , sempre spazio a Nuzzo , possibilmente a colori . Anche su giornali importanti è riuscito a farsi passare per il sindaco anticamorra , che rischia la vita ma gira senza scorta . E’ stato recentemente messo a posto da chi può e deve , ciononostante La Provincia gli ha dato modo di accusare Maroni e Bertolaso . Il nostro , per farsi notare , le prova tutte . Domenica alle 11 girava in centro col cappotto sopra tuta e scarpe da runner di colore elettrico . Sento anch’io i giudizi di chi è in grado di pensare , ma leggo lettere a suo sostegno di persone che evidentemente , e con pieno diritto , come quando si vota , la pensano in altro modo .

Se si presenta al voto , cari colleghi di destra , ne raccoglie un sacco . Chiediamoci perché .

 

Cremona 25 01 2010 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Next »